laRegione
Nuovo abbonamento
signora-magdalena-lo-stato-merita-rispetto
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
1 gior

Il festival che non c’è, dalla Piazza alle mascherine

Inevitabile, in questo strano 2020 pandemico, pensare a quello che è stato il Festival di Locarno, a quella condivisione che non c'è più. E che speriamo ritorni
Commento
2 gior

Ho visto un re (che scappava)

La parabola di Juan Carlos e la fine delle monarchie
L'analisi
3 gior

Lukashenko pronto a tutto per sopravvivere

Il presidente bielorusso 'ruba' le elezioni e sfida anche la Russia
Commento
4 gior

Bentornata, scuola: quanto ci sei mancata

La scuola è prima di tutto un punto di riferimento nella vita dei giovani: una funzione primaria che purtroppo è venuta meno per diversi mesi
Commento
5 gior

Mpc e Tpf, tornino protagonisti inchieste e processi

Dalla magistratura penale federale i cittadini si aspettano risultati investigativi e sentenze, soprattutto sui dossier importanti. Non (presunti) casi di mobbing interni
L'analisi
5 gior

Il giorno della rabbia nella tragedia libanese

Molti slogan ‘laici’ nelle proteste di sabato. Ma un Libano unito dalla e nella laicità sembra ancora un sogno irrealizzabile
Commento
1 sett

Ghiaccio bollente e tanti punti interrogativi

Mentre Ambrì e Lugano tornano a pattinare, il Losanna rinvia l'appuntamento col ghiaccio in attesa di novità
Commento
1 sett

L'uso della mascherina tra libertà e responsabilità individuale

La decisione di ieri del Consiglio di Stato è un atto di fiducia nei nostri confronti. A noi, adesso, mostrare coscienza e fare della nostra libertà l'uso migliore
Commento
11.07.2020 - 11:300

Signora Magdalena, lo Stato merita rispetto!

La figlia di Christoph Blocher faceva forse meglio a inventarsi qualcosa d'altro da dire improvvisandosi avvocato difensore di suo padre!.

Se voleva dare una mano a suo padre (ma davvero ha bisogno di avvocati difensori in casa propria?) per togliersi d’impiccio nell’imbarazzante questione della pensione richiesta retroattivamente alla Confederazione, la figlia di Christoph Blocher faceva meglio a inventarsi qualcosa d’altro da dire.

Ieri, alla presentazione dei conti dell’azienda di famiglia, la Ems Chemie, ha infatti creduto di spezzare una lancia in suo favore. Questa la difesa di Magdalena Martullo-Blocher: secondo lei, l’ex consigliere federale non avrebbe mai rinunciato alla pensione e in ogni caso quel paio di milioni (2,7!) meglio darli ad un imprenditore come lui, che sa cosa farne, piuttosto che lasciarli allo Stato, gestito da una maggioranza di centro sinistra abituata a buttarli dalla finestra per ogni cosa... Come dire: chi usa il denaro versato nelle casse pubbliche è senza dubbio uno che sperpera soldi; noi, imprenditori, invece sappiamo bene cosa farne. Se poi ci chiamiamo Blocher… Quindi, giusto versare la lauta e dovuta pensioncina al buon vecchio tribuno e papà.

Che faccia tosta!

La faccia tosta è decisamente grande e lascia di stucco mezzo Paese. Ma soprattutto stupisce che la figlia, sicuramente politica scafata e arguta, non abbia capito che si stava coprendo di ridicolo con una tale capziosa argomentazione per giustificare il paparino. Certo, l’Udc da sempre vede lo Stato come un intralcio, e – detto fra parentesi – è sempre stata contro questo genere di pensioni! Ma in tempi di Covid-19 e salti mortali, forse una diversa considerazione e più rispetto erano dovuti. Con i miliardi pubblici, pagati da tutti i contribuenti a mamma Elvezia, Ueli Maurer (della medesima compagine di Blocher) e gli altri sei ministri non stanno forse tentando di salvare migliaia di aziende e centinaia di migliaia di posti di lavoro senza esitare ad alleggerire i forzieri federali? Cosa significa l’affermazione della signora Magdalena quando dice ’... e comunque se vediamo come lo Stato sta intervenendo massicciamente nell’economia...’? Dovevano forse salvarsi solo un pugno di eletti imprenditori magari anche loro amici? La superficiale arroganza della consigliera nazionale nel correre in soccorso del padre lascia davvero di stucco.

Se così è, un po’ di coerenza vorrebbe proprio che quei soldi li lasciassero là dove sono. Ma, per carità, non aggiungiamo altro. Guardiamoci, in ogni caso, da chi predica bene per indicare la via di salvezza a tutta la Svizzera e (quando si parla di franchetti, pur figurando nella lista dei miliardari) razzola poi in ben altro modo.

© Regiopress, All rights reserved