Danimarca
0
Finlandia
0
1. tempo
(0-0)
ripensare-la-vita-e-il-lavoro-dopo-la-covid
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
13 ore

Non schwa tutto bene

Il tentativo di rendere più inclusivo il linguaggio usando nuovi segni grafici rischia di provocare l'effetto contrario, aumentando le divisioni
Commento
13 ore

Ex Macello di Lugano, a terra la fiducia nelle istituzioni

Silenzi, comunicazioni del Municipio e amianto nelle macerie dell'edificio abbattuto, alimentano forti dubbi sugli organi dello Stato
Commento
1 gior

Emozioni, ‘normali’ emozioni

Si apre stasera a Roma con Italia-Turchia un Europeo che per quanto ancora condizionato dalla pandemia, rappresenta un importante passo verso la normalità
La formica rossa
1 gior

È tutto colpa di quello sbadato pacherista

A questo punto qualche municipale fresca di nomina potrà ben dirgli che è anche responsabilità sua se poi si è ritrovato a respirare aria inquinata d’amianto
Commento
2 gior

Avs 21, quando l’esperienza non insegna

Il Parlamento aumenta a 65 anni l’età di pensionamento delle donne. Ma le compensazioni sono insufficienti. Una scelta che potrebbe costare cara alle urne
Commento
2 gior

La legge sul terrorismo minaccia un po’ tutti

Quando si sposta dal tribunale alla stazione di polizia la facoltà di decidere chi perseguire, gli abusi sono dietro l’angolo
Commento
3 gior

La ‘confessione’ di Roman e il ritorno dei processi farsa

Pestato dalla dittatura bielorussa, Roman Protasevich ’ammette’ i suoi crimini in un siparietto tv che ci riporta ai tempi cupi del comunismo sovietico
La formica rossa
3 gior

Di demolizioni, silenzi stampa e risposte che tardano

Dopo la distruzione all’ex Macello le autorità sono reticenti. Silenzio non solo sull’autogestione, ma soprattutto sul modo in cui si usa il potere
Commento
4 gior

Concorrenza fiscale, il G7 ha detto stop

Il percorso per rendere il principio realtà sarà ancora lungo, ma la via è tracciata. Gli effetti ci saranno anche in Svizzera
Commento
5 gior

Una ‘normale’ legge sul CO2, imperfetta ma necessaria

La Svizzera subisce in pieno le conseguenze del cambiamento climatico. Un ‘no’ il 13 giugno farebbe perdere tempo prezioso, e i rischi aumenterebbero...
Commento
 
18.07.2020 - 06:000

Ripensare la vita e il lavoro dopo la Covid

Il ritorno alla normalità non deve diventare la scusa per non riflettere sulle opportunità del digitale. E magari provare ad anticipare i tempi

“Nulla sarà più come prima”: una frase che abbiamo sentito spesso, sia nei giorni più difficili della pandemia, sia adesso che tra tante incertezze si pensa a come riprendere le attività di un tempo. Pronunciata con la speranza, venata di millenarismo, di un luminoso futuro o al contrario, con apocalittici timori di sventure, quel “nulla sarà come prima” si scontrerà inevitabilmente con le più tenaci forze sociali: l’inerzia, l’abitudine, il “poi si vedrà”. Più che la voglia di “tornare a vivere” – altra frase ricorrente in questo periodo –, sarà l’apatia verso i cambiamenti improvvisi a farci lentamente tornare agli stili di vita precedenti la pandemia.

Eppure, parlando dopo la pausa forzata del Lockdown con diversi operatori culturali, è emersa la consapevolezza che sì, l’emergenza sanitaria ha fermato tutto e con difficoltà si pensa a come ripartire, a come riparare i danni. Ma, al contempo, questa pandemia ha accelerato processi e tendenze già in corso, per cui correre ai ripari spesso ha significato anticipare i tempi di cambiamenti sociali solitamente lenti e graduali. Iniziando dalla cosiddetta “rivoluzione digitale”, ma più in generale un diverso modo di concepire la mobilità, l’equilibrio tra lavoro e vita privata.

Le difficoltà negli spostamenti e nell’incontrarsi di persona hanno portato a una smaterializzazione improvvisa e forzata delle nostre vite; una prova utile tuttavia per comprendere quali aspetti e attività non è possibile digitalizzare, cosa c’è di davvero importante nell’andare a un concerto, a uno spettacolo teatrale o anche solo a fare la spesa o a lavorare. E per comprendere cosa, invece, da una virtualizzazione può guadagnare e migliorare, magari fare addirittura un salto di livello.

Una riflessione su quanto fatto finora che purtroppo non tutti sembrano voler fare: in molti attendono il ritorno alla normalità, pensano all’emergenza sanitaria come a una parentesi che, una volta chiusa, non cambia il senso delle nostre vite. Perché quel senso cambierà comunque, e conviene rendersene conto. Stupisce, e un po’ preoccupa, vedere il sindaco di Milano, città da sempre alle prese con grandi problemi di mobilità, sollecitare la fine del telelavoro perché “se dovessimo considerarlo normalità dovremmo ripensare la città” (come dichiarato a SkyTG24 pochi giorni fa). Le città andranno comunque ripensate: la priorità, più che tornare all’era pre-Covid, dovrebbe essere pensare a come costruire il post-Covid. Soprattutto per evitare storture e ingiustizie perché se ha grande potenzialità, la smaterializzazione presenta anche grandi rischi. Pensiamo all’omologazione, alle difficoltà per le realtà locali di competere con i grandi attori globali. E soprattutto alle ineguaglianze: il telelavoro, la didattica a distanza o anche solo il seguire un evento online non sono la stessa cosa per tutti ma dipendono dalle risorse – economiche, tecnologiche, abitative – delle persone. Da questo punto di vista, la scrivania, il banco e la poltrona in teatro o allo stadio sono democratica garanzia di uguaglianza.

Nulla sarà più come prima: non per la pandemia, ma perché niente rimane costante, nella vita e nella società. Semplicemente, stiamo avendo un’occasione per riflettere su questi cambiamenti.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved