laRegione
sorpassi-a-bellinzona-sara-una-campagna-avvelenata
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
3 ore

Ehi raga, okkio, arriva il rumorometro!

Così i rumoristi alla guida si divertiranno ancor più e chi continuerà a subire si arrabbierà ancora di più. A meno che...
Commento
1 gior

Regione che vai, Arp che trovi. Ticinesi trattati diversamente

Autorità regionali di vigilanza perennemente in affanno, con poco personale qualificato e cittadini che non vengono trattati allo stesso modo ovunque
Commento
1 gior

Covid, tante voci e il disorientamento aumenta!

Altro che lettere, l’autorità decida misure appropriate e soprattutto spieghi ai cittadini, convincendoli, perché è necessario fare anche nuovi sacrifici
L'analisi
2 gior

Di mascherine e di libertà

Rimaniamo vigili sul pericolo di una deriva anti-democratica, senza però mettere in pericolo la sicurezza di altri: una risposta alla filosofa Francesca Rigotti.
Commento
4 gior

Bellinzona e la Smart City: attenti al vecchio che resta

Il nuovo Quartiere Officine che rivoluzionerà il comparto sotto la stazione e la necessità di aiutare l'immediata periferia a modernizzarsi
Commento
5 gior

Lo slalom tra tamponi e rinvii dell'hockey

Mentre gran parte dello sport dilettantistico si mette in pausa, nel disco su ghiaccio si va avanti. Ma con calendari azzoppati
Il ricordo
5 gior

Beppe sognava un mondo diverso

Il ricordo dell'ex collega Giuseppe 'Beppe' Dunghi, scomparso negli scorsi giorni
Commento
6 gior

Lugano, politici né imbavagliati né 'fuorilegge'

Moltiplicatore d'imposta, Pizzagalli chiede che a risarcire il danno causato alla Città siano i consiglieri comunali promotori della prima riduzione
Commento
1 sett

Ma i consiglieri di Stato non sono semplici funzionari

La riforma pensionistica dei membri del governo è realtà, ma non risolve i dubbi legati alla carica
Commento
1 sett

Di gatti rossi, neri e zampa tesa

Fa una sparata, anche bella pesante, e poi, per trarsi d’impiccio, si fa passare gli altri per deficienti!
Commento
1 sett

Se la pandemia non merita una discussione parlamentare

Rifiutando la proposta dell'Mps ieri il parlamento ha segato il ramo su cui è seduto. Ai cittadini serve più di un quotidiano bollettino numerico
Commento
24.09.2020 - 06:100

Sorpassi a Bellinzona, sarà una campagna avvelenata!

Insomma qualcuno (chi?) ha fatto e disfatto senza informare chi di dovere. E chi era quel chi?

Sorpassi di spesa milionari a Bellinzona. Cinque mesi fa lo stupore di tutti: da parte della cittadinanza (che paga le tasse e vorrebbe, a maggior ragione in tempi di crisi, che i propri soldi vengano utilizzati in modo oculato); e da parte dell’Esecutivo (che ha subito messo le mani avanti, sospendendo un alto funzionario e prendendo atto dell’autosospensione del capodicastero Opere pubbliche). Poi l’attesa: mesi e mesi per arrivare a dire che… che non c’è nulla di penalmente rilevante. Bene, tiriamo un sospiro di sollievo! Già, perché in simili casi – quando girano e ballano i milioni – si pensa facilmente alle mazzette. Di penale, dunque, nulla, ma alcune grosse lacune sono emerse: ovvero problemi organizzativi e di gestione all’interno del Dicastero opere pubbliche. Lacune nella documentazione relativa ai lavori, alla vigilanza sull’esecuzione di tali opere e al flusso di informazioni tra Dicastero e Municipio. Più in concreto, risulta che solo una parte delle opere supplementari sono state deliberate con decisioni dell’Esecutivo; che i costi non corrispondono a quanto deciso inizialmente; che la realizzazione delle opere diverge sul piano qualitativo e quantitativo rispetto al mandato iniziale e alla volontà dell’Esecutivo; infine, il sindaco Mario Branda ha aggiunto che non erano state segnalate situazioni problematiche alle quali dedicare maggiore attenzione e che è capitato più volte all’Esecutivo di chiedere se tutto fosse a posto, ma di aver sempre ricevuto rassicurazioni: no problem e avanti.

Qualcuno chi?

Insomma qualcuno (chi?) ha fatto e disfatto senza informare chi di dovere. E chi era quel chi? L’alto funzionario sospeso mesi fa con effetto immediato? Il capodicastero? Progettisti o direzione lavori incaricate di tenere i costi sotto pressione?

Il Municipio, per ora, ha scelto di fare tutta la chiarezza possibile (ordinando subito gli audit), aggiungendo anche un’inchiesta amministrativa/disciplinare e assicurando che il dossier del rovente caso verrà inviato anche alla Sezione degli enti locali che valuterà autonomamente eventuali provvedimenti sull’operato del Municipio.

Tempi biblici

Balza subito all’occhio che i tempi per compiere tutti questi passi – con le elezioni comunali incombenti – sono biblici. Il tema poi è molto ghiotto: di mezzo, come detto, c’è l’impiego dei soldi pubblici. Per ora è stato spiegato che nessuno in sostanza se li è intascati, ma perché – ci chiediamo - non dire chi ha commissionato cosa, o ha fatto cosa, senza che vi fossero le necessarie delibere/coperture? Ora, per le forze politiche non coinvolte, è un invito a nozze. C’è chi (Ppd e Lega) ha già chiesto le dimissioni del capodicastero Paglia. Mossa tattica – della serie la miglior difesa è l’attacco? – degli azzurri sapendo che rischiano a loro volta di finire sotto il tiro di altri partiti per la questione gestione case anziani durante la pandemia? Per ora il Municipio ha scelto di fare quadrato, di difendere la propria compagine prendendo atto del passo del capodicastero Paglia e trasferendo al sindaco il dicastero finito nell’occhio del ciclone. L’Esecutivo ha altresì detto di voler fare ulteriormente tutta la trasparenza necessaria. Ma il momento (a soli sei mesi dalle elezioni) è decisamente infausto! Senza un punto finale cristallino – che doveva già arrivare a settembre – la campagna elettorale si preannuncia avvelenata. Purtroppo. E questo proprio quando Bellinzona diventata grande e deve crescere e crescere bene.

© Regiopress, All rights reserved