laRegione
Nuovo abbonamento
I consiglieri di Stato Gobbi e De Rosa e il materiale sanitario arrivato dalla Cina (Sic)
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
1 gior
La mente e il grilletto: due pensieri su una strage sventata
La strage sventata alla Commercio deve farci riflettere non solo su come sia facile perdere la testa, ma anche su quanto lo sia armarsi fino ai denti
Commento
2 gior
Covid: movida e vacanze, rialzare la guardia, prego!
Mascherine da estendere anche a negozi e luoghi affollati! E poi, perché tirarsi addosso un lavoro immane per mettere in quarantena centinaia di persone?
Commento
3 gior
Plr e Ppd su cosa devono puntare?
Non c'è dubbio: il tema del lavoro deve essere al centro delle loro riflessioni
Commento
3 gior
Prudenza col Covid: difficile spiegarlo (anche) alla nonna!
Giusto godersi il momento, tornare ad una certa normalità, ma mantenendo ben bene i piedi per terra!
Commento
4 gior
Aeroporto di Lugano e piano sociale, è ‘scaricabarile’
Fino a qualche mese fa, (quasi) tutti a difesa del personale senza lavoro, ora altro rinvio fra ‘rimpalli’ di responsabilità e il Cantone che nicchia
Commento
4 gior
Violenza domestica. E vai con le assunzioni...
Il Dss preannuncia un concorso per reclutare 'una figura per il coordinamento operativo a sostegno delle vittime'. Ma oggi non ci sono profili nell'Amministrazione?
L'analisi
5 gior
Il funerale dell’etica ebraica
Cosa significa ‘popolo eletto’? Contrariamente alla vulgata dagli echi antisemiti, l’elezione non connota un senso di superiorità.
L'analisi
1 sett
Palestinesi stranieri in casa propria
Il primo luglio Israele potrebbe dare corso all’annessione del 30% della West Bank
Commento
1 sett
'Bravate' e disattenzioni mortali in stazione
Quei destini che si incrociano sulle rotaie portando sofferenza in tante famiglie.
Commento
23.06.2020 - 17:100

Ticino - Cina: la bocca del cavallo!

Evitiamo beatificazioni: la democrazia (chiedetelo a quelli di Hong Kong) è veramente tutt’altra cosa!

Il governo cantonale e lo Stato maggiore cantonale di condotta hanno comunicato che nelle scorse settimane le autorità della provincia cinese dello Zhejiang hanno regalato al Canton Ticino decine di migliaia di mascherine, centinaia di tute protettive e altro materiale. Il presidente del Consiglio di Stato, Norman Gobbi, e il direttore del Dss, Raffaele De Rosa, hanno ufficialmente espresso riconoscenza per questo significativo gesto, inviando alcune foto che li ritraggono davanti al materiale donato e per ora stoccato nel Centro della PCi di Rivera. Per l’occasione hanno anche ricordato che, tra il nostro Cantone e la provincia dello Zhejiang, situata nella parte orientale della Repubblica popolare cinese, i contatti risalgono al 2004, anno in cui venne firmata una Dichiarazione comune d’intenti per lo sviluppo di rapporti di cooperazione e amicizia. Sinceramente questo datato particolare ci era sfuggito.

Per carità, a caval donato non si guarda in bocca e grazie (mille) per il generoso gesto. E grazie anche per l’accortezza di non aver inviato una foto, come ne sono apparse tante (forse troppe) nelle ultime settimane, con materiale donato e in bella mostra pure una truppa di rappresentanti cinesi (medici? politici?) che si sono fatti ritrarre quali benefattori. Il motivo di simili mosse è evidente: rifarsi un’immagine dopo tutto quello che è successo. In questo caso a farsi immortalare (ma ce n'era davvero bisogno?) sono stati solo Norman Gobbi e Raffaele De Rosa.

Nessuno fa nulla per nulla!

Ma attenzione: nessuno fa nulla per nulla, a maggior ragione uno stato che è pianificato (e controllato) dall’alto e si muove da pesante gigante sullo scacchiere geopolitico mondiale. E siccome il Ticino (e men che meno la Svizzera) vivono ristrettezze tali da rendere impellente un aiuto da parte della Cina nell’acquisto di mascherine, tute protettive o altro materiale sanitario, che ora c’è, che significato dare alla donazione?

Propaganda per rifarsi il look

Quello che le autorità hanno definito un gesto significativo, a ben vedere potrebbe anche assomigliare all’ennesimo tentativo di propaganda cinese che mira a rifarsi il look di fronte a paesi che stanno seriamente pensando di riportare in patria tutta una serie di attività economiche, viste le perduranti incertezze sanitarie.

In economia - come diceva qualcuno - non ci sono pasti gratis e nelle relazioni fra gli Stati le cose non sono poi tanto diverse. Anzi. Vero è che la Cina ha ormai il suo posto fisso al tavolo delle superpotenze mondiali e con lei, nolens volens, si deve negoziare. La Svizzera ha addirittura firmato un accordo commerciale con Pechino, mentre l’Europa cerca una linea anti-ingerenze per evitare la frammentazione. Comunque sia, almeno una cosa, concedetecela: evitiamo la beatificazione. La democrazia (chiedetelo a quelli di Hong Kong) è veramente tutt’altra cosa.

© Regiopress, All rights reserved