non-abbandoniamo-rete-due
Rete due, presto solo musica? (Archivio Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
15 ore

La Corte suprema Usa e i suoi imam

Stati a guida repubblicana lancia in resta dopo la sentenza anti-aborto. Dietro c’è una strategia a lungo e tenacemente perseguita
Commento
2 gior

A scuola di TiSin (elogio del cazziatone)

Le motivazioni della sanzione a una delle aziende di Ticino Manufacturing per aver aggirato il salario minimo lasciano aperta la questione politica
Commento
2 gior

M5S, la diversità di essere uguali

Lo strappo di Di Maio ci fa vedere in controluce il mondo quasi alieno e tutte le bugie che il Movimento ha raccontato prima di tutto a sé stesso
l’ospite
3 gior

Le conseguenze della guerra

Commento
3 gior

Magistratura, se la politica non fa i compiti

Riorganizzazione della Procura: a un anno e mezzo dal mandato conferitole dal Gran Consiglio, dalla commissione ‘Giustizia’ finora nulla di concreto
Commento
4 gior

Calcio femminile a maturazione lenta

I premi provenienti da Fifa e Uefa saranno equiparati per uomini e donne, ma la parità salariale è ancora lontana
Commento
4 gior

Targhe e arte della politica: la vittoria Ppd, la sconfitta Plr

Sulle imposte di circolazione il compromesso i popolari democratici l’hanno raggiunto con la sinistra, non coi liberali radicali. Appunti per il futuro
Commento
5 gior

Giochi di potere a Wimbledon

La politica ha avuto un ruolo nell’esclusione di tennisti russi e bielorussi, Atp e Wta hanno risposto togliendo i punti e inguaiando molti giocatori
Commento
6 gior

Lite Di Maio-Conte, i grillini si sfarinano

Ormai il Movimento 5 Stelle pare condannato alla scissione e a un destino di battibecchi da partitino minore
Commento
1 sett

Ha vinto solo Marine Le Pen

La Francia entra da oggi nell’era della politica liquida, del pericoloso disorientamento e del disincanto: 3 giovani su 4 non si sono recati ai seggi
laR
 
05.12.2020 - 06:00

Non abbandoniamo Rete Due

Dalla rete culturale rischiano di sparire approfondimenti e attualità: la Rsi prevede una forte riduzione del parlato, praticamente un canale di sola musica

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

Capita ancora di trovare, ad esempio appiccicati a qualche lampione, gli adesivi della campagna No Billag: “Non abbandonarmi: il 4 marzo vota NO” e poi “Grazie 92’936 volte”. Ci permettiamo di riprendere quegli slogan per un pacato, ma fermo, “Non abbandoniamo Rete Due”.

Perché sembra proprio questo il rischio che corre la rete culturale: essere abbandonata, rinunciando ad approfondimenti e dibattiti, alle trasmissioni di attualità culturale, perdendo le competenze e le sensibilità di chi vi lavora. L’operazione di riorganizzazione, su cui da tempo circolano voci sempre minimizzate dalla direzione, è stata finalmente presentata internamente alla Rsi e non sembra per niente un semplice profilamento delle identità delle tre reti, un chiarimento delle linee editoriali o un adeguamento dell’offerta al trasformato mercato mediale.

Non si tratta di caratterizzare maggiormente Rete Due come “la rete musicale”, ma di far quasi sparire il parlato, incluse le recensioni discografiche e le presentazioni dei concerti. Le percentuali annunciate sono di un 90% musica e 10% parlato: sei minuti ogni ora, un paio d’ore nell’arco della giornata. C’è, pare di capire, un margine di discussione, ma anche immaginando di raddoppiare il parlato inizialmente previsto, rimarrà ben poco della ricca offerta attuale. Nel romanzo distopico ‘Vox’, Christina Dalcher immagina che un governo misogino imponga alle donne un numero limitato di parole, perché senza poter parlare si perdono la libertà e l’umanità. Non siamo ovviamente a questi livelli – anche perché alle parole si sostituirebbe una cosa altrettanto importante: la musica –, ma una riflessione si impone.

I motivi dietro questa operazione sono infatti noti: da una parte l’esigenza di fare economie, perché se la votazione per abolire il canone è stata respinta, il mercato pubblicitario è in continua contrazione e si impongono tagli anche dolorosi; dall’altra parte ci sono le nuove abitudini del pubblico, i nuovi linguaggi della multimedialità e delle reti sociali, per cui al tradizionale appuntamento con la rubrica radiofonica si affiancano streaming, podcast, post. Un cambiamento, o meglio un insieme di cambiamenti, nell’offerta e nel modo di lavorare è quindi necessario. L’obiettivo però dovrebbe essere “cambiare tutto per non cambiare niente”, trovare un modo per portare al nuovo pubblico i contenuti e la qualità raggiunti negli anni da Rete Due. Ma creare una rete prevalentemente musicale, sperando di riuscire a traghettare su Rete Uno o magari Rete Tre una parte di quell’offerta, è più una rinuncia: si chiede al pubblico di fare a meno delle specificità dell’approfondimento e dell’attualità culturale, di quello sguardo sul mondo importante e complementare all’informazione e all’intrattenimento. Certo ci sono i nuovi canali digitali, innanzitutto bisogna chiedersi in che misura podcast e streaming possano sostituire la dimensione collettiva della radio lineare. Problema che rischia comunque di passare in secondo piano, dal momento che senza un’offerta tradizionale solida e strutturata, difficilmente si riuscirà a costruire qualcosa di davvero interessante: si può ragionare sui nuovi formati, ma senza contenuti forti il rischio di fare un esercizio sterile è alto.

Rete Due è un patrimonio: per preservarlo sarà certamente necessario “metterci mano”, cambiare delle cose. Questo “metterci mano” non può però essere una ritirata.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
rete due rsi solo musica
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved