laRegione
Nuovo abbonamento
ha-vinto-lo-young-boys-ma-pure-il-lugano
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
1 ora

La nostra scuola in presenza e presente!

A chi non interessa sapere come se l’è cavata la nostra scuola durante il lockdown?
Commento
1 ora

Premi malattia, una stangata evitabile

I costi l'anno prossimo in Ticino aumenteranno in media dell'2,1%. Quattro volte in più rispetto a quanto avverrà nel resto della Svizzera
Commento
1 gior

Covid e crisi economica, la politica ripensi la propria funzione

Servono saggezza e altruismo per individuare quel paio di priorità su cui siglare un Patto di Paese che faccia uscire dal proprio cortile
Commento
1 gior

Paura batte cultura? Grosso problema!

Visite culturali ai tempi del covid: aumenta la prudenza!
L'analisi
1 gior

In Italia ha vinto il sì. A che cosa?

Vittoria scontata per il taglio dei parlamentari. Destra avanti nelle elezioni regionali
L'analisi
2 gior

Piccoli sovranisti in soccorso dello zar

La repressione in Bielorussia non scalda i cuoi dei nazionalisti europei allineati agli interessi di Putin
Commento
3 gior

Vitta, il ‘cigno nero’ e una certa idea di rilancio

In questa fase post-pandemica indebitarsi per sostenere la ripresa economica sarebbe il miglior investimento che il cantone possa fare
Commento
4 gior

La libera circolazione e i ‘rivoluzionari’ dell’Udc

Il partito, tradizionalmente ostile alle misure d’accompagnamento, ora si erge a paladino dei diritti dei lavoratori. Con una credibilità a pari a zero.
Commento
5 gior

Niente post per 24ore basta?

Fra odio e fake news, le star boicottano Instagram e facebook!
Commento
5 gior

Naturalizzazioni a Lugano, l’ambiguità della legge

Affidare compiti amministrativi a organi politici genera polemiche e imbarazzo, mentre prosegue lo ‘sciopero’ dei quattro membri leghisti delle Petizioni
Commento
03.08.2020 - 06:000

Ha vinto lo Young Boys, ma pure il Lugano

I bernesi hanno griffato l'infinita Super League 2019/2020 con il loro terzo titolo filato, ma anche la quinta salvezza consecutiva dei bianconeri non è da sottovalutare

Una premessa: in una stagione del genere, scombussolata dall’emergenza sanitaria e dalle conseguenze che il Covid-19 ha portato con sé nel mondo dello sport così come nel nostro quotidiano, vincono tutti (o quasi, leggasi la scellerata gestione della Swiss Football League). O perlomeno meriterebbero di farlo, perché pur sapendo che il virus ha avuto conseguenze ben più gravi di quelle che avrebbero potuto comportare l’annullamento del campionato o il fallimento stesso di un club, in ambito sportivo e nello specifico calcistico portare a termine una stagione in queste condizioni non era per nulla evidente. Dal punto di vista fisico (tre misere settimane di preparazione prima della ripresa dopo una pausa di quasi tre mesi, partite ogni 3-4 giorni e con temperature al limite), mentale (ancora oggi c'è incertezza riguardo alle conseguenze della malattia per uno sportivo e le misure di prevenzione non garantiscono una protezione totale) e logistico, con i giocatori costretti a seguire rigidi protocolli anche solo per allenarsi e i club a farsi in quattro per metterli in atto. Per non parlare dell’aspetto economico, che ha tolto – e sta ancora togliendo – il sonno ai dirigenti dei vari sodalizi, confrontati con perdite importanti in particolare per il limite di 1000 spettatori a partita che ha accompagnato le partite post-lockdown e che si sta cercando di bypassare, con l’auspicata collaborazione del Consiglio Federale, in vista della prossima annata (gli introiti del pubblico possono rappresentare fino al 40 per cento dei ricavi di una società in Svizzera).

Un futuro che è già presente visti i tempi strettissimi (la nuova stagione del calcio svizzero si aprirà l’11 settembre) e al quale i pensieri sono già rivolti, in particolare per le compagini i cui sforzi in questo travagliato esercizio si chiuderanno oggi con l’ultimo turno di Super League (poi da giocare rimarranno lo spareggio promozione/relegazione e le Coppe, svizzera ed europee). Tra queste non c’è lo Young Boys fresco campione elvetico per la terza volta consecutiva e che cercherà la doppietta campionato-coppa, mentre c’è il Lugano, che venerdì superando 3-1 il Servette ha archiviato il discorso salvezza (la quinta consecutiva dal ritorno in Super nel 2015) rendendo “inutile” il match di stasera a Neuchâtel. Un risultato quello ottenuto dai ragazzi di Maurizio Jacobacci da non sottovalutare, a maggior ragione in una situazione particolare come quella vissuta quest’anno, perché se è vero che senza qualche scivolone di troppo i bianconeri avrebbero potuto lottare anche stavolta per l’Europa, d’altro canto le incognite erano davvero molte. Ma è proprio nel momento del bisogno che è emersa l’unione e la solidarietà di un gruppo che il tecnico bernese, arrivato in punta di piedi al posto di un Celestini al quale lo stesso spogliatoio – o parte di esso – aveva ormai girato le spalle, ha saputo ricompattare e valorizzare, ben supportato da un apparato amministrativo/dirigenziale che nonostante i mezzi inferiori, per professionalità e serietà non ha nulla da invidiare ai club più blasonati. A partire da un presidente che per passione non è secondo a nessuno e che a settembre guiderà – ne siamo certi – il Lugano per la sesta stagione filata (su 11 da quanto è numero uno) nell’élite del calcio svizzero. Chapeau Angelone, anche quest’anno tu e il tuo Lugano avete vinto.

© Regiopress, All rights reserved