laRegione
di-telescopi-buvette-e-cultura
Addio Osservatorio (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
1 gior

Bellinzona e la Smart City: attenti al vecchio che resta

Il nuovo Quartiere Officine che rivoluzionerà il comparto sotto la stazione e la necessità di aiutare l'immediata periferia a modernizzarsi
Commento
2 gior

Lo slalom tra tamponi e rinvii dell'hockey

Mentre gran parte dello sport dilettantistico si mette in pausa, nel disco su ghiaccio si va avanti. Ma con calendari azzoppati
Il ricordo
2 gior

Beppe sognava un mondo diverso

Il ricordo dell'ex collega Giuseppe 'Beppe' Dunghi, scomparso negli scorsi giorni
Commento
3 gior

Lugano, politici né imbavagliati né 'fuorilegge'

Moltiplicatore d'imposta, Pizzagalli chiede che a risarcire il danno causato alla Città siano i consiglieri comunali promotori della prima riduzione
Commento
4 gior

Ma i consiglieri di Stato non sono semplici funzionari

La riforma pensionistica dei membri del governo è realtà, ma non risolve i dubbi legati alla carica
Commento
4 gior

Di gatti rossi, neri e zampa tesa

Fa una sparata, anche bella pesante, e poi, per trarsi d’impiccio, si fa passare gli altri per deficienti!
Commento
4 gior

Se la pandemia non merita una discussione parlamentare

Rifiutando la proposta dell'Mps ieri il parlamento ha segato il ramo su cui è seduto. Ai cittadini serve più di un quotidiano bollettino numerico
Commento
5 gior

Nomina quinto giudice, Ermani si faccia qualche domanda

Emersi nella vicenda legata ai pp bocciati dal Cdm, i messaggini del presidente del Tribunale penale al pg Pagani sono riecheggiati ieri in Gran Consiglio
Commento
5 gior

Covid, molto, moltissimo dipende da noi!

Molto di quello che sarà – e che pensiamo / temiamo possa succedere nelle prossime settimane – dipende ancora e sempre dai nostri comportamenti quotidiani
L'analisi
6 gior

'Je suis Samuel'

La difesa dello Stato laico non consente oggi compromessi: cinque anni dopo, “Je suis Charlie” rimane un proclama di libertà
Commento
6 gior

Passava di là, in un rifugio di pace

Per Erminio Ferrari la letteratura, come la montagna, era un bisogno; profondo, fisico, viscerale. In quegli spazi protetti, discosti, sottratti alle isterie e alle bassezze della quotidianità
Il Commento
15.10.2020 - 12:230

Di telescopi, buvette e cultura

L’impressione è che per addolcire la pillola del trasferimento a Gurten dell'Osservatorio ai momò basta il proverbiale ‘piatto di lenticchie’

Un telescopio riesce a farci toccare le stelle con un dito (o quasi). A volte, però, non aiuta a vedere ciò che abbiamo a un palmo di naso. Certo, come sempre, tutto dipende da chi ci guarda attraverso. Così capita che un Osservatorio astronomico messo in vetta a una montagna (dal 1996), quel Generoso da cui nelle giornate terse si vede pure la ‘Madunina’, ti sfugga dalle mani senza neanche accorgertene. E venga persino barattato con una buvette alla Bellavista, storica per la memoria locale ma sempre una buvette. Le ragioni? Scelte strategiche aziendali. Del resto, l’Osservatorio, come il trenino a cremagliera e il ‘Fiore di pietra’ d’autore (firmato Mario Botta), sono della Ferrovia Monte Generoso Sa (che è come dire la Migros). Insomma, appartengono a un privato, che come tale ne può disporre come meglio ritiene. E fin qui il discorso non fa nemmeno una grinza. Un universo come quello di un osservatorio, però, alla fine appartiene un po’ alla collettività; a chi vive il Generoso; è parte integrante del territorio e dell’offerta turistica locale. Quindi c’era da aspettarselo che Comuni e comunità (persino il Cantone), davanti al rischio di veder traslocare per sempre l’intera struttura a Berna non la prendessero tanto bene e facessero quadrato, lanciassero petizioni. Un moto tardivo? È possibile: capita di apprezzare fino in fondo il valore (qui scientifico e culturale) di un bene quando lo stai per perdere. Resta il fatto che il Mendrisiotto, una volta di più, ha dimostrato non solo di sapersi unire, ma pure di voler difendere ciò che è parte della sua identità. Lo si è frequentato poco, anche in quest’ultima stagione estiva, è il rimprovero che sale dalla proprietà. Insomma, i numeri dei visitatori non deponevano a suo favore, si è motivato vestendo di ufficialità una decisione che era già nell’aria. Non bastavano, però, gli sforzi profusi da enti locali, ambenti scolastici e astrofili? E soprattutto, la proposta di farsene carico sul piano pratico (tramite una nuova associazione) e finanziario (e con il contributo pure del Cantone) perché è stata valutata poco ‘valida e adeguata’? Chi è solito rimirar le stelle se lo chiede, tenendo i piedi ben piantati a terra. D’altro canto, una azione di rilancio era lì a portata di mano. E allora per quale motivo non concedere una seconda occasione? Nel Mendrisiotto si fatica a capirlo.

La risposta che arriva dai vertici è intrisa di pragmatismo: oggi è una questione strutturale. La Ferrovia deve pensare a difendere la sua vocazione (ferroviaria) e non si può permettere di prevedere delle corse notturne per assicurare l’accesso all’Osservatorio. Un tempo lo si faceva, si dirà. Ma un tempo c’era anche un albergo che dava modo di pernottare in vetta; oggi il ‘Fiore di pietra’ non ha camere. Ma questa è un’altra storia. Sta di fatto che se si possono pure comprendere le motivazioni di carattere ferroviario, risulta assai più indigesta la contropartita messa sul piatto dai vertici della Ferrovia. Per la serie: vi togliamo l’Osservatorio ma vi ‘regaliamo’ la riapertura della storica buvette alla Bellavista. Saranno pure state scelte prese in tempi diversi e indipendentemente l’una dall’altra, ma l’impressione alla fine è stata quella. Che per addolcire la pillola del trasferimento a Gurten del telescopio ai momò tanto gioviali e goderecci basta il proverbiale ‘piatto di lenticchie’. Tocco finale, la buvette è diventata d’incanto un luogo di cultura: la ristrutturazione del ritrovo si è guadagnata, infatti, il sostegno del Percento culturale Migros. Sia chiaro, il Mendrisiotto non può certo misconoscere alla realtà Migros il merito di aver ‘salvato’ trenino e vetta del Generoso, investendoci svariati milioni. Di questo ne sarà sempre grato. Momò e ticinesi, però, non meritano di essere semplicemente rabboniti. Non più.

© Regiopress, All rights reserved