laRegione
Nuovo abbonamento
la-voce-da-tenore-e-quella-da-bischero
'Non sono un negazionista, sono un ottimista' (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
12 ore

Il festival che non c’è, dalla Piazza alle mascherine

Inevitabile, in questo strano 2020 pandemico, pensare a quello che è stato il Festival di Locarno, a quella condivisione che non c'è più. E che speriamo ritorni
Commento
1 gior

Ho visto un re (che scappava)

La parabola di Juan Carlos e la fine delle monarchie
L'analisi
2 gior

Lukashenko pronto a tutto per sopravvivere

Il presidente bielorusso 'ruba' le elezioni e sfida anche la Russia
Commento
3 gior

Bentornata, scuola: quanto ci sei mancata

La scuola è prima di tutto un punto di riferimento nella vita dei giovani: una funzione primaria che purtroppo è venuta meno per diversi mesi
Commento
4 gior

Mpc e Tpf, tornino protagonisti inchieste e processi

Dalla magistratura penale federale i cittadini si aspettano risultati investigativi e sentenze, soprattutto sui dossier importanti. Non (presunti) casi di mobbing interni
L'analisi
4 gior

Il giorno della rabbia nella tragedia libanese

Molti slogan ‘laici’ nelle proteste di sabato. Ma un Libano unito dalla e nella laicità sembra ancora un sogno irrealizzabile
Commento
6 gior

Ghiaccio bollente e tanti punti interrogativi

Mentre Ambrì e Lugano tornano a pattinare, il Losanna rinvia l'appuntamento col ghiaccio in attesa di novità
Commento
1 sett

L'uso della mascherina tra libertà e responsabilità individuale

La decisione di ieri del Consiglio di Stato è un atto di fiducia nei nostri confronti. A noi, adesso, mostrare coscienza e fare della nostra libertà l'uso migliore
L'analisi
1 sett

Il Libano era in ginocchio, ora è steso

La devastante esplosione di Beirut colpisce un paese prossimo al fallimento
Commento
1 sett

Treni a lunga percorrenza, una questione di cifre (e di cassa)

Le Ffs chiudono la partita con il Mendrisiotto, che non si arrende. Mentre Tilo e InterCity finiscono per entrare in concorrenza
Commento
1 sett

Locarno2020 e il futuro di una certa idea di cinema

Si apre domani un’edizione insolita, di emergenza, del festival del film. Aspettando tempi migliori: per Locarno e per il cinema
Commento
1 sett

Ha vinto lo Young Boys, ma pure il Lugano

I bernesi hanno griffato l'infinita Super League 2019/2020 con il loro terzo titolo filato, ma anche la quinta salvezza consecutiva dei bianconeri non è da sottovalutare
Commento
2 sett

Grazie cara Svizzera gioiellino di convivenza

Solidarietà: ecco la parola che mi viene in mente pensando al Natale della Patria 2020
Commento
2 sett

Tra euforia finanziaria e pessimismo economico

Finanza ed economia reale in questo periodo particolare hanno dinamiche contrapposte con la prima che brinda e la seconda che vede nero
Commento
28.07.2020 - 20:490
Aggiornamento : 22:59

La voce da tenore e quella da bischero

Andrea Bocelli 'umiliato e offeso' dal lockdown. Al prossimo concerto, vada a spiegarlo a bresciani e bergamaschi.

In inglese è “shitstorm”. In italiano è più o meno “tempesta di sterco”. È, parafrasando Battiato, quel sentimento popolare che non nasce certo da meccaniche divine e si scatena sui social quando qualcuno fa il ‘bischero’, ovvero “persona ingenua cui manca qualche venerdì, che si crede furba e invece si rivela essere stupidotta” (da uno dei tanti siti della toscanità nel mondo). Siffatta tempesta si sta abbattendo su Andrea Bocelli da quando il tenore – ospite del convegno "Covid-19 in Italia, tra informazione scienza e diritti”, nella biblioteca del Senato della Repubblica italiana – ha detto la sua sulla “cosiddetta pandemia” (ipse dixit).

Accade di lunedì 27 luglio: premettendo di parlare “lontano dalla politica”, ma giusto davanti a Matteo Salvini in prima fila, mattatore di un incontro organizzato dal leghista Armando Siri e da Vittorio Sgarbi, Bocelli riferisce di essersi sentito (durante il lockdown) “umiliato e offeso” perché “privato della libertà di uscire di casa senza aver commesso crimine alcuno”, una volta preso atto che “le cose non erano così come ci venivano raccontate”. E confessa l’avere “disobbedito volontariamente a questo divieto” in quanto “non giusto e non salutare rimanere in casa, ho una certa età e ho bisogno che il sole trasformi la vitamina D in quello che deve diventare”. Quanto sopra potrebbe pure non suonare sufficientemente negazionista se al complessivo virgolettato non si fosse aggiunto anche un “Io che conosco tanta gente, non conoscevo nessuno che fosse finito in terapia intensiva. Nessuno. E allora, tutta questa gravità?”.

Al netto dei leoni da tastiera anonimi, a cantarle al cantante in queste ore è soprattutto un popolo composto che ci mette nome, cognome e faccia. Dalla punteggiatura e dall’ortografia sembrano pacifisti del web che sino ad oggi gli esprimevano stima, o anche solo like convinti. È il popolo disorientato dal ricordo della diretta tv dal Duomo di Milano deserto, il giorno di Pasqua (“Chieda perdono, per le sue pessime frasi, a coloro che hanno avuto distrutta la famiglia. Chieda perdono la prossima volta che intonerà un’Ave Maria”), disorientato anche dal denaro raccolto con l’Andrea Bocelli Foundation, dal plasma donato in prima persona, dall’essere stato contagiato e guarito, sempre in prima persona. A parte riciclare i fiori regalatigli da Pavarotti per fare un regalo allo stesso Pavarotti (“Tanto secondo te si accorge di quelli che gli comprano?”, disse un giorno a New York all’ex-manager Michele Torpedine, che riporta l’aneddoto nella relativa autobiografia), il Bocelli filantropo e benefattore è sempre viaggiato a fianco dell’artista.

Dal polverone sollevatosi è nato il #boicottbocelli. E in mezzo all’ironia di chi dà la colpa alla Toscana (“Dev’essere l’aria”), di chi gli tiene la parte (“È come l’Australia, non esiste. È una truffa delle lobby delle mappe e dei mappamondi”) e di chi produce sillogismi di ritorno (“Non ho mai conosciuto un ebreo, quindi l’Olocausto non esiste”), c’è chi ne brucia i dischi come libri di Rushdie, chi chiede che non canti più l’inno di Mameli e chi gli fa notare che c’è chi ha trascorso la quarantena in settanta metri quadri, meno della superficie calpestabile della villa del tenore, nella tenuta da 140 ettari a Forte dei Marmi, con affaccio sul mare e spiaggia privata. C’è poi la scuola di pensiero “Te babbo pensa alla Tosca e alla Butterlfy, che i virus non sai cosa sono”, corrente che si rifà ai (testuali) consigli dati al cantante, invano, dai rispettivi figli prima di aprire bocca in Senato. La caduta di stile è occasione ghiotta anche per i pavarottiani, quelli che all’espressione “Bocelli è l’erede di Pavarotti” inorridiscono come ci s’inorridiva per “I Duran Duran sono nuovi Beatles”. Tra i nostalgici di Big Luciano, su facebook, il #boicottbocelli Award va al signor Marco Brutti: “E comunque, quella brava in ‘Vivo per lei’ era Giorgia”.

A chi lo invita a trasferirsi in Brasile, a chi gli chiede “A quando un live alle sorgenti del Po?”, con esplicito riferimento all’ampolla, così si giustifica Bocelli il giorno dopo: “Non sono un negazionista, sono un ottimista”, sostenendo indirettamente l’esistenza dei soli negazionisti pessimisti (a tavola, invece, i negazionisti ottimisti possono essere molto di compagnia). E tentando di rattoppare, allarga il buco: “Sono stato un po’ frainteso”, aggiunge, statement che riporta in vita il miglior Berlusconi, vero re della toppa (nessuna ironia, con una sola ‘p’). Per convincerci tutti del fraintendimento, al tenore non resterebbe che provare ad aprire il prossimo concerto di Bergamo, o di Brescia, con un “Buonasera: e allora, tutta questa gravità?”. Ma potrebbero non essere applausi. 

© Regiopress, All rights reserved