laRegione
Nuovo abbonamento
telenovela-finita-ora-buon-lavoro-a-tutti
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
1 gior

Vitta, il ‘cigno nero’ e una certa idea di rilancio

In questa fase post-pandemica indebitarsi per sostenere la ripresa economica sarebbe il miglior investimento che il cantone possa fare
Commento
1 gior

La libera circolazione e i ‘rivoluzionari’ dell’Udc

Il partito, tradizionalmente ostile alle misure d’accompagnamento, ora si erge a paladino dei diritti dei lavoratori. Con una credibilità a pari a zero.
Commento
2 gior

Niente post per 24ore basta?

Fra odio e fake news, le star boicottano Instagram e facebook!
Commento
2 gior

Naturalizzazioni a Lugano, l’ambiguità della legge

Affidare compiti amministrativi a organi politici genera polemiche e imbarazzo, mentre prosegue lo ‘sciopero’ dei quattro membri leghisti delle Petizioni
Commento
3 gior

Voto ai 16enni: germogli della democrazia!

Si torna a dibattere della possibilità di accordare il diritto di voto ai sedicenni. Idea saggia? O ardita?
Commento
4 gior

Mancherà don Roberto, l’eroe della strada, vicino agli ultimi

Sanno risvegliarci dal torpore dell’impotenza davanti alla miseria altrui. Quando li incontri ti fanno venir voglia di essere una persona migliore
L'analisi
5 gior

Non è un paese per donne

La politica ticinese richiama le immagini di fine Ottocento: solo uomini saldamente al potere
Il ricordo
5 gior

Ciao 'Nene of Daro'

Quella sera ci disse che desiderava dare anche un contributo a chi si stava affacciando alla vita sportiva
Commento
6 gior

Procura, cinque cartellini rossi: genesi da chiarire

Il Gran Consiglio ha stabilito le regole sull'elezione di pp e giudici: vada allora a fondo sulle bocciature pronunciate dal Consiglio della magistratura
Commento
1 sett

Il Lockdown e la sfida climatica

Durante il confinamento la natura si è ripresa i suoi spazi? Non è così semplice. E, spiegano gli esperti, l'impatto sul riscaldamento globale è minimo
Commento
03.09.2020 - 06:000
Aggiornamento : 09:53

Telenovela finita, ora buon lavoro a tutti!

La posta in gioco era alta: Lombardi senatore uscente di peso e un ricorso su di un sacrosanto diritto, quello di voto!

Marina Carobbio Guscetti ha tirato un sospiro di sollievo. La sua elezione è valida. L’ha finalmente certificato anche il Tribunale federale. Intanto la neosenatrice ha comunque potuto lavorare al fronte in attesa del verdetto.

'Non avrebbe in ogni caso influenzato l'esito dell'elezione'

Molto interessanti sono le valutazioni fatte in sentenza dal Tribunale federale e prima ancora dai giudici a livello cantonale. Ma, tra articoli di legge, paragrafi e sentenze, si tratta di passaggi non così digeribili per chi li deve portare a conoscenza dei cittadini. Chi però volesse ‘addentrarsi’ nella selva giuridica quasi alla fine della sentenza potrà leggere un passaggio a tutti comprensibilissimo. Eccolo qui: (...) ‘per poter modificare il risultato, conseguendo almeno un pareggio tra i candidati in questione, in questi comuni si sarebbe dovuto registrare al secondo turno più che un raddoppio dei votanti all’estero, percentuale superiore a quella dell’intero corpo elettorale, ferma al 47,84% e mai raggiunta nelle ultime cinque volte dal complesso degli elettori per turno di ballottaggio. Sarebbe inoltre stato necessario che tutti questi elettori votassero per Filippo Lombardi e nessuno per Marina Carobbio Guscetti, ciò che è assolutamente inverosimile. Ne hanno dedotto che anche in caso di irregolarità nell’invio del materiale di voto nei citati comuni, ciò non avrebbe in ogni caso influenzato l’esito dell’elezione’.

Un estratto che colpisce perché abbandona le dotte citazioni giuridiche e fa quattro calcoletti abbinandoli alla semplice logica. E già questo sarebbe stato sufficiente per non tirarla più di quel tanto alla lunga e per archiviare il ricorso su due piedi.

Posta in gioco doppiamenta alta

Ma conveniamo che la posta in gioco era doppiamente alta. Alta perché a farne le spese è stato un pezzo da novanta come il senatore pipidino uscente e non rieletto, Filippo Lombardi. Politico che in questi lunghi anni di permanenza a Berna si è dato molto da fare anche per il Ticino e che a Palazzo, dove stava tessendo alleanze strategiche fra Pdc e Pbd, era praticamente di casa. Ma la posta era alta anche perché l’oggetto del contendere del ricorso era il diritto sacrosanto di voto: è stato rispettato? Violato?

Ha fatto bene o male a ricorrere?

Oggi sappiamo che la massima corte elvetica ha detto che il risultato è quello: Carobbio batte Lombardi sul filo di lana, ma così è. Finiscono quindi qui le ambizioni ricorsuali di un privato cittadino (ma allo stesso tempo avvocato e politico locale) che ha cercato di mettere in dubbio la correttezza dell’elezione per via giudiziaria. Ha fatto bene, ha fatto male? Evidentemente la risposta dipende semplicemente dai punti di vista. Da quello meramente legale ci si potrebbe chiedere se egli avesse motivi sufficientemente giustificati. Su quest’aspetto, nel leggere le censure del Tribunale federale – per esempio: anche questa critica è quindi inammissibile per carenza di motivazione; oppure: la critica sarebbe comunque infondata – qualche domanda ce la poniamo. Ma – lo ripetiamo – la posta in gioco era talmente alta che, partendo da quelle 46 schede da brivido, si è verosimilmente voluto giocare il tutto per tutto. Telenovela finita e ora buon lavoro a tutti!

© Regiopress, All rights reserved