laRegione
Nuovo abbonamento
siete-umani-siete-fratelli
Un fotogramma del video dell'aggressione
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
12 ore

Il festival che non c’è, dalla Piazza alle mascherine

Inevitabile, in questo strano 2020 pandemico, pensare a quello che è stato il Festival di Locarno, a quella condivisione che non c'è più. E che speriamo ritorni
Commento
1 gior

Ho visto un re (che scappava)

La parabola di Juan Carlos e la fine delle monarchie
L'analisi
2 gior

Lukashenko pronto a tutto per sopravvivere

Il presidente bielorusso 'ruba' le elezioni e sfida anche la Russia
Commento
3 gior

Bentornata, scuola: quanto ci sei mancata

La scuola è prima di tutto un punto di riferimento nella vita dei giovani: una funzione primaria che purtroppo è venuta meno per diversi mesi
Commento
4 gior

Mpc e Tpf, tornino protagonisti inchieste e processi

Dalla magistratura penale federale i cittadini si aspettano risultati investigativi e sentenze, soprattutto sui dossier importanti. Non (presunti) casi di mobbing interni
L'analisi
4 gior

Il giorno della rabbia nella tragedia libanese

Molti slogan ‘laici’ nelle proteste di sabato. Ma un Libano unito dalla e nella laicità sembra ancora un sogno irrealizzabile
Commento
6 gior

Ghiaccio bollente e tanti punti interrogativi

Mentre Ambrì e Lugano tornano a pattinare, il Losanna rinvia l'appuntamento col ghiaccio in attesa di novità
Commento
1 sett

L'uso della mascherina tra libertà e responsabilità individuale

La decisione di ieri del Consiglio di Stato è un atto di fiducia nei nostri confronti. A noi, adesso, mostrare coscienza e fare della nostra libertà l'uso migliore
L'analisi
1 sett

Il Libano era in ginocchio, ora è steso

La devastante esplosione di Beirut colpisce un paese prossimo al fallimento
Commento
22.07.2020 - 20:320
Aggiornamento : 23:04

'Siete umani, siete fratelli'

Quanta profondità scaturita in pochi istanti. Chissà quante situazioni potrebbero trovare soluzione partendo da questo assunto!

‘Nel nome di di Dio, di Allah, gettate quel coltello! Non fate queste cose, smettetela, siete umani’.

In tanti sono rimasti colpiti dal video della donna che supplica due uomini venuti alle mani (pare per questioni di cuore) fuori dall’Aldi di Pregassona, uno armato di coltello e l'altro insanguinato. Una situazione decisamente drammatica dietro l’angolo di casa, che ha visto catapultarsi sulla scena una persona decisamente coraggiosa e determinata (che non si sente comunque un’eroina) capace di farli smettere e farsi consegnare l'arma. Diverse altre persone sono invece rimaste in disparte, anche se la donna ha inizialmente tentato di convincerle ad intervenire tutte assieme. Qualcuno – ormai succede sempre così - ha invece ripreso la scena, poi diffusa da altri in rete.

In un caso simile cosa avrei fatto?

Vedendo il filmato alcuni si saranno chiesti ‘ma io in quel caso (o in un caso simile) cosa avrei fatto?’.

Molto probabilmente la maggioranza sarebbe stata lì ad assistere al violento alterco e qualcuno - come è accaduto - avrebbe chiamato la polizia. Del resto è quello che raccomandano di fare anche le forze dell'ordine: non intervenite, potrebbe essere pericoloso, chiamate noi. E ciò, anche quando vi trovate i ladri in casa: non fate resistenza, non vale la pena rimanere feriti o rischiare la vita per cose materiali. E poi, diciamolo, nella testa di qualcuno sarà anche balenata la giustificazione: ma che se la vedano loro, i due rissosi violenti, con la polizia quando arriverà e la magistratura poi. Pur considerando eccezionale e nobile il gesto compiuto dalla donna, non crediamo quindi che l’atteggiamento degli altri presenti sia da condannare. E del resto non è per giudicare che torniamo sull’accaduto.

Fantapolitica?

Del fatto di cronaca ciò che più ci ha fatto riflettere è infatti la frase pronunciata dalla donna: ‘Siete umani’, ‘siete fratelli’. Quanta profondità scaturita in pochi istanti. Già, chissà quante situazioni potrebbero trovare soluzione partendo proprio da questo assunto. Quante guerre potrebbero essere fermate se i capi di stato o coloro che stanno nelle sale comando si ricordassero che ‘siamo umani’, ‘siamo fratelli’. E invece, guardando anche solo all'America di Trump, tanto per citare un paese ma la lista (ahinoi) è piuttosto lunga, anche solo per ribadire l’uguaglianza al di là del colore della pelle, si è dovuti scendere per strada a manifestare per settimane e settimane.

La strada per la conquista dei diritti fondamentali è ancora in salita, ma se i leader insistessero maggiormente sul fatto che ‘siamo tutti uguali, tutti fratelli’ e agissero di conseguenza, lo sarebbe molto meno e tanti motivi di tensioni e conflitti verrebbero meno. Fantapolitica, forse. Davanti all’Aldi piccola realtà.

© Regiopress, All rights reserved