laRegione
Nuovo abbonamento
Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
1 gior
La mente e il grilletto: due pensieri su una strage sventata
La strage sventata alla Commercio deve farci riflettere non solo su come sia facile perdere la testa, ma anche su quanto lo sia armarsi fino ai denti
Commento
2 gior
Covid: movida e vacanze, rialzare la guardia, prego!
Mascherine da estendere anche a negozi e luoghi affollati! E poi, perché tirarsi addosso un lavoro immane per mettere in quarantena centinaia di persone?
Commento
3 gior
Plr e Ppd su cosa devono puntare?
Non c'è dubbio: il tema del lavoro deve essere al centro delle loro riflessioni
Commento
3 gior
Prudenza col Covid: difficile spiegarlo (anche) alla nonna!
Giusto godersi il momento, tornare ad una certa normalità, ma mantenendo ben bene i piedi per terra!
Commento
4 gior
Aeroporto di Lugano e piano sociale, è ‘scaricabarile’
Fino a qualche mese fa, (quasi) tutti a difesa del personale senza lavoro, ora altro rinvio fra ‘rimpalli’ di responsabilità e il Cantone che nicchia
Commento
4 gior
Violenza domestica. E vai con le assunzioni...
Il Dss preannuncia un concorso per reclutare 'una figura per il coordinamento operativo a sostegno delle vittime'. Ma oggi non ci sono profili nell'Amministrazione?
L'analisi
5 gior
Il funerale dell’etica ebraica
Cosa significa ‘popolo eletto’? Contrariamente alla vulgata dagli echi antisemiti, l’elezione non connota un senso di superiorità.
L'analisi
1 sett
Palestinesi stranieri in casa propria
Il primo luglio Israele potrebbe dare corso all’annessione del 30% della West Bank
Commento
1 sett
'Bravate' e disattenzioni mortali in stazione
Quei destini che si incrociano sulle rotaie portando sofferenza in tante famiglie.
Commento
1 sett
Covid-19, quel cortocircuito tra crisi e assistenza
Sono 8’300 le persone finite a carico dell’assistenza sociale. E come nel 1929, il rischio è ampliare la frattura sociale già esistente tra chi ha e chi non ha
Commento
1 sett
Djokovic irresponsabile, anche se il cuore è puro
Il cerchio dell’Adria Tour si è chiuso con la positività del serbo che il torneo ha voluto e promosso. ‘Abbiamo agito a fin di bene’. Ma con superficialità
Commento
18.06.2020 - 19:500

Le sfide che la scuola deve cogliere

Non va taciuto che in alcune sedi la didattica a distanza non è stata impeccabile, e il lassismo di alcuni docenti lo hanno pagato allievi e famiglie

Perché la responsabilità individuale richiesta alla popolazione possa poggiare su una fiducia reciproca che porti, appunto, il cittadino a vedere un senso nel proprio sforzo è imprescindibile che le istituzioni - lo Stato in senso lato, la scuola nel caso concreto - compiano un passo verso il cittadino stesso. Chiedere senza offrire è pericoloso. E ciò che deve essere offerto è il senso di sicurezza, in tutte le sue accezioni.

Per questo motivo si accoglie con favore l’intenzione del Decs di far riprendere la scuola in presenza, con il nuovo anno scolastico che vedrà il via il 31 agosto. Ancor più lascia tirare un sospiro di sollievo l’assicurazione giunta sempre dal Decs che per i docenti saranno previste formazioni particolari, sul piano didattico e su quello digitale, cosicché se si dovesse nuovamente tornare a una modalità d’insegnamento ibrida - in presenza e a casa - si possa evitare di ripetere quanto non ha funzionato. Analizzare i punti dolenti di queste settimane è utile a tutti. Anche nell’interesse dei moltissimi docenti che si sono sforzati con creatività e inventiva di rendere più coinvolgente e didatticamente denso il periodo a casa degli allievi. Un lavoro, questo, messo un po’ in ombra da quei docenti che hanno sottovalutato il loro compito di accompagnamento dei giovani nella fase a distanza e ibrida. Perché non va taciuto che in alcune sedi l’organizzazione non è stata fatta con tutti i crismi, portando alcuni insegnanti a un certo lassismo pagato dagli allievi. Con una grave conseguenza, cioè creare disparità nell’apprendimento e alimentando disuguaglianze. Laddove la famiglia ha potuto sopperire, essendo in casa e fornendo tutti i mezzi anche tecnologici, è andata bene. In contesti più complicati invece i ragazzi rischiano di essere lasciati troppo soli a fronteggiare momenti, psicologicamente e non solo, difficili.

Ebbene, compito della scuola in questa estate di consultazioni e di analisi di possibili scenari futuri è quello sì di lavorare a pieno ritmo per farsi trovare pronta nel caso in cui la pandemia riprendesse forza. Ma correggendo tutto quello che non ha funzionato. Capendo, anche a livello di sede e non solo di direttiva dall’alto, come evitare che ci siano differenze tra ‘stili’, chiamiamoli così, d’insegnamento e soprattutto agire affinché le famiglie non abbiano più la percezione che i loro figli non siano abbastanza seguiti. Ascoltando non solo i graditi plausi, ma le critiche che se ben interpretate potranno fare solo il bene degli allievi e di tutta l’istituzione scuola. Facendo quel passo, con orecchio teso e disponibile, verso la cittadinanza di cui si diceva prima. Esattamente come fatto con il progetto ‘Più duale plus’ in difesa dei posti di apprendistato. Sostegno economico alle aziende formatrici e più flessibilità amministrativa aiuteranno a superare certe reticenze nell’offrire contratti, figlie della paura del momento. Importante sarà anche l’anno base, in particolare per quei settori particolarmente colpiti come ristorazione e albergheria che permetterà l’inserimento in azienda a partire dal secondo anno di apprendistato.

Questa pandemia, con le relative chiusure decise dalla politica per fronteggiarla, a livello globale accrescerà le disuguaglianze. Formare i giovani è il primo passo per garantire loro un futuro, per fornirgli le competenze ma anche gli elementi per vivere e combattere appieno le sfide che ci aspettano. È tendere una mano alle famiglie preoccupate.

© Regiopress, All rights reserved