laRegione
Nuovo abbonamento
amori-transfrontalieri-la-soluzione-di-inga-e-karsten
Divisi dalla pandemia, Karsten e Inga, per settimane ogni giorno hanno fatto merenda alla frontiera tra Germania e Danimarca (foto keystone)
ULTIME NOTIZIE Opinioni
L'analisi
2 ore
Santa Sofia come arma di ‘distrazione’ di massa per Erdogan
La conversione in moschea dell'ex basilica per creare tensioni con l’Occidente, per rafforzare la coesione nazionale e depistare le preoccupazioni economiche
Commento
6 ore
Se il Giardiniere senza gamba piange...
Amputare una gamba a una sua creazione/creatura è come amputarla all'artista e a chi ama l’arte
Commento
2 gior
È una questione di rispetto ed educazione
In montagna avere attenzione per le misure di protezione contro il coronavirus e per l’ambiente significa avere a cuore il lavoro di tante persone
Commento
2 gior
Signora Magdalena, lo Stato merita rispetto!
La figlia di Christoph Blocher faceva forse meglio a inventarsi qualcosa d'altro da dire improvvisandosi avvocato difensore di suo padre!.
Commento
2 gior
Ricordare Srebrenica
Venticinque anni fa il più grave massacro compiuto in Europa dalla fine della Seconda guerra mondiale
L'analisi
3 gior
Coronavirus, il rischio economico si è attenuato
Le imprese svizzere, stando a Ubs, si attendono un ritorno alla situazione pre-crisi in tempi più rapidi
Commento
3 gior
Contro l'orrore dei padri-padroni, i silenzi e le paure!
Bisogna far sapere alla vittima che, una volta calato il silenzio nell’aula delle Criminali, non sarà lasciata sola dalle autorità!
Commento
4 gior
Covid: c‘è chi fatica e c‘è chi frega!
Il parlamento aumenti le sanzioni per chi tradisce, in un momento così drammatico per tanti, la fiducia riposta dall’ente pubblico nel singolo!
Commento
4 gior
Essere il paese dei filantropi è rischioso
Sì se c'è un uso improprio del dono e se c'è filantropia interessata, politicizzata, fiscalmente liberatoria...
Commento
5 gior
Il virus dei poveracci, un massacro silenzioso
La pandemia e il lusso di avere una corretta informazione, di avere acqua e sapone per lavarsi le mani, mascherine e spazio per stare lontani
Commento
6 gior
Quale dei tre? Quiz estivo... Maudet, Lauber o Blocher
Spiccano un individualismo e una sfacciataggine sfrenati: quello che conta sono loro, convinti di essere sempre e solo nel giusto!
Commento
25.05.2020 - 11:390

Amori transfrontalieri, la soluzione di Inga e Karsten

Separazioni dolorose, non scelte, ma subite, perché decise dall'alto. C'è chi ha trovato soluzioni creative, senza rodersi il fegato

Le misure di contenimento dell’epidemia li hanno divisi, ma i due innamorati ultraottantenni, che fanno coppia da due anni e vivevano a casa di lui, fanno ogni giorno merenda insieme. La loro storia ha fatto il giro del mondo, loro fanno davvero tenerezza: Karsten, tedesco di 89 anni, ogni giorno inforca la sua bici elettrica, parte dal villaggio tedesco di Suederlueng per raggiungere la frontiera, dove lo aspetta la sua Inga, danese di 85 anni, che arriva in auto dalla località danese di Gallehus. L’appuntamento è al confine di Aventoft (dove c’è solo una barriera abbassata): ciascuno porta la sua sedia, la barriera abbassata diventa il tavolo per biscotti e tazzine. Due chiacchiere, seduti a distanza di sicurezza, ciascuno dal proprio lato del confine. Così hanno atteso con fiducia di tornare alla normalità che, per loro, è arrivata. Guardando i loro visi rugosi e sorridenti penso ad un motto buddista che spiega la differenza tra occuparsi e preoccuparsi. Dice: quando hai un problema, agisci se puoi risolverlo, occupatene. Se non puoi risolverlo, preoccuparsi non serve. Eppure la nostra mente cade facilmente in questo stato di preoccupazione, si avvita su se stessa, perdendo preziose energie. Il risultato: si diventa ansiosi, distratti, irascibili, arrabbiati. La preoccupazione monta e diventa fastidiosa (e inutile) quanto le zanzare. Raccontiamo tre storie, tre coppie che si sono ‘occupate’ della loro situazione trovando una via d’uscita, senza permettere alla mente (che ama farlo!) di arrovellarsi in pensieri cupi, distruttivi.
Karsten e Inga, hanno trovato un modo per rendere più sopportabile la loro separazione forzata. Nicolò e Andrea, lui a Lugano, lei in Sardegna, separati dal Covid-19 e con un figlio in arrivo, hanno mosso mari e monti per ricongiungersi, commuovendo con la loro storia le autorità della Sardegna (come raccontiamo a pagina 2). Sophie e Thomas, lei in Vallese, lui in Germania, hanno trasformato la separazione forzata in un’occasione di crescita.

L'economia conta più dell'amore, coppie transfrontaliere: 'Valiamo meno?' 

Al di là di come ciascuno può reagire, va detto che la pandemia ha comunque fatto emergere tutta la fragilità delle coppie transfrontaliere non sposate, con o senza figli, di fronte all’autorità. In piena emergenza sanitaria, ovviamente le priorità sono altre e ci mancherebbe. Ma chi pensa ora a queste coppie ‘sconquassate’ da un giorno all’altro. Oltre mille persone si sono iscritte al gruppo Facebook dedicato alle coppie a cavallo tra Svizzera e Italia. Gli interrogativi che pongono sono molti: alla frontiera passano i frontalieri ma le coppie non sposate non possono riunirsi: l'economia conta più dell'amore? Non siamo sposati e allora valiamo di meno? E le voci dei padri che tra la quarantena imposta per poter vedere i figli e il rischio di perdere il lavoro, non vedono la famiglia da mesi: “Dobbiamo scegliere se vedere i nostri figli o dargli da mangiare”. Le storie sono davvero tante.

La separazione calata dall'alto: si subisce, non si sceglie 

Il 3 giugno l’Italia riaprirà (cosi è programmato) le frontiere per tutti e non sarà più obbligatoria la quarantena. Da parte Svizzera non è ancora chiaro che cosa succederà.
Tutto ciò ha sicuramente causato sofferenza. Ci sono coppie che vivono a distanza per motivi di lavoro o altro, ma loro l’hanno scelto e soprattutto elaborato. Qui la separazione è calata dall’alto, chi la subisce non sceglie, tutto avviene fuori dal proprio controllo e questo può generare rabbia, frustrazione, l’idea di sentirsi vittime di qualcosa. Ci vuole una grande calma e forza interiore per non covare risentimento. È bene dunque che le autorità ne tengano conto e trovino delle soluzioni.

 

 

 

 

Guarda le 2 immagini
© Regiopress, All rights reserved