laRegione
di-gatti-rossi-neri-e-zampa-tesa
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
1 gior

Pompe funebri fra lutti, direttive e limiti

Il rischio di una falsa immagine delle aziende dopo le incomprensioni con il medico cantonale sul trattamento delle salme Covid-19
il commento
2 gior

Non idonea è anche la Commissione

Il concorso verrà rifatto. Una scelta opportuna, ma che solleva interrogativi anche sulla Commissione giudiziaria.
Il ricordo
3 gior

Hasta siempre, Diego

Maradona non era (soltanto) un calciatore, il miglior calciatore di tutti i tempi. Maradona è la sintesi di un popolo
Il ricordo
3 gior

Ho visto Maradona, ho visto Maradona

Simbolo di rivalsa sociale, simbolo di Napoli, città alla quale ha voluto bene. Imperfetto, autodistruttivo, a volte patetico. Ma il più grande di sempre.
Commento
3 gior

Se per Ungheria e Polonia Bruxelles ‘è come l’Urss’

Lo scontro sullo Stato di diritto blocca i fondi dell'Unione Europea per il rilancio post-Covid
Commento
3 gior

Accoltellamento alla Manor, il peso del sospetto!

Continuiamo a condurre la vita di prima, amandola e onorandola secondo le nostre regole della civile convivenza e dello stato di diritto
Commento
3 gior

Non siamo oggetti, basta brutalità contro le donne!

La violenza domestica uccide più della strada, una piaga sociale che divora generazioni. Inizia prima dello schiaffo, negando ad esempio la parità salariale
L'analisi
4 gior

Il vaccino russo è quasi pronto, la sua produzione no

Forti dei loro studi sulla Sars, gli scienziati russi sono partiti avvantaggiati sulla ‘concorrenza’. Ma ora mancano le infrastrutture
Commento
21.10.2020 - 06:000

Di gatti rossi, neri e zampa tesa

Fa una sparata, anche bella pesante, e poi, per trarsi d’impiccio, si fa passare gli altri per deficienti!

Il meccanismo è sempre quello: si fa una sparata, anche bella pesante, e poi, per trarsi d’impaccio, si fa passare gli altri per deficienti. Facilissimo: basta precisare che quello che si era detto è stato ovviamente travisato, che si voleva dire altro. Altro, di molto più nobile, anzi di nobilissimo.

Così il gatto che – come scritto sui social – ‘se non fa il bravo andrà a finire alla casa per anziani di Sementina’ (struttura nella quale ricordiamo alcuni ospiti sono morti di Covid e che vede persone ai vertici sotto inchiesta penale) qualche ora dopo si trasforma – simsalabim – in un secondo post nel quale si legge un’esortazione, persino saggia: ‘Non mandate i vostri cari al Centro anziani di Sementina fino alla completa chiarezza su cosa succede lì dentro. Allo stato attuale non ci manderei nemmeno il mio gatto’. Qual gentil pensiero…

Di negri e bleniotti

La fervida mente che ha concepito i due messaggi appena ricordati già la conosciamo. È la stessa che si è distinta in un video di un paio di anni fa, nel quale bollava gli abitanti della Val di Blenio di testoni e auspicava l’arrivo in valle di ‘negri’ per ‘mischiare la razza’. L’autore, confrontato con le diverse reazioni, persino da parte dei comuni bleniesi, cosa replicò? Che era semplicemente spinto dalla voglia di ‘fare satira e di ridere un po’ sui bleniotti’ da lui – citiamo - ‘accusati’ (ingiustamente ovviamente!) di avere la testa dura, ma che mischiando la razza (lo si dice nella Umgangsprache) con i ‘negri dei centri rifugiati’ potrebbero diventare ‘flessibili’. Per il resto, ebbe modo di rassicurare allora l’amante dei felini, ‘non preoccupatevi, sono allergico al razzismo sin da piccolo…’.

In attesa della prossima

Lo ripetiamo quindi: il metodo è sempre quello, sparare ben oltre i limiti e, quando si viene sgamati, che si fa? Si attacca frontalmente chi osa anche solo osservare che si è andati oltre (nel caso del simpatico micio, ad esempio, alla sua critica interlocutrice il nostro ha replicato ‘bevi meno’).

Siccome non c’è due senza tre, non ci resta che attendere – con calma e gesso, per rifarci allo slogan del noto candidato democentrista nella corsa al Municipio della capitale – la sua prossima uscita a gamba/zampa tesa.

© Regiopress, All rights reserved