laRegione
Nuovo abbonamento
djokovic-irresponsabile-anche-se-il-cuore-e-puro
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
16 ore

Festival di Locarno, come ruggirà il Pardo senza testa?

Al di là dei motivi che hanno portato all'addio della direttrice artistica Lili Hinstin, bisogna interrogarsi sulle prospettive del festival
Commento
1 gior

'Tocca alle Ffs trovare una soluzione idrica per Coldrerio'

Commento
1 gior

Sorpassi a Bellinzona, sarà una campagna avvelenata!

Insomma qualcuno (chi?) ha fatto e disfatto senza informare chi di dovere. E chi era quel chi?
Commento
1 gior

L’hockey è pronto a ripartire: ‘Godetevi la partita’

La lunga attesa è finita: tra una settimana, tra mille punti interrogativi, torna il campionato svizzero di disco su ghiaccio
Commento
2 gior

La nostra scuola in presenza e presente!

A chi non interessa sapere come se l’è cavata la nostra scuola durante il lockdown?
Commento
2 gior

Premi malattia, una stangata evitabile

I costi l'anno prossimo in Ticino aumenteranno in media dell'2,1%. Quattro volte in più rispetto a quanto avverrà nel resto della Svizzera
Commento
3 gior

Covid e crisi economica, la politica ripensi la propria funzione

Servono saggezza e altruismo per individuare quel paio di priorità su cui siglare un Patto di Paese che faccia uscire dal proprio cortile
Commento
3 gior

Paura batte cultura? Grosso problema!

Visite culturali ai tempi del covid: aumenta la prudenza!
L'analisi
4 gior

In Italia ha vinto il sì. A che cosa?

Vittoria scontata per il taglio dei parlamentari. Destra avanti nelle elezioni regionali
L'analisi
4 gior

Piccoli sovranisti in soccorso dello zar

La repressione in Bielorussia non scalda i cuoi dei nazionalisti europei allineati agli interessi di Putin
Commento
24.06.2020 - 06:300
Aggiornamento : 07.07.2020 - 19:18

Djokovic irresponsabile, anche se il cuore è puro

Il cerchio dell’Adria Tour si è chiuso con la positività del serbo che il torneo ha voluto e promosso. ‘Abbiamo agito a fin di bene’. Ma con superficialità

Positivo anche lui, Novak Djokovic, che l’Adria Tour ha promosso e organizzato per farne un evento i cui incassi avrebbe poi devoluto a favore delle vittime del coronavirus. Un paradosso beffardo. Un’azione a fin di bene, ma pur sempre avventata, non c’è che dire. Con buona pace dei buoni propositi di unire i Balcani sotto il vessillo della solidarietà.

Novak Djokovic, fiero e improvvido, è stato incastrato dalla smania di dare un segnale allo sport, al tennis in particolare, lui che è il rappresentante del Consiglio dei giocatori. Chi mi ama, mi segua. Chi l’ha seguito, oggi si pente. A chi non lo ama, ha dato un motivo in più. E i prossimi grandi eventi con pubblico? Bell’aiuto, grazie, come se non ci fossero già tanti interrogativi e timori.

Non troppo spaventato dal virus e molto critico, da subito, circa i rigidi protocolli adottati dagli organizzatori degli Us Open, molto più attenti e responsabili di lui nel pianificare un evento che per svolgersi in sicurezza non può che sottostare a regole ferree, inevitabilmente limitanti, Djokovic ha peccato di presunzione e di superficialità. Soprattutto, è venuto meno al senso di responsabilità che un campione del suo profilo dovrebbe sempre avere. Fare come se niente fosse, mentre altri ancora si interrogano su come procedere dopo il lockdown, non giova. Non giova alla salute: è il men che si possa dire, alla luce della positività accertata sua, del suo preparatore atletico, dei colleghi Dimitrov (e di un membro dello staff del bulgaro), Coric e Troicki, della moglie incinta di quest’ultimo. Né giova all’immagine del tennis, alla quale ha arrecato un danno incommensurabile, in un momento storico in cui la disciplina sta ancora ragionando sul modo e sull’opportunità stessa di ripartire.

Già c’erano poche certezze e tanti paletti, figurarsi adesso che alcuni tennisti sono infettati (asintomatici, d’accordo, ma non è un’attenuante) e in isolamento volontario. L’operazione Adria nasceva davvero con presupposti nobili quali la beneficenza, ma tradisce anche una superficialità che non può essere giustificata ricordando che Novak non ha violato alcuna regola sanitaria specifica.

Per onor di cronaca, è giusto dire che nei due Stati in cui il torneo si è tenuto, Serbia e Croazia, non vi erano restrizioni sulla partecipazione del pubblico agli eventi all’aperto. Va però precisato che in vigore restano le decise raccomandazioni al rispetto del distanziamento sociale, clamorosamente eluse da Djokovic e compari, in campo e in discoteca, e dagli spettatori sugli spalti.

Pesa, poi, il capo d’accusa più pesante, quel senso di responsabilità al quale Djokovic è comunque venuto meno, proponendosi come paladino di una disciplina alla quale ha inferto un duro colpo. Già aveva dimostrato scarsa attenzione al problema non partecipando a una riunione con i colleghi per dettare le regole della ripartenza. Stavolta è andato oltre. Dapprima avventurandosi con colpevole superficialità e con troppa disinvoltura in un territorio che nessuno conosce ancora bene, quello degli assembramenti popolari senza vincoli né precauzioni. Poi, impartendo una non richiesta lezione, subito dopo aver ricordato che ha il cuore puro e che le sue intenzioni erano nobili. Non abbiamo motivo di dubitare della purezza del cuore. Semmai, è la lezione finale maldestramente impartita a lasciarci perplessi: “Il virus è ancora presente, è una realtà con la quale dobbiamo imparare tutti a convivere”. Ma dai?

© Regiopress, All rights reserved