Danimarca
0
Finlandia
0
1. tempo
(0-0)
al-lupo-al-lupo-stato-totalitario
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
14 ore

Non schwa tutto bene

Il tentativo di rendere più inclusivo il linguaggio usando nuovi segni grafici rischia di provocare l'effetto contrario, aumentando le divisioni
Commento
14 ore

Ex Macello di Lugano, a terra la fiducia nelle istituzioni

Silenzi, comunicazioni del Municipio e amianto nelle macerie dell'edificio abbattuto, alimentano forti dubbi sugli organi dello Stato
Commento
1 gior

Emozioni, ‘normali’ emozioni

Si apre stasera a Roma con Italia-Turchia un Europeo che per quanto ancora condizionato dalla pandemia, rappresenta un importante passo verso la normalità
La formica rossa
1 gior

È tutto colpa di quello sbadato pacherista

A questo punto qualche municipale fresca di nomina potrà ben dirgli che è anche responsabilità sua se poi si è ritrovato a respirare aria inquinata d’amianto
Commento
2 gior

Avs 21, quando l’esperienza non insegna

Il Parlamento aumenta a 65 anni l’età di pensionamento delle donne. Ma le compensazioni sono insufficienti. Una scelta che potrebbe costare cara alle urne
Commento
2 gior

La legge sul terrorismo minaccia un po’ tutti

Quando si sposta dal tribunale alla stazione di polizia la facoltà di decidere chi perseguire, gli abusi sono dietro l’angolo
Commento
3 gior

La ‘confessione’ di Roman e il ritorno dei processi farsa

Pestato dalla dittatura bielorussa, Roman Protasevich ’ammette’ i suoi crimini in un siparietto tv che ci riporta ai tempi cupi del comunismo sovietico
La formica rossa
3 gior

Di demolizioni, silenzi stampa e risposte che tardano

Dopo la distruzione all’ex Macello le autorità sono reticenti. Silenzio non solo sull’autogestione, ma soprattutto sul modo in cui si usa il potere
Commento
4 gior

Concorrenza fiscale, il G7 ha detto stop

Il percorso per rendere il principio realtà sarà ancora lungo, ma la via è tracciata. Gli effetti ci saranno anche in Svizzera
Commento
 
28.07.2020 - 06:150

Al lupo, al lupo! Stato totalitario?

Per favore, signor deputato, anche se si può legittimamente (e ci mancherebbe!) avere un’idea opposta sull’efficacia della misura, che non si scomodi con tanta facilità lo stato totalitario liberticida.

‘Non ho timore ad affermare che questo tipo di dinamiche sono degne di uno stato totalitario, non certo di una democrazia liberale funzionante’.

Questa frase, molto impegnativa, la leggiamo alla fine di un’interrogazione (dal titolo ‘Cittadini o sceriffi? Un invito degno di uno stato totalitario’) del deputato e co-presidente del Ps Fabrizio Sirica. Il politico ritiene scandaloso il fatto che il Dss negli scorsi giorni abbia emesso un comunicato stampa per informare su cosa andasse fatto in merito alle quarantene, indicando – ecco l’oggetto del contendere – anche la possibilità data ai cittadini di segnalare alla polizia potenziali trasgressori della quarantena. Mossa a mio avviso invece utile, quella proposta da Raffaele De Rosa, visto che anche i mass media si sono occupati di segnalazioni di cittadini molto preoccupati nel constatare rientri dalle ferie di vacanzieri provenienti verosimilmente da Paesi che figurano sulla lista delle nazioni per le quali va fatta la quarantena e che hanno fatto di tutto, meno che vita appartata, continuando a frequentare amici vicini e lontani. Per la serie: ecchissenefrega!

Così il Dss, dopo il silenzio iniziale, ha messo nero su bianco come comportarsi. E per fermare chi, diciamo eufemisticamente, non sapeva o si era dimenticato che c’è la quarantena, o per chi – diciamolo più direttamente – se ne infischia bellamente, è anche stata data la possibilità (quale extrema ratio) a privati cittadini di segnalare potenziali violazioni da indirizzare alla Polizia cantonale al numero di telefono +41 848 25 55 55, o all’indirizzo di posta elettronica polizia@polca.ti.ch.

Si informi meglio!

E allora apriti cielo e dàgli allo stato totalitario! Ma per carità: se questo significa essere o vivere in un tale regime, forse il deputato Sirica dovrebbe informarsi meglio.

Nel caso che ci concerne si tratta semplicemente di segnalare alle autorità degli ignoranti (leggasi persone che ignorano che qui è in atto una quarantena), o dei patentati cretini (che pur sapendo se ne fregano) che potenzialmente mettono a rischio la salute altrui, e ciò in un momento nel quale faticosamente stiamo tentando di tenere a bada il livello di virus circolante. E quanti sono gli ignoranti, o i cretini, in circolazione? Speriamo pochi, ma il fatto che possano sapere che anche il vicino di casa che tiene alla propria salute, li possa segnalare all’autorità può già fare qualcosa, mentre in tanti, restando in patria, si sono dati da fare per adottare tutte le misure necessarie per evitare ulteriori contagi, anche evitando/rinunciando di andare in vacanza all’estero in zone a rischio. Quindi, per favore, signor deputato, anche se si può legittimamente (e ci mancherebbe!) avere un’idea opposta sull’efficacia della misura, che non si scomodi con tanta facilità lo stato totalitario liberticida. Anche le parole hanno un peso, un senso, una storia!

© Regiopress, All rights reserved