festival-di-locarno-come-ruggira-il-pardo-senza-testa
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
17 ore

L'Sos di Zingaretti, l'uomo invisibile

Il segretario del Pd annuncia le dimissioni attaccando il partito, che ‘pensa solo alle poltrone’. La strategia dello struzzo non ha funzionato
Commento
1 gior

La Svizzera non è un paese per inquilini (moderati)

Le Città, i Comuni e il Cantone dibattono su come offrire abitazioni sostenibili: tanti studi, poche realizzazioni
Commento
2 gior

L'obiettivo resta l'autoimmunità (sanitaria e sociale)

Nei mesi a venire si conteranno le vittime economiche del coronavirus. Toccherà alla società civile insegnare alla politica a proteggersi da sé stessa
Commento
3 gior

I vaccini dovrebbero essere un affare di Stato

La pandemia di coronavirus sta facendo emergere contraddizioni nella gestione e distribuzione dei preparati anti-Covid. Eppure sono la chiave strategica della ripresa
Commento
4 gior

La selva oscura dei sottosegretari

In Italia abbondano: quello all'Istruzione ha citato Topolino pensando fosse Dante, quella alla Cultura dice di non aver mai letto un libro in tre anni
L'analisi
4 gior

Nessun vaccino israeliano per i palestinesi

Netanyahu ha promesso a paesi amici d’Africa e America latina di donar loro le prevedibili dosi in eccesso. Nulla invece per Gaza e Cisgiordania
Sogno o son Festival
4 gior

Sanremo e il Ministero del Divertimento

Lo chiede De Gregori, per la musica e i musicisti. Intanto il Festival parte, perché 'il servizio pubblico non è solo informare, ma anche quote di leggerezza'.
Commento
5 gior

Videogiochi ‘diabolici’ che plasmano le menti dei ragazzini

Il mondo virtuale sa nutrire l'autostima di milioni di adolescenti, alcuni poi nella vita reale faticano ad adattarsi
Commento
1 sett

Quel pacco sulla porta e il futuro del lavoro

Dal mondo dei trasporti e delle consegne arriva un assaggio di quello che potrebbe essere l’avvenire di tutti, se non ci diamo una mossa
Commento
25.09.2020 - 06:100

Festival di Locarno, come ruggirà il Pardo senza testa?

Al di là dei motivi che hanno portato all'addio della direttrice artistica Lili Hinstin, bisogna interrogarsi sulle prospettive del festival

Un po’ ci dispiace, che Lili Hinstin non dirigerà l’edizione 2021 del Festival di Locarno. Sarebbe stato il suo primo festival completo, la prima occasione per poter giudicare sul serio la sua visione del cinema e del festival, dopo una prima edizione la cui organizzazione si è in parte sovrapposta con quella del festival di Belfort, suo precedente incarico, e un 2020 in cui la pandemia ha costretto a rinunciare a Concorso e Piazza Grande, i due cuori della manifestazione.

Qualche indicazione certo la si è avuta, alcune positive e altre un po’ meno, ma ormai non ha più senso interrogarsi se quel film un po’ così passato a Locarno, se quell’iniziativa non tanto riuscita sono stati un incidente di percorso o una precisa scelta: Lili Hinstin non è più direttrice artistica del Locarno Film Festival. A questo, le domande più importanti non riguardano il passato, ma il futuro. Abbiamo un’edizione, quella del 2021, alla quale mancano poco più di dieci mesi e che con ogni probabilità sentirà ancora gli effetti della pandemia; poi l’importante anniversario dei 75 anni di Festival, e ancora le sfide di un mondo, quello dell’audiovisivo, in profonda trasformazione.

Certo per trovare delle risposte aiuterebbe sapere quali sono le “divergenze strategiche” citate nel breve comunicato stampa che annuncia la separazione: nessuno, all’interno del Festival, ha voluto commentare, ma certo deve trattarsi di contrasti profondi, se il presidente Marco Solari ha preferito affrontare le sfide che attendono il Festival con l’incertezza di un nuovo direttore piuttosto che con la certezza di avere Lili Hinstin. Ammesso che di incertezza si tratti e Solari non abbia già qualche nome in mente: scopriremo nelle prossime settimane.

Ad ogni modo, tra i motivi della separazione sembrerebbe esserci una certa difficoltà della direttrice uscente nell’adattarsi all’ambiente locarnese e alle dinamiche del festival. Il microcosmo del Locarno Film Festival non è evidentemente un ambiente per tutti, e di questo occorrerà tenere conto nella scelta del successore. Scelta che andrà fatta in tempi rapidi, ma la fretta potrebbe tuttavia essere, una volta tanto, una buona consigliera: così era successo nel 2012 quando, poche settimane dopo l’addio di Olivier Père – le cui tre edizioni parevano poche, ma ora un’eternità rispetto all’una e mezza di Hinstin –, è arrivato Carlo Chatrian con cui il festival ha saputo cresciuto ulteriormente. Forse non abbastanza per riuscire a trattenerlo, ma in fondo la partenza di Chatrian per la Berlinale è stata occasione di prestigio per Locarno, divenuto luogo di scoperta non solo di film e registi ma anche di direttori. Ma con Lili Hinstin il meccanismo si è inceppato e c’è verosimilmente un po’ di preoccupazione per il futuro, soprattutto pensando che al momento è senza guida – ma per motivi diversi – anche un altro settore strategico, quel “Locarno Pro” che si occupa di mantenere i contatti con l’industria cinematografica. Resta la direzione operativa, in mano a Raphaël Brunschwig e Simona Gamba, e ovviamente la presidenza. Ma fino a quando Marco Solari potrà rimanere il punto fermo del Locarno Film Festival?

© Regiopress, All rights reserved