Basilea
0
Losanna
0
1. tempo
(0-0)
Bologna
2
Fiorentina
3
fine
(1-1)
Spezia
Sassuolo
15:00
 
Venezia
Verona
15:00
 
festival-di-locarno-come-ruggira-il-pardo-senza-testa
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
1 gior

Qatar 2022, lo spettacolo deve continuare

La Giso ha detto qualcosa di sinistra: ha invitato la federazione di calcio a disertare i Mondiali, in protesta contro le condizioni di lavoro inumane
Commento
1 gior

Angela Merkel, il punk e i fantasmi del Terzo Reich

La cancelliera uscente sceglie Nina Hagen per l’addio, ma si ritrova dentro una parata militare dal sapore troppo retrò. Forse sarebbe meglio smetterla
Commento
2 gior

Annusare invece di sprecare

Mentre 675mila persone sono povere in Svizzera si gettano via quasi 3 milioni di tonnellate di cibo commestibile. Una follia tutta elvetica
Commento
3 gior

Non c’è bisogno di dichiarare guerra al Natale

No, l’Unione europea non ha messo fuori legge il Natale. Ha solo ricordato a tutti che viviamo in una società sempre più complessa e sempre meno religiosa
Commento
4 gior

Il brusco risveglio nella storia infinita

Déjà vu: dopo aver temporeggiato ora Berna si dice pronta ad adottare nuove misure per contenere la diffusione del virus
Commento
4 gior

Il discorso di candidatura di Zemmour, con de Gaulle e Brassens

Il candidato dell’ultradestra lancia la corsa all’Eliseo con un pippone nel quale infila tutte le vecchie glorie francesi, tra nostalgia e razzismo
Commento
5 gior

La variante Omicron e il nostro egoismo autolesionista

Le nuove mutazioni dipendono anche dal fatto che il virus continua a circolare liberamente nei Paesi dove non si ha accesso al vaccino
La formica rossa
6 gior

Non gioco più, vado a casa: l’ultradestra piangina e la tivù

Invece di affrontare a viso aperto i risultati delle votazioni dopo mesi di scempiaggini sul Covid, l’Udc si nega alla Rsi
Commento
6 gior

Legge Covid, un assist che il governo ora deve saper cogliere

Il Consiglio federale esce rafforzato dal secondo, chiaro ‘sì’ alle urne. Ma adesso deve agire con maggior risolutezza per contrastare la pandemia
Commento
 
25.09.2020 - 06:100

Festival di Locarno, come ruggirà il Pardo senza testa?

Al di là dei motivi che hanno portato all'addio della direttrice artistica Lili Hinstin, bisogna interrogarsi sulle prospettive del festival

Un po’ ci dispiace, che Lili Hinstin non dirigerà l’edizione 2021 del Festival di Locarno. Sarebbe stato il suo primo festival completo, la prima occasione per poter giudicare sul serio la sua visione del cinema e del festival, dopo una prima edizione la cui organizzazione si è in parte sovrapposta con quella del festival di Belfort, suo precedente incarico, e un 2020 in cui la pandemia ha costretto a rinunciare a Concorso e Piazza Grande, i due cuori della manifestazione.

Qualche indicazione certo la si è avuta, alcune positive e altre un po’ meno, ma ormai non ha più senso interrogarsi se quel film un po’ così passato a Locarno, se quell’iniziativa non tanto riuscita sono stati un incidente di percorso o una precisa scelta: Lili Hinstin non è più direttrice artistica del Locarno Film Festival. A questo, le domande più importanti non riguardano il passato, ma il futuro. Abbiamo un’edizione, quella del 2021, alla quale mancano poco più di dieci mesi e che con ogni probabilità sentirà ancora gli effetti della pandemia; poi l’importante anniversario dei 75 anni di Festival, e ancora le sfide di un mondo, quello dell’audiovisivo, in profonda trasformazione.

Certo per trovare delle risposte aiuterebbe sapere quali sono le “divergenze strategiche” citate nel breve comunicato stampa che annuncia la separazione: nessuno, all’interno del Festival, ha voluto commentare, ma certo deve trattarsi di contrasti profondi, se il presidente Marco Solari ha preferito affrontare le sfide che attendono il Festival con l’incertezza di un nuovo direttore piuttosto che con la certezza di avere Lili Hinstin. Ammesso che di incertezza si tratti e Solari non abbia già qualche nome in mente: scopriremo nelle prossime settimane.

Ad ogni modo, tra i motivi della separazione sembrerebbe esserci una certa difficoltà della direttrice uscente nell’adattarsi all’ambiente locarnese e alle dinamiche del festival. Il microcosmo del Locarno Film Festival non è evidentemente un ambiente per tutti, e di questo occorrerà tenere conto nella scelta del successore. Scelta che andrà fatta in tempi rapidi, ma la fretta potrebbe tuttavia essere, una volta tanto, una buona consigliera: così era successo nel 2012 quando, poche settimane dopo l’addio di Olivier Père – le cui tre edizioni parevano poche, ma ora un’eternità rispetto all’una e mezza di Hinstin –, è arrivato Carlo Chatrian con cui il festival ha saputo cresciuto ulteriormente. Forse non abbastanza per riuscire a trattenerlo, ma in fondo la partenza di Chatrian per la Berlinale è stata occasione di prestigio per Locarno, divenuto luogo di scoperta non solo di film e registi ma anche di direttori. Ma con Lili Hinstin il meccanismo si è inceppato e c’è verosimilmente un po’ di preoccupazione per il futuro, soprattutto pensando che al momento è senza guida – ma per motivi diversi – anche un altro settore strategico, quel “Locarno Pro” che si occupa di mantenere i contatti con l’industria cinematografica. Resta la direzione operativa, in mano a Raphaël Brunschwig e Simona Gamba, e ovviamente la presidenza. Ma fino a quando Marco Solari potrà rimanere il punto fermo del Locarno Film Festival?

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved