laRegione
Nuovo abbonamento
la-mafia-e-la-svizzera
ULTIME NOTIZIE Opinioni
L'analisi
6 ore

La solidarietà europea non aiuta i migranti

Il Patto presentato da Ursula von del Leyen lascia irrisolti i temi che più dividono e conferma la chiusura delle frontiere
Commento
1 gior

Festival di Locarno, come ruggirà il Pardo senza testa?

Al di là dei motivi che hanno portato all'addio della direttrice artistica Lili Hinstin, bisogna interrogarsi sulle prospettive del festival
Commento
1 gior

'Tocca alle Ffs trovare una soluzione idrica per Coldrerio'

Commento
2 gior

Sorpassi a Bellinzona, sarà una campagna avvelenata!

Insomma qualcuno (chi?) ha fatto e disfatto senza informare chi di dovere. E chi era quel chi?
Commento
2 gior

L’hockey è pronto a ripartire: ‘Godetevi la partita’

La lunga attesa è finita: tra una settimana, tra mille punti interrogativi, torna il campionato svizzero di disco su ghiaccio
Commento
3 gior

La nostra scuola in presenza e presente!

A chi non interessa sapere come se l’è cavata la nostra scuola durante il lockdown?
Commento
3 gior

Premi malattia, una stangata evitabile

I costi l'anno prossimo in Ticino aumenteranno in media dell'2,1%. Quattro volte in più rispetto a quanto avverrà nel resto della Svizzera
Commento
4 gior

Covid e crisi economica, la politica ripensi la propria funzione

Servono saggezza e altruismo per individuare quel paio di priorità su cui siglare un Patto di Paese che faccia uscire dal proprio cortile
Commento
4 gior

Paura batte cultura? Grosso problema!

Visite culturali ai tempi del covid: aumenta la prudenza!
L'analisi
4 gior

In Italia ha vinto il sì. A che cosa?

Vittoria scontata per il taglio dei parlamentari. Destra avanti nelle elezioni regionali
Commento
22.07.2020 - 06:100

La mafia e la Svizzera

Fabio Regazzi ha ragioni da vendere: speriamo che tiri diritto!

Siamo all’ennesima presa di coscienza di quanto siano radicati anche da noi (nella Svizzera interna, ma anche in Ticino) taluni fenomeni malavitosi-mafiosi, che solitamente riempiono le cronache giudiziarie della vicina Penisola. Quante volte ci siamo chiesti: “e da noi, com’è?”. Ecco, da noi – basta dare un’occhiata al maxidecreto di fermo del procuratore antimafia di Catanzaro, Nicola Gratteri – il fenomeno è indubitabilmente presente.

La mafia c'è anche qui!

Già, perché sebbene nell’operazione antimafia siano scattate le manette a una settantina di persone in Italia e solo a una in Svizzera (in Argovia), mentre in Ticino è stato ascoltato un 59enne, è emerso chiaramente quali sono le pedine sulle quali, anche fuori Calabria, la criminalità organizzata può contare. Pedine attive pure su territorio elvetico che comprano armi e munizioni di ogni genere, vista la facilità nel procurarsele (complice la legislazione liberale rossocrociata), svolgendo poi anche attività losche di altro/ogni genere (dal riciclaggio, agli stupefacenti ecc.).

Armi facili da comprare

In un passaggio del decreto di fermo, che conta migliaia e migliaia di pagine (3’544 per la precisione!), si illustra proprio nel dettaglio cosa succede nella Confederazione (la parola ‘Svizzera’ è riportata ben 446 volte!). Un resoconto che dà parecchio da pensare. Sì, perché, con quanto si guadagna commerciando stupefacenti (e non solo evidentemente), qui si acquistano poi armi e si droga/investe pure sul mercato nazionale. Così una parte della nostra economia risulta a lungo andare – la ripetizione è voluta – drogata e falsata.

Le attività evidenziate sono molteplici e per rendersene conto basta sfogliare alcune delle migliaia di pagine del decreto dove si citano diversi esempi di attività (oro, ristorazione, prestiti) finanziate con soldi evidentemente facili e sporchi. Soldi che, a loro volta, permettono di fare grossi utili e di acquistare armi per gli arsenali di chi in Calabria (ma non solo) desidera continuare a controllare il territorio attraverso intimidazioni (omicidi) ed estorsioni.

Collaborazione bene, ma i tribunali?

Di positivo c’è che, quanto scoperto, dopo alcuni anni di inchieste internazionali, è stato possibile grazie alla collaborazione fra magistrati svizzeri e italiani. Un’intesa che ha portato frutti investigativi e che speriamo regga anche da noi di fronte ai tribunali. Se non fosse il caso – altro insegnamento da trarre, visti i precedenti – è giunto il momento che la politica si interroghi davvero sull’attualità delle nostre leggi confrontate con tale piovra criminale. Se non lo fossero, che si portino i correttivi, anche perché i giri mafiosi si piazzano volentieri in un Paese nel quale è più facile farla franca, o nel quale, se si deve pagare la fattura, il conto è tutto sommato poco salato.

Avanti Fabio Regazzi

Che il consigliere nazionale Fabio Regazzi, da qualche tempo al fronte politico su questi temi/nodi, tiri diritto con le sue richieste indirizzate direttamente a governo e parlamentari. Ha ragioni da vendere e speriamo che i sordi finalmente sentano!

© Regiopress, All rights reserved