laRegione
Nuovo abbonamento
processo-all-informazione
L'aula penale a Lugano (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
1 gior

Vitta, il ‘cigno nero’ e una certa idea di rilancio

In questa fase post-pandemica indebitarsi per sostenere la ripresa economica sarebbe il miglior investimento che il cantone possa fare
Commento
1 gior

La libera circolazione e i ‘rivoluzionari’ dell’Udc

Il partito, tradizionalmente ostile alle misure d’accompagnamento, ora si erge a paladino dei diritti dei lavoratori. Con una credibilità a pari a zero.
Commento
2 gior

Niente post per 24ore basta?

Fra odio e fake news, le star boicottano Instagram e facebook!
Commento
2 gior

Naturalizzazioni a Lugano, l’ambiguità della legge

Affidare compiti amministrativi a organi politici genera polemiche e imbarazzo, mentre prosegue lo ‘sciopero’ dei quattro membri leghisti delle Petizioni
Commento
3 gior

Voto ai 16enni: germogli della democrazia!

Si torna a dibattere della possibilità di accordare il diritto di voto ai sedicenni. Idea saggia? O ardita?
Commento
4 gior

Mancherà don Roberto, l’eroe della strada, vicino agli ultimi

Sanno risvegliarci dal torpore dell’impotenza davanti alla miseria altrui. Quando li incontri ti fanno venir voglia di essere una persona migliore
L'analisi
5 gior

Non è un paese per donne

La politica ticinese richiama le immagini di fine Ottocento: solo uomini saldamente al potere
Il ricordo
5 gior

Ciao 'Nene of Daro'

Quella sera ci disse che desiderava dare anche un contributo a chi si stava affacciando alla vita sportiva
Commento
6 gior

Procura, cinque cartellini rossi: genesi da chiarire

Il Gran Consiglio ha stabilito le regole sull'elezione di pp e giudici: vada allora a fondo sulle bocciature pronunciate dal Consiglio della magistratura
Commento
01.09.2020 - 06:000

Processo all'informazione

Prima dell'inizio di un dibattimento il giudice nega l'atto d'accusa a un giornalista, ponendo le sue condizioni. La decisione suscita qualche interrogativo

Il Tribunale penale cantonale ha poca voglia di comunicare? Speriamo di no. Ha qualche difficoltà nel rapporto con i rappresentanti dei media? Può darsi... Fatto sta che ieri, per un processo alle Assise criminali di Locarno (riunite a Lugano e presiedute dal giudice Mauro Ermani), la nostra redazione si è trovata con i bastoni nelle ruote.

Una settimana fa abbiamo comunicato alla segreteria del tribunale che ci saremmo presentati prima dell'inizio del processo per ritirare l'atto d'accusa (stilato dal procuratore pubblico e contenente i dettagli del caso), ma che non avremmo seguito il dibattimento. Ieri mattina, a sorpresa, Ermani ci ha negato il documento, che è però stato consegnato agli altri giornalisti. Se non si tratta di una disparità di trattamento, poco ci manca... La spiegazione: “Niente atto d'accusa a chi non segue il dibattimento”. È vero che una tale decisione è di competenza del giudice, ma poteva dirlo prima. Abbiamo comunicato le nostre intenzioni con largo anticipo; c'era tempo a sufficienza per rispondere al nostro mail e per permetterci di organizzarci in altro modo.
Il Consiglio svizzero della stampa ha stabilito nero su bianco che un giornalista può riferire di un processo anche senza presenziarvi, perciò mal si comprende il 'niet' di Ermani. Il presidente della Corte ha poi menzionato la delicatezza del caso ­– in aula si parlava di violenza carnale e molestie sessuali –, ma a nostro avviso neppure ciò giustifica il divieto d'accesso all'atto d'accusa. Tanti sono i casi delicati e i giornalisti professionisti sanno come trattare in modo corretto e confidenziale la documentazione sensibile.
Il principio della pubblicità della procedura giudiziaria, nonché la libertà dei media e d'informazione, è un diritto sacrosanto, come ha già avuto modo di chiarire il Tribunale federale (Tf). “In uno Stato democratico i media svolgono un ruolo indispensabile d'informazione e di comprensione del funzionamento della giustizia – si legge in una decisione del 2017 dei giudici di Losanna –. La pubblicità è volta a impedire qualsiasi forma di giustizia segreta: essa protegge le parti in causa, garantendo lo svolgimento del procedimento conforme al diritto”.
E con “pubblicità di una procedura penale” s'intende pure la sentenza. La nostra impressione è che anche su casi importanti e seguiti dai media (e quindi dall'opinione pubblica) la Corte penale cantonale adotti talvolta un modus operandi poco comprensibile: la sentenza, che viene pronunciata diversi giorni dopo il dibattimento, viene comunicata unicamente alle parti. Ai giornalisti il compito di andare a ripescarla in qualche modo, magari per vie indirette.
In un mondo ideale i rapporti tra Giustizia e Media dovrebbero essere ottimi, contrassegnati da reciproca comprensione. Ieri non solo questa comprensione è mancata, ma il presidente della Corte penale cantonale, dettando le sue regole, ha assunto una posizione che ha influito sul lavoro della nostra redazione. Così a processo è finita l'informazione. Ci auguriamo che si sia trattato di un qui pro quo, nella speranza che questo atteggiamento non sia il segnale di una certa qual difficoltà nel gestire i rapporti con i giornalisti.

© Regiopress, All rights reserved