laRegione
Nuovo abbonamento
giuseppe-buffi-vent-anni-dopo-la-sua-scomparsa
(Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
13 ore

Il festival che non c’è, dalla Piazza alle mascherine

Inevitabile, in questo strano 2020 pandemico, pensare a quello che è stato il Festival di Locarno, a quella condivisione che non c'è più. E che speriamo ritorni
Commento
1 gior

Ho visto un re (che scappava)

La parabola di Juan Carlos e la fine delle monarchie
L'analisi
2 gior

Lukashenko pronto a tutto per sopravvivere

Il presidente bielorusso 'ruba' le elezioni e sfida anche la Russia
Commento
3 gior

Bentornata, scuola: quanto ci sei mancata

La scuola è prima di tutto un punto di riferimento nella vita dei giovani: una funzione primaria che purtroppo è venuta meno per diversi mesi
Commento
4 gior

Mpc e Tpf, tornino protagonisti inchieste e processi

Dalla magistratura penale federale i cittadini si aspettano risultati investigativi e sentenze, soprattutto sui dossier importanti. Non (presunti) casi di mobbing interni
L'analisi
4 gior

Il giorno della rabbia nella tragedia libanese

Molti slogan ‘laici’ nelle proteste di sabato. Ma un Libano unito dalla e nella laicità sembra ancora un sogno irrealizzabile
Commento
6 gior

Ghiaccio bollente e tanti punti interrogativi

Mentre Ambrì e Lugano tornano a pattinare, il Losanna rinvia l'appuntamento col ghiaccio in attesa di novità
Commento
1 sett

L'uso della mascherina tra libertà e responsabilità individuale

La decisione di ieri del Consiglio di Stato è un atto di fiducia nei nostri confronti. A noi, adesso, mostrare coscienza e fare della nostra libertà l'uso migliore
L'analisi
1 sett

Il Libano era in ginocchio, ora è steso

La devastante esplosione di Beirut colpisce un paese prossimo al fallimento
Commento
1 sett

Treni a lunga percorrenza, una questione di cifre (e di cassa)

Le Ffs chiudono la partita con il Mendrisiotto, che non si arrende. Mentre Tilo e InterCity finiscono per entrare in concorrenza
Commento
20.07.2020 - 08:450

Giuseppe Buffi, vent'anni dopo la sua scomparsa

Era il 20 luglio 2000 quando dall'Italia rimbalzò, fragorosa, la notizia della morte del presidente del governo cantonale

La notizia della morte di Giuseppe Buffi arrivò improvvisamente in redazione la sera tardi, quando il giornale era già quasi pronto per la stampa. Era evidentemente una notizia di quelle enormi, che ti ripeti almeno due volte prima di crederci: la morte del presidente del governo cantonale in carica.

Richiamai subito in redazione il vicedirettore di allora, Michele De Lauretis, e Paul Guidicelli, che con Giuseppe Buffi aveva trascorso diversi anni al Dovere, testata di cui – prima di diventare ministro – fu direttore. De Lauretis si occupò di raccogliere reazioni di politici di diverso colore che, interpellati in piena notte, venivano a sapere della brutta notizia e non si capacitavano. Guidicelli si occupò, invece, di ricordare l’ex collega Buffi.

Confezionammo due edizioni del giornale, fermando dopo la mezzanotte la rotativa vista l’eccezionalità della notizia. E poi ci recammo in stazione, dopo l’una del mattino, per vedere cosa aveva pubblicato la concorrenza di Muzzano. Nulla, tanto che il giorno dopo il ‘Corriere’ fece un’edizione speciale consegnandola a mano per le strade del cantone per rimediare al buco.

Rammento questo aneddoto per raccontare di un mondo mediatico che non c’è più, molto più lento di quello nel quale viviamo ora: pensate, la Rsi, pur avendo la notizia già dalla tarda notte, la rese pubblica solo al radiogiornale delle 7 di mattina del giorno dopo.

Pare che venne invitata da un alto funzionario del governo a non uscire perché andavano avvertiti prima tutti i familiari. Oggi sarebbe impensabile, anzi impossibile: un fatto del genere da subito galopperebbe nella rete. 

Capacità nel tessere compromessi

Di Giuseppe Buffi, uomo politico e di cultura di lungo corso, si potrebbero rievocare molti tratti. Ma, scegliendone uno solo, non esiterei a citare la sua capacità di tessere compromessi. Anche quelli storici, che permisero di creare l’Università della Svizzera italiana. Compromessi fra partiti e movimenti: a Lugano, fra i liberali di Giorgio Giudici, i leghisti di Giuliano Bignasca e i ‘ciellini’ di Monsignor Corecco; a Mendrisio, con il Ppd per l’Accademia di Mario Botta. Solo così, combinando anche le dimensioni comunale e cantonale (oggi sparite) e diverse correnti partitico-politiche, fu possibile dare avvio al progetto Usi e ‘neutralizzare’ possibili opposizioni e imboscate. Compromessi che, evidentemente, fecero anche storcere qualche naso al solo pensiero che la Lega, allora composta da personaggi molto discutibili, potesse tenere a battesimo e gestire l’Università. Ma nessun pericolo: a loro allora interessava ‘solo’ il cantiere. Come d’altronde fu per il Lac. Compromessi che, a qualcun altro, potente come Buffi ma operativo sulle rive del Ceresio col titolo di ‘re’, dopo anni di relazioni pericolose e ravvicinate, costarono la corona. 

Comunque sia, grazie all’abilità politica di Buffi, all’eccezionale forza operativa sul campo di Mauro Dell’Ambrogio e alle energie di chi ha gestito l’Usi negli anni a seguire, oggi la Svizzera italiana rientra tra i cantoni universitari a pieno titolo e questo è un passo decisamente in avanti nella nostra crescita culturale in senso lato. L’Università resta senza dubbio la maggior creazione istituzionale degli ultimi 25 anni, in continua fioritura e all’altezza dei tempi.

© Regiopress, All rights reserved