laRegione
l-analfabeta-l-eroe-e-papa-francesco
(Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Opinioni
il commento
5 ore

KKS ferma la ‘società civile’

Imprese responsabili, la consigliera federale è la grande vincitrice. Ma le Ong confermano la loro forza d’urto.
Commento
3 gior

Pompe funebri fra lutti, direttive e limiti

Il rischio di una falsa immagine delle aziende dopo le incomprensioni con il medico cantonale sul trattamento delle salme Covid-19
il commento
4 gior

Non idonea è anche la Commissione

Il concorso verrà rifatto. Una scelta opportuna, ma che solleva interrogativi anche sulla Commissione giudiziaria.
Il ricordo
4 gior

Hasta siempre, Diego

Maradona non era (soltanto) un calciatore, il miglior calciatore di tutti i tempi. Maradona è la sintesi di un popolo
Il ricordo
4 gior

Ho visto Maradona, ho visto Maradona

Simbolo di rivalsa sociale, simbolo di Napoli, città alla quale ha voluto bene. Imperfetto, autodistruttivo, a volte patetico. Ma il più grande di sempre.
Commento
4 gior

Se per Ungheria e Polonia Bruxelles ‘è come l’Urss’

Lo scontro sullo Stato di diritto blocca i fondi dell'Unione Europea per il rilancio post-Covid
Commento
5 gior

Accoltellamento alla Manor, il peso del sospetto!

Continuiamo a condurre la vita di prima, amandola e onorandola secondo le nostre regole della civile convivenza e dello stato di diritto
Commento
5 gior

Non siamo oggetti, basta brutalità contro le donne!

La violenza domestica uccide più della strada, una piaga sociale che divora generazioni. Inizia prima dello schiaffo, negando ad esempio la parità salariale
L'analisi
6 gior

Il vaccino russo è quasi pronto, la sua produzione no

Forti dei loro studi sulla Sars, gli scienziati russi sono partiti avvantaggiati sulla ‘concorrenza’. Ma ora mancano le infrastrutture
Commento
6 gior

Caso Chiappini: via Borghetto, quante domande!

Sul chi sapesse cosa si gioca anche la credibilità di altre personalità della diocesi e magari anche della facoltà di teologia
Commento
1 sett

Le sfide di Speziali, nel futuro ma non dimenticando il passato

Il neopresidente del Plr ha una visione per i prossimi anni che sarà di successo solo se sarà all'insegna dell'ascolto e del rispetto per la storia e le sensibilità
Commento
14.11.2020 - 14:350

L'analfabeta, l'eroe e Papa Francesco

Una mente felice va conquistata abbattendo i muri che abbiamo dentro, l'egoismo ci avvelena, l'altruismo ci apre al mondo

Siamo andati fin sulla luna, ma siamo indifferenti alla sofferenza di chi ci sta accanto.“Siamo cresciuti in tanti aspetti ma siamo analfabeti nell’accompagnare, curare e sostenere i più deboli delle nostre società sviluppate. Sintomi di una società malata, che vuole costruirsi voltando le spalle al dolore”. Sono le parole di Papa Francesco, che nella sua ultima enciclica sociale ‘Fratelli tutti’, tratteggia ‘le numerose ombre’ della nostra epoca, malata di egoismo e disinteresse per il bene comune. Profitto sulle spalle degli altri, disparità enormi, manipolazione della giustizia... la lista delle storture è lunga. Una società corrotta dentro che sembra correre verso la sua distruzione. A questa visione apocalittica, ‘Francesco’ contrappone la speranza, mostra la via d’uscita, parlando a tutti (credenti e non): ciascuno sappia essere quel buon samaritano che soccorre l’estraneo incontrato sulla strada, superando pregiudizi, interessi personali, barriere storiche e culturali. ‘Insieme’ ripete spesso il Papa. Solo ritrovando una dimensione comunitaria, si può far germogliare i semi per una società più solidale, fatta di persone che sanno mettere l’altro, prima di se stessi. Questi sono i veri eroi. La sfida è alta per una società analfabeta nella cura dell’altro. Pensiamoci un attimo. Perché un manager guadagna più di una badante? Perché accudire i più deboli è un’attività spesso relegata alle donne e poco pagata? Eppure ci si occupa di persone, tutti possiamo aver bisogno di cure. Lo facciamo con la nostra famiglia, ‘Francesco’ ci esorta a farlo anche con gli estranei. Perché mai dovremmo farlo? Per trovare la felicità, risponde fra Mauro Jöhri. Quello del Papa non è un appello moralistico (‘Siate buoni’), ma un invito a sperimentare che nella bontà pratica si scopre una dimensione di benessere. Lo dicono tanti volontari: ‘Ricevo più di quanto sto donando”. L'altruismo è una conquista. Ci si arriva abbattendo quei muri, che abbiamo dentro, innalzati, giorno dopo giorno, da una mente ossessivamente discriminante (io sono intelligente, tu sei ignorante; io sono ricco, tu sei povero; io sono cristiano, tu sei musulmano...) che va addomesticata. L’avversione avvelena la mente, i muri interiori diventano muri esteriori, ci isolano, ci chiudono, alimentando malessere interiore, divisioni e paure. Il terreno fertile per ansia, depressione che sono la vera pandemia della nostra società.

La prova è proprio sotto gli occhi di tutti. Siamo tutti sulla stessa malconcia barca. In un mondo globalizzato è bastato un minuscolo virus, per farci capire che dipendiamo l’uno dall’altro e ci si può salvare solo insieme, ciascuno superando la tentazione di girare lo sguardo, di ignorare le situazioni finché queste non ci toccano direttamente. Mentre c'è chi manifesta in piazza perché non vuole mettere la mascherina, gli ospedali vanno verso il collasso. Ciò riguarda tutti: nelle prossime settimane anche chi farà un grave incidente o un infarto, potrebbe non venir curato. Forse tuo figlio, tuo padre, tua sorella. La pandemia è una roulette russa per tutti. L’egoismo di uno può diventare il dramma di una famiglia. L’altruismo di uno può essere la salvezza dell’altro. Il bene della comunità prima del bene del singolo. Non è difficile da capire, ma è difficile da realizzare. 

© Regiopress, All rights reserved