laRegione
pompe-funebri-fra-lutti-direttive-e-limiti
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
14 ore

Spiare il cellulare del partner e la coppia scoppia

Ossessive forme di controllo che possono venir scambiate per manifestazioni di affetto, ma in realtà sono fastidiose invasioni dell’intimità altrui
L'analisi
1 gior

Social, ipocrisia e doveri della politica

La mancata trasparenza sulla fattura dei vaccini come l'immunita per messaggi diffamatori sui social chiamano in causa le responsabilità della politica.
Sguardo a Nord
1 gior

Vecchi vaccini, nuovi vaccini

Quando un buon libro diventa un toccasana per la mente e lo spirito in tempo di pandemia
Commento
3 gior

Negozi chiusi e scuole aperte (per la salvaguardia di tutti)

La scuola, soprattutto in questo momento così delicato, è il principale ‘antidoto’ per i nostri giovani contro il Covid
DISTRUZIONI PER L’USO
3 gior

Partire da Arbasino per spiegare Renzi (o almeno provarci)

Non è che certe rivendicazioni del Bomba siano sbagliate, anzi. Il problema è che quel bischero si crede Gesù
Commento
4 gior

Rsi e il cambio di rotta del progetto Lyra

Niente più 90% musica 10% parlato, nel futuro di Rete Due. Una vittoria per chi era preoccupato per il ripensamento dell'offerta audio Rsi?
Commento
4 gior

Sedicenti onnipotenti a Palazzo di giustizia

La riammissione dei praticanti nei processi ci porta a una serie di riflessioni e soprattutto di domande sul Tribunale penale cantonale
Commento
5 gior

L'azzardo secondo Matteo

A Matteo Renzi non riesce l'azzardo, e in caso di elezioni a giugno rischia la débâcle. Ma la paura dei parlamentari di perdere il seggio potrebbe salvarlo
Commento
5 gior

Un mini lockdown per evitare una terza ondata

Per mitigare gli effetti economici negativi la Confederazione allenta i criteri di accesso ai fondi per i casi di rigore. Potrebbe non bastare, però
Commento
27.11.2020 - 06:100

Pompe funebri fra lutti, direttive e limiti

Il rischio di una falsa immagine delle aziende dopo le incomprensioni con il medico cantonale sul trattamento delle salme Covid-19

Che significato ha un lutto per un’azienda di pompe funebri? È la prima domanda che dobbiamo porci riguardo allo scambio di vedute fra l’Ufficio del medico cantonale e l’Associazione ticinese impresari di onoranze funebri sul tema delle nuove disposizioni federali in materia di trattamento delle salme Covid-19.

Come si potrà leggere alle pagine 2 e 3, momenti di incomprensione sono nati fra il medico cantonale e la categoria dei “becchini”, come ancora li chiama qualcuno, in merito all’esigenza di restituire un commiato più partecipativo, più “umano”, visivo, alle famiglie che hanno perso un loro caro a causa del virus. Giorgio Merlani, seguendo le indicazioni dell’Ufficio federale di sanità pubblica, all’inizio della seconda ondata ha invitato le pompe funebri a tornare sia a trattare le salme, sia a comporle in bara aperta. Questo, naturalmente, con tutte le precauzioni del caso; quindi prima proteggendosi con il materiale sanitario in dotazione, poi isolando il feretro per evitare qualsiasi contatto diretto fra il defunto e chi lo piange. La richiesta ha tuttavia provocato la reazione delle aziende, alcune delle quali (fra cui tutte le più importanti del cantone) si sono dette preoccupate sia per le modalità di presa a carico dei corpi nelle strutture medicalizzate, sia per quelle di preparazione delle salme “a livello igienico e di vestizione”. Alla base delle preoccupazioni c’è una mancanza di informazioni chiare su cosa mai sia cambiato oggi rispetto alla primavera scorsa, quando la situazione sanitaria era sostanzialmente la stessa ma le restrizioni pressoché totali. Perché prima non si poteva e oggi sì?

Torniamo alla domanda iniziale: cos’è il lutto, ogni singolo lutto, per un’azienda di onoranze funebri? Pensiamoci: è presa a carico della famiglia, è ascolto, consiglio e consolazione. È, il più delle volte, conoscenza della famiglia stessa, ivi compresa la persona defunta. Il lutto è anche presa a carico della salma e delle aspettative dei familiari riguardo al commiato che le si vuole dare; è presenza emotiva costantemente soppesata, in tutte le situazioni, dall’annuncio della morte alla cremazione o alla sepoltura, con tanto di appoggio tecnico, in equilibrio fra partecipazione e commercio, nella scelta di bara o urna. È sapere o dover capire chi si ha di fronte e di cosa può avere bisogno. E tentare di agire di conseguenza. Tutto questo giornalmente, per centinaia di volte all’anno, passando dalle sofferenze di un lutto a quelle del lutto seguente. E sono nonni, padri e madri. Qualche volta sono figli.

Possiamo quindi solo immaginare cosa significhi per un’azienda di pompe funebri dover interloquire criticamente con chi in qualche modo le chiede di fare di più per le famiglie che hanno perso una persona cara. E, facendolo, doversi giustificare con il timore per la salute dei propri collaboratori, o con quello di possibili quarantene aziendali problematiche non soltanto per l’impresa stessa, ma anche per l’impalcatura sociale che ognuna di esse è chiamata a sostenere. Il rischio è che da queste incomprensioni si possano desumere disinvoltura, o, peggio, egoismo. Francamente, non ci sembra il caso.

© Regiopress, All rights reserved