laRegione
per-un-dibattito-responsabile-evitiamo-i-complottismi
Manifestanti polacchi contro Bill Gates, accusato di aver inventato la pandemia per imporre vaccini (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
13 ore

Conti del Cantone e Covid, meglio attendere

La tregua politica sul Preventivo 2021 non reggerà alla prova dei fatti. Il mondo post pandemia non sarà quello che abbiamo conosciuto
Commento
1 gior

La lezione di Elliot Page, persona transgender non binaria

Qualche riflessione dopo l'annuncio dell'attore canadese, al di là dei commenti d'odio sui social media
Il commento
1 gior

Quella carezza è arte senza tempo

Trasposizione del calcio in arte: mentre gli avvoltoi svolazzano sulla salma del mito, noi celebriamo Maradona per una punizione: quella punizione, la punizione
Commento
2 gior

Lugano, l'aeroporto e quel retrogusto amaro

All'indomani del voto, restano i mal di pancia per le modalità di liquidazione di Lasa, per il 'magro' piano sociale e il doppio referendum annullato
Commento
3 gior

Così parlò il Comandante (Cocchi)

Stupefacente incapacità nel rappresentare in modo convincente e dignitoso le istituzioni cantonali in un momento di crisi
L'analisi
3 gior

Ma come parlano? Le parole sono importanti

In Ticino abbiamo un problema con la comunicazione istituzionale. E non è un problema irrilevante, perché favorisce circospezione, incomprensioni e tensioni.
Commento
3 gior

Primo passo: il Consiglio della magistratura si dimetta

Nomina procuratori, la claudicante procedura di rinnovo delle cariche nel mirino della commissione parlamentare. La cui risoluzione non risparmia neppure il pg
il commento
4 gior

KKS ferma la ‘società civile’

Imprese responsabili, la consigliera federale è la grande vincitrice. Ma le Ong confermano la loro forza d’urto.
Commento
1 sett

Pompe funebri fra lutti, direttive e limiti

Il rischio di una falsa immagine delle aziende dopo le incomprensioni con il medico cantonale sul trattamento delle salme Covid-19
il commento
1 sett

Non idonea è anche la Commissione

Il concorso verrà rifatto. Una scelta opportuna, ma che solleva interrogativi anche sulla Commissione giudiziaria.
Il ricordo
1 sett

Hasta siempre, Diego

Maradona non era (soltanto) un calciatore, il miglior calciatore di tutti i tempi. Maradona è la sintesi di un popolo
Commento
20.11.2020 - 20:030

Per un dibattito responsabile evitiamo i complottismi

Dal ‘Great Reset‘ alle pandemie programmate, evitiamo le teorie cospirazioniste che rendono impossibile discutere delle sfide che ci attendono

Nel suo ultimo ‘Spazio libero’ – un publiredazionale a pagamento –, Alberto Siccardi riprende le tesi complottiste di un arcivescovo italiano, Carlo Maria Viganò, che tra le altre cose accusa Fondo monetario internazionale e Bill Gates di voler imporre alla popolazione mondiale i vaccini contro Covid-19 e Covid-21, aggiungendo d’avanzo anche l’abolizione della proprietà privata.

E questo è tutto sommato uno dei passaggi meno stupefacenti della lettera aperta che Viganò ha scritto a Trump lo scorso ottobre, dalla quale Siccardi attinge ampie citazioni: la pandemia come complotto per imporre un nuovo ordine mondiale fatto non solo di vaccini obbligatori e fine della proprietà privata, ma anche di tracciamento e sorveglianza globale, cancellazione dei debiti personali e altre imprecisate misure liberticide; per chi non si piegherà, campi di detenzione e confisca di beni (in teoria superflua, vista l’abolizione della proprietà privata). È il ‘Great Reset’ che Forum economico mondiale e altri gruppi internazionali starebbero organizzando per la fine di quest’anno e l’inizio del prossimo. Dietro tutto questo c’è ovviamente Satana, anche se Viganò ci ha messo un po’ a rendersene conto visto che a marzo, in un’intervista, attribuiva la pandemia all’altro fronte, come punizione divina per peccati come “il diritto all’aborto, all’eutanasia, alla sodomia”.

Ora, Siccardi trova questo compendio di tesi complottiste “utile perché descrive queste tendenze e questi pericoli per la nostra cultura”. Concordo che sia utile: ma per rendersi conto di come una persona istruita e di cultura come un arcivescovo possa reagire di fronte ai cambiamenti della società. Come base per una riflessione sui temi che Siccardi vorrebbe affrontare, quel complottismo lì è inutile se non dannoso. Perché riconduce aspetti molto diversi – gestione di debiti pubblici e privati, obbligatorietà dei vaccini, sorveglianza e tracciamento da parte di governi e aziende private, pressioni politiche e altro ancora – a un’unica causa, la congiura globale del ‘Great Reset’, privandoci della possibilità di avviare una discussione seria su cosa sta accadendo.

Così, invece di dibattere seriamente sul senso e l’opportunità degli interventi non farmaceutici – che, certo, sono limitazioni della libertà: tutto sta nel vedere se sono giustificate –, ci si ritrova a dover smentire informazioni false o fuorvianti. Così faremo in conclusione di questo articolo, pescando solo alcuni dei punti sollevati da Siccardi. No, non è possibile “chiudere improvvisamente i circuiti di Internet”, perché non c’è un singolo punto di accesso che si possa spegnere, per quanto si possano implementare blocchi temporanei e locali. Sì, Bill Gates nel 2015 ha evidenziato i pericoli rappresentati da una pandemia e la scarsa preparazione ad affrontarla. “Come mai sapeva di questa eventualità?” si chiede Siccardi. Banalmente perché ha studiato: in passato le epidemie non sono mancate (peste, colera, poliomielite, Spagnola…) e non è certo il solo ad aver parlato di malattie emergenti (il famoso ‘Spillover’ di Quammen è del 2012).

Si fanno molte ricerche sulle origini del nuovo coronavirus, con migliaia di articoli pubblicati: non è quindi vero che “gli addetti ai lavori” non dibattono “sul come e da dove questo virus è venuto”. La spiegazione maggiormente accreditata è quella del salto di specie dai pipistrelli, anche se non è stato ancora ricostruito tutto il percorso. Alcuni ricercatori non escludono la fuoriuscita accidentale di un virus naturale da un laboratorio, ma è un’ipotesi su cui è difficile essere obiettivi. Perché? Per via delle tante, inconsistenti teorie del complotto che circolano: per questo è importante mantenere il più pulito possibile il dibattito.

© Regiopress, All rights reserved