laRegione
Nuovo abbonamento
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
13 ore
La mente e il grilletto: due pensieri su una strage sventata
La strage sventata alla Commercio deve farci riflettere non solo su come sia facile perdere la testa, ma anche su quanto lo sia armarsi fino ai denti
Commento
1 gior
Covid: movida e vacanze, rialzare la guardia, prego!
Mascherine da estendere anche a negozi e luoghi affollati! E poi, perché tirarsi addosso un lavoro immane per mettere in quarantena centinaia di persone?
Commento
2 gior
Plr e Ppd su cosa devono puntare?
Non c'è dubbio: il tema del lavoro deve essere al centro delle loro riflessioni
Commento
2 gior
Prudenza col Covid: difficile spiegarlo (anche) alla nonna!
Giusto godersi il momento, tornare ad una certa normalità, ma mantenendo ben bene i piedi per terra!
Commento
3 gior
Aeroporto di Lugano e piano sociale, è ‘scaricabarile’
Fino a qualche mese fa, (quasi) tutti a difesa del personale senza lavoro, ora altro rinvio fra ‘rimpalli’ di responsabilità e il Cantone che nicchia
Commento
4 gior
Violenza domestica. E vai con le assunzioni...
Il Dss preannuncia un concorso per reclutare 'una figura per il coordinamento operativo a sostegno delle vittime'. Ma oggi non ci sono profili nell'Amministrazione?
L'analisi
4 gior
Il funerale dell’etica ebraica
Cosa significa ‘popolo eletto’? Contrariamente alla vulgata dagli echi antisemiti, l’elezione non connota un senso di superiorità.
L'analisi
1 sett
Palestinesi stranieri in casa propria
Il primo luglio Israele potrebbe dare corso all’annessione del 30% della West Bank
Commento
1 sett
'Bravate' e disattenzioni mortali in stazione
Quei destini che si incrociano sulle rotaie portando sofferenza in tante famiglie.
Commento
1 sett
Covid-19, quel cortocircuito tra crisi e assistenza
Sono 8’300 le persone finite a carico dell’assistenza sociale. E come nel 1929, il rischio è ampliare la frattura sociale già esistente tra chi ha e chi non ha
Commento
28.05.2020 - 06:300

Coronavirus: ora più liberi, però...

In Ticino attendiamo ancora che venga allentato il lungo isolamento degli anziani nelle case di riposo

Dopo la brusca frenata, dettata dall’emergenza sanitaria/Covid, eccoci alla graduale/lenta riconquista delle nostre libertà. Una tappa agognata fatta in particolare dell’ammorbidimento del divieto di assembramento nei luoghi pubblici che sale da 5 a 30 persone; di manifestazioni pubbliche o private ora consentite sino a 300 persone; della luce verde data ai campi di vacanza per bambini e adolescenti e alle competizioni sportive in presenza del pubblico (sino a 300 persone). Bello! L’aria si ossigena. Ma l’impressione è che la gestione del cambio di passo si stia complicando. Prima era più semplice: non si poteva fare quasi nulla! Ora invece, come la mettiamo? La mettiamo che i nuovi limiti numerici di partecipazione, rivisti verso l’alto, e le nuove realtà aperte (campeggi, stadi, campi di vacanze, ristoranti accessibili anche a gruppi...) sono ora frequentabili, tenendo conto di tutto quello che abbiamo appreso convivendo col virus. Quindi con le distanze sociali (se possibile), il rispetto delle norme di igiene (sempre molto raccomandate), la mascherina in certi casi, e, là dove non sarà possibile rispettare le distanze (per es. in discoteca), con la registrazione dei nominativi di chi c’era, per poi poter risalire in caso di contagio alle persone coinvolte.

Insomma, la via tracciata da Berna, in questa fase d’uscita dalla situazione straordinaria, mira (pur con qualche limite) a fare appello alla responsabilità del singolo e dei gestori di una determinata attività o manifestazione, che devono adottare tutte le misure per evitare al massimo i contagi. E se questi dovessero manifestarsi, vanno rintracciate le persone.

Lotta svizzera no, prostituzione sì

Ma nel via libera dato dal Consiglio federale non mancano alcune contraddizioni, perlomeno apparenti, come quella di vietare ancora fino al 6 giugno le competizioni di discipline sportive che comportano un contatto fisico stretto e costante (lotta svizzera, judo, pugilato, danza sportiva di coppia), mentre dal 6 giugno saranno nuovamente consentite le attività nei locali erotici e le offerte della prostituzione. Ma Berset, sollecitato in conferenza stampa, ha spiegato che, vietandola, la prostituzione non è sparita, si è solo nascosta. È ora opportuno farla riemergere e permettere che venga anche monitorata in termini di prevenzione.

Frontiere aperte e chiuse

Aspetto particolare che ci tocca da vicino è stata la dichiarazione della ministra Keller Sutter riferita all’Italia: il 3 di giugno – ha detto con decisione e in italiano – la Svizzera non riaprirà la frontiera con l’Italia. Paese evidentemente sovrano che fa quello che vuole coi suoi confini. Ma noi svizzeri desideriamo compiere il passo, com’è stato possibile farlo con Austria, Germania e Francia, in modo coordinato. Come non darle ragione visto il repentino tentativo di fuga in avanti in solitaria della vicina Penisola e la situazione sanitaria regnante...

E gli anziani?

Un’ultima osservazione su un tema che ha già fatto scorrere fiumi d’inchiostro: alla conferenza stampa, Berset ha detto che i nonni (che per molte settimane hanno fatto parte delle persone vulnerabili assolutamente da salvaguardare) possono ora riprendere la vita sociale e curare i nipotini. Bene. Se così è, qui in Ticino attendiamo ancora che venga allentato il lungo (e opportuno) isolamento degli anziani nelle case di riposo.

© Regiopress, All rights reserved