laRegione
Nuovo abbonamento
Simboli controversi (Wikipedia)
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
1 gior
La mente e il grilletto: due pensieri su una strage sventata
La strage sventata alla Commercio deve farci riflettere non solo su come sia facile perdere la testa, ma anche su quanto lo sia armarsi fino ai denti
Commento
2 gior
Covid: movida e vacanze, rialzare la guardia, prego!
Mascherine da estendere anche a negozi e luoghi affollati! E poi, perché tirarsi addosso un lavoro immane per mettere in quarantena centinaia di persone?
Commento
3 gior
Plr e Ppd su cosa devono puntare?
Non c'è dubbio: il tema del lavoro deve essere al centro delle loro riflessioni
Commento
3 gior
Prudenza col Covid: difficile spiegarlo (anche) alla nonna!
Giusto godersi il momento, tornare ad una certa normalità, ma mantenendo ben bene i piedi per terra!
Commento
4 gior
Aeroporto di Lugano e piano sociale, è ‘scaricabarile’
Fino a qualche mese fa, (quasi) tutti a difesa del personale senza lavoro, ora altro rinvio fra ‘rimpalli’ di responsabilità e il Cantone che nicchia
Commento
4 gior
Violenza domestica. E vai con le assunzioni...
Il Dss preannuncia un concorso per reclutare 'una figura per il coordinamento operativo a sostegno delle vittime'. Ma oggi non ci sono profili nell'Amministrazione?
L'analisi
5 gior
Il funerale dell’etica ebraica
Cosa significa ‘popolo eletto’? Contrariamente alla vulgata dagli echi antisemiti, l’elezione non connota un senso di superiorità.
L'analisi
1 sett
Palestinesi stranieri in casa propria
Il primo luglio Israele potrebbe dare corso all’annessione del 30% della West Bank
Commento
1 sett
'Bravate' e disattenzioni mortali in stazione
Quei destini che si incrociano sulle rotaie portando sofferenza in tante famiglie.
Commento
1 sett
Covid-19, quel cortocircuito tra crisi e assistenza
Sono 8’300 le persone finite a carico dell’assistenza sociale. E come nel 1929, il rischio è ampliare la frattura sociale già esistente tra chi ha e chi non ha
Commento
1 sett
Djokovic irresponsabile, anche se il cuore è puro
Il cerchio dell’Adria Tour si è chiuso con la positività del serbo che il torneo ha voluto e promosso. ‘Abbiamo agito a fin di bene’. Ma con superficialità
Commento
1 sett
Ticino - Cina: la bocca del cavallo!
Evitiamo beatificazioni: la democrazia (chiedetelo a quelli di Hong Kong) è veramente tutt’altra cosa!
Commento
1 sett
Una luce rossa per il lavoro e la cultura
‘Night of Light’, l'iniziativa che ieri sera ha colorato di rosso la Svizzera, ci ricorda l'importanza non solo economica degli eventi culturali
Commento
1 sett
Libera circolazione sì o no? Tutte le insidie di una votazione
Il Consiglio federale ha lanciato oggi la campagna per il 'no' all'iniziativa di Udc e Asni. Rispetto a pochi mesi fa, la partita appare più aperta.
Commento
1 sett
Dalle sardine anti Salvini ai Tik Tok contro Trump
Se si vuole sconfiggere un forte antagonista, lo si deve anche saper affrontare, scegliendo proprio il suo campo di battaglia!
L'analisi
1 sett
Togliete il ginocchio dal mio collo!
In America si aggira, come in Europa, un autoritarismo grossolano e tracotante che mette in pericolo i fondamenti della democrazia liberale
Commento
1 sett
Quei sondaggi contro Donald Trump
Forse Joe Biden ha sfoderato l’arma vincente. Lasciare che sia il rivale Donald Trump a rovinarsi con le sue mani.
Commento
2 sett
Il finanziere imborsato e gli 'animal spirits'
In questi mesi è emerso come non mai un paradigma socioeconomico distorto: quello che quarant’anni fa si presentava senza alternativa, oggi appare insostenibile
Commento
2 sett
Le sfide che la scuola deve cogliere
Non va taciuto che in alcune sedi la didattica a distanza non è stata impeccabile, e il lassismo di alcuni docenti lo hanno pagato allievi e famiglie
Commento
2 sett
È la stagione della resilienza
La lunga estate dell'hockey che aspetta di conoscere il proprio destino. In attesa delle scelte della politica e con la minaccia del ritorno del Virus
Commento
2 sett
Virus, ora liberi tutti? No, occorre prudenza!
Fine dello stato di necessità: il Covid resta in agguato dietro il cespuglio, dobbiamo continuare a convivere. La prudenza aiuta, la paura no!
DISTRUZIONI PER L'USO
16.06.2020 - 06:000

Sul razzismo rischiamo di sprecare l'occasione

Negli Usa è in corso una discussione epocale sull'identità condivisa. Noi invece perdiamo tempo coi Moretti e straparliamo di "buonismo". Peccato

Come placche tettoniche, alcune distorsioni storiche accumulano energia per decenni e poi si riallineano di botto, nel tempo d’un terremoto. Gli americani sono maestri, in queste cose: fino a ieri i più dubitavano della gravità del razzismo, ora invece lo denunciano quasi tutti. Le manifestazioni vedono i bianchi addirittura in maggioranza accanto agli afroamericani e alle altre minoranze etniche. Uno strappo repentino, come quello visto sui diritti delle donne e degli omosessuali. Una di quelle cose che mi hanno sempre affascinato e spaventato degli Usa: quando vai a letto, non sai mai in che paese ti sveglierai il giorno dopo.

L’opposto capita in Europa: ogni cambiamento dev’essere esorcizzato dalla sfiducia, dal cinismo e da eterni processi alle intenzioni, liquidando le spinte riformiste come “isterismo” o “moda”. Certo, anche qui qualcuno – specie tra i più giovani – ha colto l’occasione per rimettere in discussione il razzismo e gli eccessi polizieschi. E per denunciare altre storture, dall’eredità del colonialismo alle discriminazioni sul lavoro, dal maltrattamento dei migranti a quel sordo timore per lo straniero che alligna in molti di noi, anche quando ce ne vergogniamo. Eppure il confronto europeo sul razzismo rischia di rimanere marginale, di andare sprecato. Forse perché siamo la periferia dell’impero, seduta sugli allori del Rinascimento e della Riforma, ma ormai troppo vecchia per leggere i segni dei tempi e “divinar responso”. Il messaggio di certi cambiamenti pare arrivato qui via nave e a cavallo, ormai usurato e distorto: altrimenti non si spiega perché, mentre altrove si parla di emarginazione sociale, giustizia negata e riparazioni, qui si litighi pretestuosamente sul nome dei Moretti.

Intanto molti pretendono di insegnare a chi protesta come farlo (il più sottovoce possibile, e via quei gomiti dalla tavola). Ci prova anche una parte della politica americana: ma è incredibile come oggi il suo discorso “law & order” stenti a fare proseliti. Tornando in Europa, perfino i monumenti abbattuti avrebbero potuto stimolare una discussione più articolata su memoria e identità condivisa. Niente da fare, al netto di qualche nobile eccezione – Ivo Silvestro e Roberto Antonini su laRegione, tra l’altro – e della geniale proposta di Banksy per Bristol: recuperare la statua divelta d’uno schiavista e rimetterla sul suo piedistallo, aggiungendo però al monumento le figure dei manifestanti che la trascinano a terra. Si potrebbe anche impacchettarle come faceva Christo, velando e rivelando allo stesso tempo.

Se però la discussione è spesso banalizzata, non è solo questione di distanze e periferie. Lo si deve anche a sciatteria e malafede. La sciatteria di chi non si preoccupa mai di contestualizzare i fenomeni, di spiegare ad esempio che Cristoforo Colombo non significa la stessa cosa per un genovese e per un nativo americano; che la bandiera della Confederazione sudista e il generale Lee – lo ricordava qualche giorno fa l’ineffabile Francesco Sottobosco – non rimandano solo a due ragazzi con la Dodge Charger che facevano gli ‘sgommi’ nei telefilm della nostra infanzia.

Poi c’è la malafede di chi punta a mistificare: quelli che sostengono – fregandosene dei numeri e delle cronache – che dalle nostre parti il razzismo non è un problema. Che addirittura incolpano gli afroamericani, ingigantendo senza alcun rigore statistico la loro violenza contro i bianchi (alcuni di costoro tirano da anni la volata a certi politici dalla repentina e brillante carriera, ma questo a quanto pare non è un problema). Quelli per i quali certe azioni iconoclaste puzzano subito di censura e di autoritarismo, quando sanno piuttosto di disperazione e del bisogno di essere ascoltati. I grandi vecchi che contestano la contestazione, con frasette e formule vuote: il “buonismo”, il “politicamente corretto”, il “pensiero unico”. Moretti e Via col vento, “razzismo nero” e “fascisti rossi”: tutto torna comodo, pur di fomentare l’indignazione. Resta da sperare che certe rigidità suonino sempre più obsolete e fuori posto; che davvero, come nel caso dell’ambiente e delle donne, le scosse degli ultimi tempi servano a demolire certe scorciatoie e le loro storture. Senza voler censurare nessuno, per carità: ma trovando parole e strumenti fatti per capirsi. E per capire, per quanto possibile, anche chi è diverso da noi.

© Regiopress, All rights reserved