laRegione
Nuovo abbonamento
ripensare-la-vita-e-il-lavoro-dopo-la-covid
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
12 ore

Il festival che non c’è, dalla Piazza alle mascherine

Inevitabile, in questo strano 2020 pandemico, pensare a quello che è stato il Festival di Locarno, a quella condivisione che non c'è più. E che speriamo ritorni
Commento
1 gior

Ho visto un re (che scappava)

La parabola di Juan Carlos e la fine delle monarchie
L'analisi
2 gior

Lukashenko pronto a tutto per sopravvivere

Il presidente bielorusso 'ruba' le elezioni e sfida anche la Russia
Commento
3 gior

Bentornata, scuola: quanto ci sei mancata

La scuola è prima di tutto un punto di riferimento nella vita dei giovani: una funzione primaria che purtroppo è venuta meno per diversi mesi
Commento
4 gior

Mpc e Tpf, tornino protagonisti inchieste e processi

Dalla magistratura penale federale i cittadini si aspettano risultati investigativi e sentenze, soprattutto sui dossier importanti. Non (presunti) casi di mobbing interni
L'analisi
4 gior

Il giorno della rabbia nella tragedia libanese

Molti slogan ‘laici’ nelle proteste di sabato. Ma un Libano unito dalla e nella laicità sembra ancora un sogno irrealizzabile
Commento
6 gior

Ghiaccio bollente e tanti punti interrogativi

Mentre Ambrì e Lugano tornano a pattinare, il Losanna rinvia l'appuntamento col ghiaccio in attesa di novità
Commento
1 sett

L'uso della mascherina tra libertà e responsabilità individuale

La decisione di ieri del Consiglio di Stato è un atto di fiducia nei nostri confronti. A noi, adesso, mostrare coscienza e fare della nostra libertà l'uso migliore
L'analisi
1 sett

Il Libano era in ginocchio, ora è steso

La devastante esplosione di Beirut colpisce un paese prossimo al fallimento
Commento
1 sett

Treni a lunga percorrenza, una questione di cifre (e di cassa)

Le Ffs chiudono la partita con il Mendrisiotto, che non si arrende. Mentre Tilo e InterCity finiscono per entrare in concorrenza
Commento
18.07.2020 - 06:000

Ripensare la vita e il lavoro dopo la Covid

Il ritorno alla normalità non deve diventare la scusa per non riflettere sulle opportunità del digitale. E magari provare ad anticipare i tempi

“Nulla sarà più come prima”: una frase che abbiamo sentito spesso, sia nei giorni più difficili della pandemia, sia adesso che tra tante incertezze si pensa a come riprendere le attività di un tempo. Pronunciata con la speranza, venata di millenarismo, di un luminoso futuro o al contrario, con apocalittici timori di sventure, quel “nulla sarà come prima” si scontrerà inevitabilmente con le più tenaci forze sociali: l’inerzia, l’abitudine, il “poi si vedrà”. Più che la voglia di “tornare a vivere” – altra frase ricorrente in questo periodo –, sarà l’apatia verso i cambiamenti improvvisi a farci lentamente tornare agli stili di vita precedenti la pandemia.

Eppure, parlando dopo la pausa forzata del Lockdown con diversi operatori culturali, è emersa la consapevolezza che sì, l’emergenza sanitaria ha fermato tutto e con difficoltà si pensa a come ripartire, a come riparare i danni. Ma, al contempo, questa pandemia ha accelerato processi e tendenze già in corso, per cui correre ai ripari spesso ha significato anticipare i tempi di cambiamenti sociali solitamente lenti e graduali. Iniziando dalla cosiddetta “rivoluzione digitale”, ma più in generale un diverso modo di concepire la mobilità, l’equilibrio tra lavoro e vita privata.

Le difficoltà negli spostamenti e nell’incontrarsi di persona hanno portato a una smaterializzazione improvvisa e forzata delle nostre vite; una prova utile tuttavia per comprendere quali aspetti e attività non è possibile digitalizzare, cosa c’è di davvero importante nell’andare a un concerto, a uno spettacolo teatrale o anche solo a fare la spesa o a lavorare. E per comprendere cosa, invece, da una virtualizzazione può guadagnare e migliorare, magari fare addirittura un salto di livello.

Una riflessione su quanto fatto finora che purtroppo non tutti sembrano voler fare: in molti attendono il ritorno alla normalità, pensano all’emergenza sanitaria come a una parentesi che, una volta chiusa, non cambia il senso delle nostre vite. Perché quel senso cambierà comunque, e conviene rendersene conto. Stupisce, e un po’ preoccupa, vedere il sindaco di Milano, città da sempre alle prese con grandi problemi di mobilità, sollecitare la fine del telelavoro perché “se dovessimo considerarlo normalità dovremmo ripensare la città” (come dichiarato a SkyTG24 pochi giorni fa). Le città andranno comunque ripensate: la priorità, più che tornare all’era pre-Covid, dovrebbe essere pensare a come costruire il post-Covid. Soprattutto per evitare storture e ingiustizie perché se ha grande potenzialità, la smaterializzazione presenta anche grandi rischi. Pensiamo all’omologazione, alle difficoltà per le realtà locali di competere con i grandi attori globali. E soprattutto alle ineguaglianze: il telelavoro, la didattica a distanza o anche solo il seguire un evento online non sono la stessa cosa per tutti ma dipendono dalle risorse – economiche, tecnologiche, abitative – delle persone. Da questo punto di vista, la scrivania, il banco e la poltrona in teatro o allo stadio sono democratica garanzia di uguaglianza.

Nulla sarà più come prima: non per la pandemia, ma perché niente rimane costante, nella vita e nella società. Semplicemente, stiamo avendo un’occasione per riflettere su questi cambiamenti.

© Regiopress, All rights reserved