laRegione
la-salute-e-un-affare-privato
i miliardari non sono mai stati talmente miliardari (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
1 gior

Bellinzona e la Smart City: attenti al vecchio che resta

Il nuovo Quartiere Officine che rivoluzionerà il comparto sotto la stazione e la necessità di aiutare l'immediata periferia a modernizzarsi
Commento
2 gior

Lo slalom tra tamponi e rinvii dell'hockey

Mentre gran parte dello sport dilettantistico si mette in pausa, nel disco su ghiaccio si va avanti. Ma con calendari azzoppati
Il ricordo
2 gior

Beppe sognava un mondo diverso

Il ricordo dell'ex collega Giuseppe 'Beppe' Dunghi, scomparso negli scorsi giorni
Commento
3 gior

Lugano, politici né imbavagliati né 'fuorilegge'

Moltiplicatore d'imposta, Pizzagalli chiede che a risarcire il danno causato alla Città siano i consiglieri comunali promotori della prima riduzione
Commento
4 gior

Ma i consiglieri di Stato non sono semplici funzionari

La riforma pensionistica dei membri del governo è realtà, ma non risolve i dubbi legati alla carica
Commento
4 gior

Di gatti rossi, neri e zampa tesa

Fa una sparata, anche bella pesante, e poi, per trarsi d’impiccio, si fa passare gli altri per deficienti!
Commento
5 gior

Se la pandemia non merita una discussione parlamentare

Rifiutando la proposta dell'Mps ieri il parlamento ha segato il ramo su cui è seduto. Ai cittadini serve più di un quotidiano bollettino numerico
Commento
5 gior

Nomina quinto giudice, Ermani si faccia qualche domanda

Emersi nella vicenda legata ai pp bocciati dal Cdm, i messaggini del presidente del Tribunale penale al pg Pagani sono riecheggiati ieri in Gran Consiglio
Commento
5 gior

Covid, molto, moltissimo dipende da noi!

Molto di quello che sarà – e che pensiamo / temiamo possa succedere nelle prossime settimane – dipende ancora e sempre dai nostri comportamenti quotidiani
Commento
16.10.2020 - 06:000

La salute è un affare privato

C'è chi piange miseria a causa del coronavirus e chi invece esulta perché si trova accresciuto il suo malloppo

Chi piange miseria a causa del coronavirus e chi invece esulta perché si trova accresciuto il suo malloppo. Che siano aumentati i miliardari e che i miliardari non siano mai stati talmente miliardari ce lo dice uno studio di Ubs, apparso negli scorsi giorni. Nuovo primato storico di concentrazione della ricchezza nel luglio di quest’anno: 10.200 miliardi di dollari, con un balzo del 14.6 per cento in due anni, in mano a poco più di duemila persone. Sarebbe come a dire, per rendere un poco diabolica l’idea, quindici Svizzere (in termini di prodotto interno lordo) a disposizione degli abitanti della Valle di Muggio. O, se ci limitiamo ai soli miliardari che risiedono in Svizzera (37 che hanno visto i loro redditi aumentare del 29 per cento per raggiungere i 124 miliardi in dollari), due Svizzere in mano agli abitanti di Gresso. Da queste cifre potremmo anche ricavare tre considerazioni che investono ognuno di noi.

La prima: la teoria tuttora imperante del “trickle down effect” o del denaro che sgocciola dall’alto verso il basso (e benedetti siano quindi i miliardari, da salvaguardare fiscalmente) è il maggior rimbambimento sistematico offertoci dagli anni Ottanta in poi.

La seconda: il maggior aumento della fortuna dei miliardari o i migliori attivi, provengono dal campo della “salute”. La salute, settore in cui noi ci rompiamo la testa per i continui aumenti dei costi e l’irrefrenabile ascesa dei premi delle casse malati, produce invece grossi guadagni per alcuni. Ci si spiega che è per la scoperta di nuovi medicamenti, per le innovazioni della diagnostica o più recentemente per le ricerche (finanziate anche dall’ente pubblico) sul Covid-19. Bisognerebbe forse concludere: la salute non è un bene pubblico, è innanzitutto un affare privato.

La terza ha a che fare con la risposta alla crisi causata dalla pandemia. Per dirla con poche parole, gli enti pubblici sono intervenuti iniettando miliardi, con enorme indebitamento, per porrre rimedio, rimettere in sesto l’economia, facilitare prestiti per garantire la liquidità del sistema. Stando allo studio di Ubs l’ulteriore crescita della ricchezza dei miliardari si spiega principalmente con la cosiddetta ripresa a “V” (discesa e poi risalita) del mercato borsistico. È una implicita conferma di quanto osano sostenere pochi economisti: l’”orgia” di creazione monetaria (come la definisce il noto Piketty), per parare alle malefatte economiche del virus, è anche purtroppo servita in buona parte a “dopare” i corsi borsistici e immobiliari, come si è verificato, contribuendo anche in tempo di crisi ad arricchire ancora di più i già ricchi. Mentre per i piccoli risparmiatori o per le casse pensioni i tassi di interesse quasi nulli non sono una buona cosa, ma quasi una disgrazia; per chi, già ricco, ha facili entrature per chiedere soldi a basso tasso e dispone anche di consulenze finanziarie legali e fiscali, è facile approfittarne per staccare nuovi e buoni collocamenti, a costo zero, ottenendo rendimenti superlativi. Che domani sfuggiranno anche al fisco.

 

 

© Regiopress, All rights reserved