laRegione
basta-frottole
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
12 ore

Conti del Cantone e Covid, meglio attendere

La tregua politica sul Preventivo 2021 non reggerà alla prova dei fatti. Il mondo post pandemia non sarà quello che abbiamo conosciuto
Commento
1 gior

La lezione di Elliot Page, persona transgender non binaria

Qualche riflessione dopo l'annuncio dell'attore canadese, al di là dei commenti d'odio sui social media
Il commento
1 gior

Quella carezza è arte senza tempo

Trasposizione del calcio in arte: mentre gli avvoltoi svolazzano sulla salma del mito, noi celebriamo Maradona per una punizione: quella punizione, la punizione
Commento
2 gior

Lugano, l'aeroporto e quel retrogusto amaro

All'indomani del voto, restano i mal di pancia per le modalità di liquidazione di Lasa, per il 'magro' piano sociale e il doppio referendum annullato
Commento
3 gior

Così parlò il Comandante (Cocchi)

Stupefacente incapacità nel rappresentare in modo convincente e dignitoso le istituzioni cantonali in un momento di crisi
L'analisi
3 gior

Ma come parlano? Le parole sono importanti

In Ticino abbiamo un problema con la comunicazione istituzionale. E non è un problema irrilevante, perché favorisce circospezione, incomprensioni e tensioni.
Commento
3 gior

Primo passo: il Consiglio della magistratura si dimetta

Nomina procuratori, la claudicante procedura di rinnovo delle cariche nel mirino della commissione parlamentare. La cui risoluzione non risparmia neppure il pg
il commento
4 gior

KKS ferma la ‘società civile’

Imprese responsabili, la consigliera federale è la grande vincitrice. Ma le Ong confermano la loro forza d’urto.
Commento
1 sett

Pompe funebri fra lutti, direttive e limiti

Il rischio di una falsa immagine delle aziende dopo le incomprensioni con il medico cantonale sul trattamento delle salme Covid-19
il commento
1 sett

Non idonea è anche la Commissione

Il concorso verrà rifatto. Una scelta opportuna, ma che solleva interrogativi anche sulla Commissione giudiziaria.
Commento
12.11.2020 - 06:000
Aggiornamento : 10:33

Basta frottole!

Il ruolo di un giornalismo sano e non zerbino? Raccontare o far raccontare le cose come stanno e non di diventare cassa di risonanza delle bestiate altrui

Quante frottole non innocue – perché di fatto inquinano i nostri pensieri, montano la testa a chi non vede l’ora di trovarsi un nemico e, alla lunga, fanno traballare la democrazia – potremmo, anzi dovremmo (anzi dobbiamo!) noi giornalisti evitare di lasciar raccontare.

È quello che mi sono detto dopo aver visto in questi giorni per ben due volte potenti network americani – e fra questi anche taluni orientati a favore di Trump – tagliare le dirette tv dapprima del presidente sconfitto asserragliato alla Casa Bianca (ma qualcuno dei suoi glielo avrà poi detto che ha perso?) e poi della sua portavoce, mentre diffondevano urbi et orbi palesi fandonie della serie ‘Io, Donald, vi garantisco che ho vinto le elezioni!’, ‘Ci sono stati tantissimi brogli elettorali’ e via dicendo.

Quale la giustificazione del giornalista nel decidere di bloccare la diretta? Eccola: “Penso che dobbiamo essere molto chiari”, la Casa Bianca “sta accusando la controparte di frode e di voto illegale”. “A meno che non abbia le prove per sostenere una tesi del genere, non posso continuare a mostrarvi in tutta onestà questo servizio. È un’accusa esplosiva sul fatto che la controparte abbia truffato”.

Non possiamo trasmettere disinformazione

Già, non possiamo trasmettere disinformazione. Anche se è legittimo chiedersi se nella fattispecie non sia facile affermarlo e bloccare la diretta, perché la bugia è gigantesca e perché l’era Trump di riffa o di raffa si avvia al tramonto. Mentre in altre occasioni è molto più difficile misurare il limite fra un’opinione diciamo “solo” strampalata e una frottola. In ogni caso non c’è dubbio: la lezione/ribellione è di quelle fondamentali. Ci richiama all’importanza e al ruolo dei giornalisti, che devono essere capaci, preparati, conoscere bene i dossier e accorgersi se il loro interlocutore li sta portando a spasso o, peggio ancora, se sta mentendo. Altrimenti non è giornalismo, ma propaganda assecondata da comunicatori che permettono a chi hanno di fronte di dire semplicemente quello che più fa comodo.

Ecco dunque il ruolo di un giornalismo sano e non zerbino: quello di raccontare o far raccontare le cose come stanno e non di diventare cassa di risonanza delle bestialate altrui. Eppure, a volte, proprio le bestialate le si lascia passare perché… perché fanno semplicemente audience.

Quali regole per i social?

Ciò detto, sarebbe tempo e ora che anche i potentissimi social, semplici amplificatori del bene e del male che viene postato, si dessero una regolata. Altrimenti quella parte di utenti, comunque consistente, che si abbevera alla loro greppia continuerà ad abboccare alle dichiarazioni di chi la spara più grossa. Con Trump è successo, mille volte successo. La milleunesima (per fortuna del globo) no.

Concludiamo quindi con una nota di speranza, visto che proprio con Donald, amicone di Bannon, avevamo assistito a un inquinamento senza precedenti dell’informazione via social. Sì, perché quando è troppo è troppo e anche una figura spenta come Biden (di certo grazie anche al tandem con la più vivace Kamala) è riuscito nell’intento di far voltare la brutta pagina all’America.

Ma ricordiamoci anche, che una stampa libera va difesa a spada tratta. Ci sono Paesi dove chi interrompe, o fa domande anche solo scomode a un potente – figuriamoci se arriva a oscurarlo! – nella migliore delle ipotesi viene cacciato. Nella peggiore…

© Regiopress, All rights reserved