laRegione
Nuovo abbonamento
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
1 gior
È una questione di rispetto ed educazione
In montagna avere attenzione per le misure di protezione contro il coronavirus e per l’ambiente significa avere a cuore il lavoro di tante persone
Commento
1 gior
Signora Magdalena, lo Stato merita rispetto!
La figlia di Christoph Blocher faceva forse meglio a inventarsi qualcosa d'altro da dire improvvisandosi avvocato difensore di suo padre!.
Commento
1 gior
Ricordare Srebrenica
Venticinque anni fa il più grave massacro compiuto in Europa dalla fine della Seconda guerra mondiale
L'analisi
2 gior
Coronavirus, il rischio economico si è attenuato
Le imprese svizzere, stando a Ubs, si attendono un ritorno alla situazione pre-crisi in tempi più rapidi
Commento
3 gior
Contro l'orrore dei padri-padroni, i silenzi e le paure!
Bisogna far sapere alla vittima che, una volta calato il silenzio nell’aula delle Criminali, non sarà lasciata sola dalle autorità!
Commento
3 gior
Covid: c‘è chi fatica e c‘è chi frega!
Il parlamento aumenti le sanzioni per chi tradisce, in un momento così drammatico per tanti, la fiducia riposta dall’ente pubblico nel singolo!
Commento
3 gior
Essere il paese dei filantropi è rischioso
Sì se c'è un uso improprio del dono e se c'è filantropia interessata, politicizzata, fiscalmente liberatoria...
Commento
4 gior
Il virus dei poveracci, un massacro silenzioso
La pandemia e il lusso di avere una corretta informazione, di avere acqua e sapone per lavarsi le mani, mascherine e spazio per stare lontani
Commento
6 gior
Quale dei tre? Quiz estivo... Maudet, Lauber o Blocher
Spiccano un individualismo e una sfacciataggine sfrenati: quello che conta sono loro, convinti di essere sempre e solo nel giusto!
L'analisi
6 gior
Vince Putin, non la Russia
Con la nuova Costituzione lo ‘zar’ potrà governare fino al 2036. Dovrà però fare i conti con diverse fessure sul piano economico e sociale.
Commento
03.06.2020 - 06:000
Aggiornamento : 07:59

La sgradita fuga in avanti di Roma

Frontiere aperte a sud: misureremo a fine agosto quanto avrà tenuto la tanto decantata solidarietà nel fare in Ticino gli acquisti, le vacanze, privilegiare gli artigiani locali...

La fuga in avanti e in solitaria dell’Italia – che ha voluto aprire prima le frontiere rispetto a quanto bilateralmente la Svizzera aveva concordato con Germania, Austria e Francia – ha generato tutta una serie di precisazioni che chi deciderà di recarsi nella penisola farà bene a tener presenti da oggi al 15 di giugno (data nella quale i Paesi che ci circondano, considerati a rischio, non lo saranno più). Cosa si può dunque fare da oggi con l’Italia dalle frontiere di nuovo aperte? L’uscita verso la vicina penisola sarà consentita per tutte le attività di carattere turistico, visite a familiari, servizi, visite a residenze secondarie, persino per la ristorazione, tranne che per recarsi unicamente a fare acquisti. E già sul termine ‘unicamente’ (che vale per le uscite verso tutti i Paesi che ci circondano e non solo per l’Italia) ci sarà qualcosina da discutere al taglio del confine. Al doganiere che trova nel baule la spesotta non mancherà chi dirà di essere andato in Italia non solo per acquisti, ma anche per turismo, per recarsi al ristorante… Della serie fatta la legge, trovato (istantaneamente) l’inganno.

Resta il fatto che da Palazzo delle Orsoline, pur assicurando che al momento del rientro non saranno poste delle limitazioni particolari, si raccomanda fra il 3 e il 15 di giugno, guardando a sud, di limitarsi soltanto ad attività inderogabili. Ossia: visitare per esempio un familiare, se proprio lo si deve assolutamente fare!

Attenzione a regole e sanzioni!

Su un punto va comunque attirata l’attenzione: il disallineamento della squadra di Giuseppe Conte con l’apertura in solitaria delle frontiere, rispetto agli altri Paesi che ci circondano, necessita di un ulteriore sforzo da parte di chi si sposterà verso sud. Conoscere quali regole (regole non senza sanzioni, pare pure salate!) vigono in una determinata regione italiana. Per esempio, quanto all’obbligo del porto della mascherina o alla quarantena obbligatoria non appena si avvertono dei sintomi. Quarantena che impone di annunciarsi alle autorità sanitarie italiane e di mettersi in autoisolamento. Situazione parecchio problematica se sopraggiunge quando ci si trova al mare in panciolle per una settimanella. O no? Quanto basta per riconsiderare se per quest’anno sia davvero il caso di varcare il confine e fare vacanze all’estero nel corso dei prossimi mesi, o se non prediligere piuttosto la cara (speriamo non quanto a prezzi!) Svizzera.

Roma ha accelerato

Comunque sia, l’impressione che abbiamo avuto nell’ascoltare i distinguo fatti nei confronti dell’Italia dalle nostre autorità è che la fuga in avanti di Roma non sia piaciuta per niente. Non v’è chi non veda che l’anticipazione della data di apertura su tutti gli altri Stati sia stata voluta per lanciare un segnale all’estero nella speranza di non perdere l’importante afflusso di turisti che altrimenti avrebbero prenotato altrove. Così, mentre altri mettevano le carte sul tavolo in modo trasparente puntando sul 15, Roma non appena la curva del virus si stava abbassando ha accelerato facendo di testa propria.

Ora non ci resta che attendere: misureremo a fine agosto quanto avrà tenuto la tanto decantata solidarietà nel fare qui gli acquisti in terra elvetica e pure le vacanze e nel privilegiare gli artigiani locali e via dicendo. Il Paese ne ha bisogno.

© Regiopress, All rights reserved