Danimarca
0
Finlandia
0
1. tempo
(0-0)
siete-umani-siete-fratelli
Un fotogramma del video dell'aggressione
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
13 ore

Non schwa tutto bene

Il tentativo di rendere più inclusivo il linguaggio usando nuovi segni grafici rischia di provocare l'effetto contrario, aumentando le divisioni
Commento
13 ore

Ex Macello di Lugano, a terra la fiducia nelle istituzioni

Silenzi, comunicazioni del Municipio e amianto nelle macerie dell'edificio abbattuto, alimentano forti dubbi sugli organi dello Stato
Commento
1 gior

Emozioni, ‘normali’ emozioni

Si apre stasera a Roma con Italia-Turchia un Europeo che per quanto ancora condizionato dalla pandemia, rappresenta un importante passo verso la normalità
La formica rossa
1 gior

È tutto colpa di quello sbadato pacherista

A questo punto qualche municipale fresca di nomina potrà ben dirgli che è anche responsabilità sua se poi si è ritrovato a respirare aria inquinata d’amianto
Commento
2 gior

Avs 21, quando l’esperienza non insegna

Il Parlamento aumenta a 65 anni l’età di pensionamento delle donne. Ma le compensazioni sono insufficienti. Una scelta che potrebbe costare cara alle urne
Commento
2 gior

La legge sul terrorismo minaccia un po’ tutti

Quando si sposta dal tribunale alla stazione di polizia la facoltà di decidere chi perseguire, gli abusi sono dietro l’angolo
Commento
3 gior

La ‘confessione’ di Roman e il ritorno dei processi farsa

Pestato dalla dittatura bielorussa, Roman Protasevich ’ammette’ i suoi crimini in un siparietto tv che ci riporta ai tempi cupi del comunismo sovietico
La formica rossa
3 gior

Di demolizioni, silenzi stampa e risposte che tardano

Dopo la distruzione all’ex Macello le autorità sono reticenti. Silenzio non solo sull’autogestione, ma soprattutto sul modo in cui si usa il potere
Commento
4 gior

Concorrenza fiscale, il G7 ha detto stop

Il percorso per rendere il principio realtà sarà ancora lungo, ma la via è tracciata. Gli effetti ci saranno anche in Svizzera
Commento
 
22.07.2020 - 20:320
Aggiornamento : 23:04

'Siete umani, siete fratelli'

Quanta profondità scaturita in pochi istanti. Chissà quante situazioni potrebbero trovare soluzione partendo da questo assunto!

‘Nel nome di di Dio, di Allah, gettate quel coltello! Non fate queste cose, smettetela, siete umani’.

In tanti sono rimasti colpiti dal video della donna che supplica due uomini venuti alle mani (pare per questioni di cuore) fuori dall’Aldi di Pregassona, uno armato di coltello e l'altro insanguinato. Una situazione decisamente drammatica dietro l’angolo di casa, che ha visto catapultarsi sulla scena una persona decisamente coraggiosa e determinata (che non si sente comunque un’eroina) capace di farli smettere e farsi consegnare l'arma. Diverse altre persone sono invece rimaste in disparte, anche se la donna ha inizialmente tentato di convincerle ad intervenire tutte assieme. Qualcuno – ormai succede sempre così - ha invece ripreso la scena, poi diffusa da altri in rete.

In un caso simile cosa avrei fatto?

Vedendo il filmato alcuni si saranno chiesti ‘ma io in quel caso (o in un caso simile) cosa avrei fatto?’.

Molto probabilmente la maggioranza sarebbe stata lì ad assistere al violento alterco e qualcuno - come è accaduto - avrebbe chiamato la polizia. Del resto è quello che raccomandano di fare anche le forze dell'ordine: non intervenite, potrebbe essere pericoloso, chiamate noi. E ciò, anche quando vi trovate i ladri in casa: non fate resistenza, non vale la pena rimanere feriti o rischiare la vita per cose materiali. E poi, diciamolo, nella testa di qualcuno sarà anche balenata la giustificazione: ma che se la vedano loro, i due rissosi violenti, con la polizia quando arriverà e la magistratura poi. Pur considerando eccezionale e nobile il gesto compiuto dalla donna, non crediamo quindi che l’atteggiamento degli altri presenti sia da condannare. E del resto non è per giudicare che torniamo sull’accaduto.

Fantapolitica?

Del fatto di cronaca ciò che più ci ha fatto riflettere è infatti la frase pronunciata dalla donna: ‘Siete umani’, ‘siete fratelli’. Quanta profondità scaturita in pochi istanti. Già, chissà quante situazioni potrebbero trovare soluzione partendo proprio da questo assunto. Quante guerre potrebbero essere fermate se i capi di stato o coloro che stanno nelle sale comando si ricordassero che ‘siamo umani’, ‘siamo fratelli’. E invece, guardando anche solo all'America di Trump, tanto per citare un paese ma la lista (ahinoi) è piuttosto lunga, anche solo per ribadire l’uguaglianza al di là del colore della pelle, si è dovuti scendere per strada a manifestare per settimane e settimane.

La strada per la conquista dei diritti fondamentali è ancora in salita, ma se i leader insistessero maggiormente sul fatto che ‘siamo tutti uguali, tutti fratelli’ e agissero di conseguenza, lo sarebbe molto meno e tanti motivi di tensioni e conflitti verrebbero meno. Fantapolitica, forse. Davanti all’Aldi piccola realtà.

© Regiopress, All rights reserved