laRegione
Nuovo abbonamento
edilizia-contestazioni-e-autorita-il-problema-e-a-monte
Modine (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Opinioni
L'analisi
20 ore

La solidarietà europea non aiuta i migranti

Il Patto presentato da Ursula von del Leyen lascia irrisolti i temi che più dividono e conferma la chiusura delle frontiere
Commento
1 gior

Festival di Locarno, come ruggirà il Pardo senza testa?

Al di là dei motivi che hanno portato all'addio della direttrice artistica Lili Hinstin, bisogna interrogarsi sulle prospettive del festival
Commento
2 gior

'Tocca alle Ffs trovare una soluzione idrica per Coldrerio'

Commento
2 gior

Sorpassi a Bellinzona, sarà una campagna avvelenata!

Insomma qualcuno (chi?) ha fatto e disfatto senza informare chi di dovere. E chi era quel chi?
Commento
2 gior

L’hockey è pronto a ripartire: ‘Godetevi la partita’

La lunga attesa è finita: tra una settimana, tra mille punti interrogativi, torna il campionato svizzero di disco su ghiaccio
Commento
3 gior

La nostra scuola in presenza e presente!

A chi non interessa sapere come se l’è cavata la nostra scuola durante il lockdown?
Commento
3 gior

Premi malattia, una stangata evitabile

I costi l'anno prossimo in Ticino aumenteranno in media dell'2,1%. Quattro volte in più rispetto a quanto avverrà nel resto della Svizzera
Commento
4 gior

Covid e crisi economica, la politica ripensi la propria funzione

Servono saggezza e altruismo per individuare quel paio di priorità su cui siglare un Patto di Paese che faccia uscire dal proprio cortile
Commento
4 gior

Paura batte cultura? Grosso problema!

Visite culturali ai tempi del covid: aumenta la prudenza!
L'analisi
5 gior

In Italia ha vinto il sì. A che cosa?

Vittoria scontata per il taglio dei parlamentari. Destra avanti nelle elezioni regionali
L'analisi
5 gior

Piccoli sovranisti in soccorso dello zar

La repressione in Bielorussia non scalda i cuoi dei nazionalisti europei allineati agli interessi di Putin
Commento
1 sett

Vitta, il ‘cigno nero’ e una certa idea di rilancio

In questa fase post-pandemica indebitarsi per sostenere la ripresa economica sarebbe il miglior investimento che il cantone possa fare
Commento
09.06.2020 - 06:000

Edilizia, contestazioni e... autorità: il problema è a monte

Revisione legge: il governo non propone più (opportunamente) il ricorso diretto al Tram. Bisognerebbe, riteniamo, riformare il Servizio ricorsi dell'Esecutivo

Pericolo scampato (per ora) per il Tram, il Tribunale cantonale amministrativo. Nel confezionare il progetto di revisione della legge edilizia cantonale destinato al parlamento, il Consiglio di Stato ha rinunciato alla proposta contenuta nel testo posto a suo tempo in consultazione, cioè il ricorso diretto al Tram. In pratica la procedura – Gran Consiglio permettendo – rimarrà quella odierna: in caso di licenze edilizie oggetto di contestazione, si impugnerà la decisione municipale dapprima davanti al Consiglio di Stato, e meglio al suo Servizio dei ricorsi, e poi, eventualmente, al Tribunale amministrativo, con la possibilità infine di ricorrere contro la sentenza dei giudici ticinesi al Tribunale federale. Il governo suggerisce comunque dei correttivi per scongiurare almeno in parte quei ricorsi che definisce pretestuosi e dilatori ed evitare così il blocco prolungato di cantieri anche importanti, per esempio “l’obbligo di anticipo delle spese processuali già davanti al Consiglio di Stato”. Una misura sufficientemente dissuasiva nei confronti di chi dispone finanziariamente di ampi margini di manovra? Nutriamo qualche dubbio. Ma al di là dei correttivi prospettati, l’iter non muterà, o non dovrebbe mutare. Peraltro durante la consultazione le voci contrarie alla soppressione del filtro costituito dal Servizio dei ricorsi dell’Esecutivo cantonale erano assai più di quelle favorevoli. C’è da sperare che il Gran Consiglio confermi la decisione, opportuna, del governo.
Opportuna, perché il ricorso diretto metterebbe in serie difficoltà il Tribunale amministrativo, da anni alle prese con un numero rilevante di entrate e di pendenze. “Il Tram rischierebbe la paralisi”, aveva dichiarato nell’aprile 2018 in un’intervista alla ‘Regione’ il giudice Matteo Cassina, allora presidente del Tribunale d’appello e vicepresidente del Tribunale cantonale amministrativo, commentando la bozza di revisione legislativa che contemplava il ricorso diretto al Tram. La paralisi. A meno di potenziare il Tribunale amministrativo, dotandolo di altri giudici e vicecancellieri. Un’ipotesi poco o per nulla praticabile, se pensiamo al prevedibile pessimo stato di salute delle finanze cantonali causato dall’emergenza coronavirus. E qualora i rinforzi fossero dal profilo finanziario sostenibili, difficilmente verrebbero accordati con ragionevole rapidità dalla politica, che quanto a tempi oggi non brilla (si sta ancora discutendo di come potenziare il Ministero pubblico...). La situazione nella quale si trova il Tram, chiamato a deliberare su diverse materie, è stata evidenziata a più riprese dal Consiglio della magistratura. Nel rapporto sull’andamento della giustizia ticinese nel 2017 annotava: “Nell'ottica del già importante carico di lavoro cui deve far fronte il Tram, preoccupa il progetto di revisione della legge edilizia, in consultazione, che prevede di abolire il Servizio dei ricorsi del Consiglio di Stato quale prima istanza cantonale, lasciando il Tribunale cantonale amministrativo come istanza di ricorso unica. Questa modifica comporterebbe un aumento di entrate stimato in 380 incarti in più all’anno, ciò che appare manifestamente insopportabile”. Il problema del sovraccarico di lavoro del Tram può essere risolto non con leggi settoriali, bensì riformando il sistema giudiziario, ha osservato ieri il direttore del Dipartimento del territorio Claudio Zali, illustrando alla stampa i contenuti del messaggio sulla revisione della legge (settoriale) sull’edilizia. Siamo d’accordo. È che della riforma ‘Giustizia 2018’, annunciata anni fa dal Dipartimento istituzioni, guidato da un altro consigliere di Stato leghista, Norman Gobbi, si sono perse ormai le tracce.

Un tribunale di primo grado?

Forse il problema nel contenzioso amministrativo cantonale sta a monte. Nel Servizio dei ricorsi del Consiglio di Stato. Non sarebbe il caso di ‘staccarlo’ dall’Amministrazione e dal governo, rendendolo un’autorità giudiziaria indipendente, un tribunale di primo grado (una realtà già presente in altri Cantoni)? Magari non avremmo un numero rilevante di sue decisioni ribaltate, o parzialmente ribaltate, dal Tribunale amministrativo, come avviene attualmente. 

© Regiopress, All rights reserved