la-storiella-la-campana-e-il-coraggio-politico-che-ci-manca
Joe Biden, tutt'altro che 'sleepy' (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
23 min

L’Urc2022, Cassis e la Storia

C’è stato Marignano, certo, ma ora c’è Mariupol: il Consiglio federale ha avviato de facto una revisione della politica di neutralità
Commento
23 min

Fedez e la Corte Suprema dentro di noi

Gli scempi in nome dei vecchi valori di una volta sono sotto gli occhi di tutti, ma per ergerci a giudici ci basta che un rapper non conosca Strehler
Commento
2 gior

Passeggiata scolastica e crepe nella collegialità

La rituale gita del Consiglio federale fa dimenticare le dissonanze in seno all’Esecutivo emerse a più riprese negli ultimi tempi
L'analisi
3 gior

L’inflazione segna la fine del paradigma ‘a bassa cilindrata’

Buona parte degli economisti sostiene che i rincari sono determinati dall’eccesso di denaro in circolazione, confondendo l’effetto con la causa
Commento
3 gior

Bisogna sconfiggere Putin, non Dostoevskij

Il ministero ucraino della Cultura ha deciso di censurare musica e letteratura russe. Dimenticando che la cultura non fa la guerra
Commento
4 gior

Wonder Woman e il pianoforte a coda abitano nel Luganese

Un annuncio di lavoro richiede alla babysitter doti linguistiche, gastronomiche, pedagogiche, musicali, antropologiche, mediche e non solo
Commento
6 gior

Dopo aver corso per Totti, ora Tommasi corre per Verona

L’ex calciatore della Roma diventa sindaco alla guida di una lista civica appoggiata dal centro-sinistra. Una figura atipica nella politica italiana
Commento
1 sett

La Corte suprema Usa e i suoi imam

Stati a guida repubblicana lancia in resta dopo la sentenza anti-aborto. Dietro c’è una strategia a lungo e tenacemente perseguita
Commento
1 sett

A scuola di TiSin (elogio del cazziatone)

Le motivazioni della sanzione a una delle aziende di Ticino Manufacturing per aver aggirato il salario minimo lasciano aperta la questione politica
laR
 
04.05.2021 - 05:30
Aggiornamento: 12:19
di Silvano Toppi

La storiella, la campana e il coraggio politico (che ci manca)

Del presidente americano Biden la rivoluzionaria svolta: 'È tempo di costruire un’economia che cresca dal basso verso l’alto'

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

Non è che stia formandosi un nuovo partito delle tasse. Quella è tutt’al più una conseguenza. La controtendenza sta altrove. Sta nella dichiarazione di fallimento di una dottrina, diventata illusione o inganno, che anche noi ticinesi, facili all’importazione di idee-forza che dovrebbero trarci dal pelago alla riva o alle promesse dei novelli Tavannaray dei bitcoin, abbiamo esaltato.

Del presidente americano Biden la rivoluzionaria svolta sta nella dichiarazione solenne “it’s time to change the paradigm”, è tempo di cambiare il paradigma, seguita dall’altrettanto importante promessa: “È tempo di costruire un’economia che cresca dal basso verso l’alto”.

Il paradigma sta in una storiella e in una campana. La storiella dice che è giusta e buona cosa favorire la ricchezza e i ricchi, non disturbandoli con regole o con il fisco, perché tutto finirà per sgocciolare da loro (trickle down) su chi ha meno. Per due motivi ovvii: i ricchi consumeranno di più, e aumenteranno quindi domanda e attività produttiva; inoltre godendo essi di maggiori capitali, non sottratti dallo Stato con il fisco, investiranno nella struttura produttiva, rafforzeranno la competitività per i minori costi, la ricerca, creeranno lavoro. La campana (detta curva di Laffer, dal nome di un economista che l’avrebbe disegnata su un tovagliolo a due portaborse di Reagan) voleva significare che esiste un tasso di imposizione sulla ricchezza che diventa dissuasivo; superato quel tasso (quell’apice della curva) succede il finimondo: voglia di evasione fiscale, riduzione dell’attività economica, entrate fiscali che diventano inversamente proporzionali al tasso di imposizione (più sale, più scendono).

Nel nostro piccolo, abbiamo creduto e applicato anche in Ticino da lunghi anni, in maniera monotona e ripetitiva, quel paradigma.

Si sono moltiplicati gli studi negli ultimi tempi per sostenere e dimostrare che storiella e disegno non hanno funzionato come si credeva. Persino papa Francesco ha scritto (Tutti fratelli): finiamola con questa “fiducia grossolana e ingenua”. Basterebbe forse citare il recente studio (dicembre) della prestigiosa London School of Economics su 18 paesi sviluppati (dall’Australia agli Stati Uniti) che hanno adottato quel “paradigma” a partire dal 1982. Le conclusioni sono lapidarie: il maggior mutamento verificatosi consiste sempre nell’accumulo molto più veloce (much faster) di altra ricchezza tra i già ricchi; la classe media non ne ha tratto vantaggio, sono anzi aumentati in misura esacerbante (exacerbate) le ineguaglianze e l’indigenza, anche perché di fronte a un reddito del lavoro stagnante, aumentano sempre i costi per la salute, per l’alloggio e per l’educazione; dopo cinque anni di applicazione della teoria del trickle down, si rileva come il reddito lordo pro capite delle economie domestiche non è variato. “In base alla nostra ricerca possiamo arguire che quel paradigma è assai fragile (weak)”.

“Abbiamo ormai constatato più e più volte che queste ricadute della ricchezza non funzionano”, ha sentenziato Biden. Quel coraggio del politico che ci manca.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
joe biden papa francesco
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved