laRegione
Nuovo abbonamento
Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
1 gior
La mente e il grilletto: due pensieri su una strage sventata
La strage sventata alla Commercio deve farci riflettere non solo su come sia facile perdere la testa, ma anche su quanto lo sia armarsi fino ai denti
Commento
2 gior
Covid: movida e vacanze, rialzare la guardia, prego!
Mascherine da estendere anche a negozi e luoghi affollati! E poi, perché tirarsi addosso un lavoro immane per mettere in quarantena centinaia di persone?
Commento
3 gior
Plr e Ppd su cosa devono puntare?
Non c'è dubbio: il tema del lavoro deve essere al centro delle loro riflessioni
Commento
3 gior
Prudenza col Covid: difficile spiegarlo (anche) alla nonna!
Giusto godersi il momento, tornare ad una certa normalità, ma mantenendo ben bene i piedi per terra!
Commento
4 gior
Aeroporto di Lugano e piano sociale, è ‘scaricabarile’
Fino a qualche mese fa, (quasi) tutti a difesa del personale senza lavoro, ora altro rinvio fra ‘rimpalli’ di responsabilità e il Cantone che nicchia
Commento
4 gior
Violenza domestica. E vai con le assunzioni...
Il Dss preannuncia un concorso per reclutare 'una figura per il coordinamento operativo a sostegno delle vittime'. Ma oggi non ci sono profili nell'Amministrazione?
L'analisi
5 gior
Il funerale dell’etica ebraica
Cosa significa ‘popolo eletto’? Contrariamente alla vulgata dagli echi antisemiti, l’elezione non connota un senso di superiorità.
L'analisi
1 sett
Palestinesi stranieri in casa propria
Il primo luglio Israele potrebbe dare corso all’annessione del 30% della West Bank
Commento
1 sett
'Bravate' e disattenzioni mortali in stazione
Quei destini che si incrociano sulle rotaie portando sofferenza in tante famiglie.
Commento
1 sett
Covid-19, quel cortocircuito tra crisi e assistenza
Sono 8’300 le persone finite a carico dell’assistenza sociale. E come nel 1929, il rischio è ampliare la frattura sociale già esistente tra chi ha e chi non ha
Commento
1 sett
Djokovic irresponsabile, anche se il cuore è puro
Il cerchio dell’Adria Tour si è chiuso con la positività del serbo che il torneo ha voluto e promosso. ‘Abbiamo agito a fin di bene’. Ma con superficialità
Commento
14.06.2020 - 19:580

Francesco Guccini, ottant'anni tra la via Emilia e il West

Questo ha fatto il 'Maestrone': ha raccontato storie. Con una poetica rara, sottovalutata, da esistenzialista innamorato della vita, delle libertà e dei diritti

A Bologna, in via Musolesi, appena fuori dai viali, c’è un luogo dell’anima. Uno di quei posti che in un pugno di metri quadri definiscono una città, narrano decenni di storia, spiegano umori e movimenti, parlano di vita. È una trattoria, ‘Da Vito’. Una di quelle trattorie con le chiazze di sugo sulle tovaglie, i fiaschi di vino che arrivano a tavola quando chiedi il rosso della casa, lo stinco di maiale sempre caldo. Francesco Guccini, 80 anni oggi, lì era ospite fisso. A pochi metri, Via Paolo Fabbri 43. La casa dalla quale, nei lunghi anni bolognesi, il ‘Maestrone’ ha riempito di fotografie in musica tutto ciò che lo circondava. Con l’arte che solo il cantautore ha nel raccontare la vita attorno, a denunciare con le parole, a usare teneri versi come una clava nei confronti di certa politica e certi usi.

Perché belle le osterie, le cantate fino a notte fonda e la poesia ma quando c’era da prendere posizione in una delle città più comuniste d’Italia sull’occupazione della Cecoslovacchia da parte dell’Unione sovietica Guccini prese chitarra, carta, penna e scrisse il lirico attacco frontale di ‘Primavera di Praga’; quando l’aborto era ancora illegale e le battaglie del Partito radicale iniziavano a creare quella breccia che avrebbe portato alla sua legalizzazione compose ‘Piccola storia ignobile’, collage di vicende collegate all’aborto scritto con una delicatezza unica, non urlando ma raccontando drammi consumati nell’indifferenza, dolori vissuti accompagnati dal silenzio; quando ha voluto narrare la vicenda di Ernesto ‘Che’ Guevara lui, socialista libertario e tutto fuorché comunista, ha raccontato l’uomo senza cliché di sorta né agiografie politiche; quando c’era da raccontare la deriva che sì, già allora, stava prendendo l’umanità, ‘Il vecchio e il bambino’ fu con straziante realismo un perfetto vademecum mai studiato abbastanza.

Perché questo ha fatto Guccini ogni volta che ha scritto una canzone o un libro: ha raccontato storie. Con una poetica rara e sottovalutata, da esistenzialista profondamente innamorato della vita, delle libertà e dei diritti. ‘Anarcoide’ per sua stessa ammissione, ha mostrato come una storia da raccontare superi sempre il contesto nella quale ha preso forma. Sono istantanee di persone non messe in posa i suoi brani, poesie di gente qualunque, dove protagonista è tutto e ogni cosa. Per non parlare della “casa sul confine dei ricordi, la stessa sempre come tu la sai” che descrive in ‘Radici’. La casa che vede lo scorrere di generazioni, “come il fiume che ti passa attorno”, a cui chiedere se riconosce in lui qualche segno del passato. Delle radici che affondano nell’umida e vera terra di quella quasi natìa Pavana nella quale è rintanato da una ventina d’anni, in quell’Appennino povero, nebbioso e freddo che l’ha visto crescere e protagonista dei gialli scritti a quattro mani con Loriano Macchiavelli, o della lunga fila di aneddoti e racconti d’infanzia di “Tralummescuro”. Dopo essersi stufato di comporre canzoni, scrivendo libri ha dato continuità alla sua capacità di descrivere il tutto in poche parole, condensando universi di emozioni in forme sempre diverse: ‘Parole troppo grandi per un uomo’.

Che sia in trattoria, nelle battaglie di Marco Pannella ed Emma Bonino, a Bologna, Praga, Bisanzio, Pavana, Auschwitz o Venezia Francesco Guccini ha toccato con delicatezza i sentimenti che accompagnano l’esistenza. Non li ha messi sotto lente d’ingrandimento, né sezionati. Li ha raccontati. Quelli belli come quelli dolorosi. Tutto ciò che compone una vita.

“Il bimbo ristette, lo sguardo era triste, gli occhi guardavano cose mai viste. E poi disse al vecchio con voce sognante: ‘Mi piaccion le fiabe, raccontane altre’”.

© Regiopress, All rights reserved