laRegione
donald-trump-non-e-pazzo-ma-e-pericoloso
(Twitter)
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
12 ore

Conti del Cantone e Covid, meglio attendere

La tregua politica sul Preventivo 2021 non reggerà alla prova dei fatti. Il mondo post pandemia non sarà quello che abbiamo conosciuto
Commento
1 gior

La lezione di Elliot Page, persona transgender non binaria

Qualche riflessione dopo l'annuncio dell'attore canadese, al di là dei commenti d'odio sui social media
Il commento
1 gior

Quella carezza è arte senza tempo

Trasposizione del calcio in arte: mentre gli avvoltoi svolazzano sulla salma del mito, noi celebriamo Maradona per una punizione: quella punizione, la punizione
Commento
2 gior

Lugano, l'aeroporto e quel retrogusto amaro

All'indomani del voto, restano i mal di pancia per le modalità di liquidazione di Lasa, per il 'magro' piano sociale e il doppio referendum annullato
Commento
3 gior

Così parlò il Comandante (Cocchi)

Stupefacente incapacità nel rappresentare in modo convincente e dignitoso le istituzioni cantonali in un momento di crisi
L'analisi
3 gior

Ma come parlano? Le parole sono importanti

In Ticino abbiamo un problema con la comunicazione istituzionale. E non è un problema irrilevante, perché favorisce circospezione, incomprensioni e tensioni.
Commento
3 gior

Primo passo: il Consiglio della magistratura si dimetta

Nomina procuratori, la claudicante procedura di rinnovo delle cariche nel mirino della commissione parlamentare. La cui risoluzione non risparmia neppure il pg
il commento
4 gior

KKS ferma la ‘società civile’

Imprese responsabili, la consigliera federale è la grande vincitrice. Ma le Ong confermano la loro forza d’urto.
Commento
1 sett

Pompe funebri fra lutti, direttive e limiti

Il rischio di una falsa immagine delle aziende dopo le incomprensioni con il medico cantonale sul trattamento delle salme Covid-19
Commento
17.11.2020 - 06:000
Aggiornamento : 10:46

Donald Trump non è pazzo, ma è pericoloso

Il rifiuto di ammettere la sconfitta è parte di una strategia del caos per alimentare il mito della 'vittoria rubata'. Con conseguenze poco rassicuranti

Perché fa così? Ci poniamo un po’ tutti questa domanda, mentre osserviamo Donald Trump che si rifiuta d’ammettere una sconfitta netta e inconfutabile. La tentazione sarebbe quella di giudicarlo folle; ma le diagnosi psichiatriche a distanza valgono poco, e soprattutto rischiano di travisare un piano che nasconde una certa razionalità.

Ora: Trump sa benissimo che il 20 gennaio, a mezzogiorno, il potere passerà a Joe Biden. Il margine della vittoria è netto, le cause legali non hanno alcuna possibilità di ottenere successi decisivi, nessun riconteggio ribalterà il risultato. La condotta di Trump non appare dunque come un estremo tentativo di restare davvero aggrappato al potere, quanto piuttosto come una deliberata exit strategy. Vuole andarsene seminando il sospetto delle elezioni rubate, per indossare poi la maschera della povera vittima per qualunque cosa vorrà fare in futuro: un nuovo impero televisivo, forse, o il consolidamento del suo ruolo nel dettare la ‘linea’ d’un partito nel quale non è più un outsider. I repubblicani assecondano a loro volta la narrazione del presidente uscente, non perché credano alle sue frottole, ma perché non vogliono passare per traditori di fronte ai 73 milioni di americani che l’hanno votato (col Senato ancora in bilico in attesa dei ballottaggi di gennaio, tra l’altro).

Non ci sarà un colpo di Stato, come paventano i più impressionabili, perché non è facile fare un putsch in una solida democrazia federale, nella quale il presidente non controlla le forze di polizia e i media hanno il coraggio di spegnergli il microfono all’ennesimo tentativo di diffondere falsità. Non ci sarà neppure un numero rilevante di legislativi statali che si rifiuteranno di convalidare i risultati, esponendosi all’ira dei concittadini. Ci sarà forse un aumento delle proteste di piazza, anche violente, che offrirebbero a Trump la possibilità di giocare per l’ultima volta all’uomo d’ordine; per questo inquietano i fanatici nominati nelle ultime ore in posti chiave della Difesa. Per ora, però, siamo lontani dal ferro-e-fuoco visto qualche mese fa. Ci sarà poi – anzi, c’è già – un passaggio dei poteri senza un’adeguata fase di transizione, con notevoli rischi per la continuità dell’amministrazione e la sicurezza nazionale.

Ma soprattutto resterà quella sorta di Dolchstoßlegende, il mito della pugnalata alle spalle, della volontà popolare calpestata. Veleno che circolerà per molto tempo nelle vene della politica americana, e di un partito già permeato da complottisti ed estremisti vari. Se il Senato dovesse rimanere in mano ai repubblicani, quella leggenda servirà a cementare e giustificare un ostruzionismo cieco, che a sua volta rischierà di paralizzare l’amministrazione Biden.

Più in generale, si consoliderà quel sistema di delegittimazione che già da tempo azzoppa l’ormai ex ‘nazione speciale’ e le sue istituzioni. Istituzioni che sempre più persone considerano una ‘palude’ e non più un magnifico esperimento di democrazia, come invece vorrebbe una percezione un po’ sciovinista, ma da sempre fondamentale per la tenuta e la vitalità del Paese. Trump non è pazzo, insomma, ma è molto bravo a fare impazzire il prossimo.

© Regiopress, All rights reserved