come-prima-meglio-di-no-appunti-sull-economia-ticinese
(Depositphotos)
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
1 gior

Passeggiata scolastica e crepe nella collegialità

La rituale gita del Consiglio federale fa dimenticare le dissonanze in seno all’Esecutivo emerse a più riprese negli ultimi tempi
L'analisi
2 gior

L’inflazione segna la fine del paradigma ‘a bassa cilindrata’

Buona parte degli economisti sostiene che i rincari sono determinati dall’eccesso di denaro in circolazione, confondendo l’effetto con la causa
Commento
3 gior

Bisogna sconfiggere Putin, non Dostoevskij

Il ministero ucraino della Cultura ha deciso di censurare musica e letteratura russe. Dimenticando che la cultura non fa la guerra
Commento
3 gior

Wonder Woman e il pianoforte a coda abitano nel Luganese

Un annuncio di lavoro richiede alla babysitter doti linguistiche, gastronomiche, pedagogiche, musicali, antropologiche, mediche e non solo
Commento
5 gior

Dopo aver corso per Totti, ora Tommasi corre per Verona

L’ex calciatore della Roma diventa sindaco alla guida di una lista civica appoggiata dal centro-sinistra. Una figura atipica nella politica italiana
Commento
6 gior

La Corte suprema Usa e i suoi imam

Stati a guida repubblicana lancia in resta dopo la sentenza anti-aborto. Dietro c’è una strategia a lungo e tenacemente perseguita
Commento
1 sett

A scuola di TiSin (elogio del cazziatone)

Le motivazioni della sanzione a una delle aziende di Ticino Manufacturing per aver aggirato il salario minimo lasciano aperta la questione politica
Commento
1 sett

M5S, la diversità di essere uguali

Lo strappo di Di Maio ci fa vedere in controluce il mondo quasi alieno e tutte le bugie che il Movimento ha raccontato prima di tutto a sé stesso
l’ospite
1 sett

Le conseguenze della guerra

Commento
1 sett

Magistratura, se la politica non fa i compiti

Riorganizzazione della Procura: a un anno e mezzo dal mandato conferitole dal Gran Consiglio, dalla commissione ‘Giustizia’ finora nulla di concreto
Commento
1 sett

Calcio femminile a maturazione lenta

I premi provenienti da Fifa e Uefa saranno equiparati per uomini e donne, ma la parità salariale è ancora lontana
Commento
1 sett

Targhe e arte della politica: la vittoria Ppd, la sconfitta Plr

Sulle imposte di circolazione il compromesso i popolari democratici l’hanno raggiunto con la sinistra, non coi liberali radicali. Appunti per il futuro
Commento
1 sett

Giochi di potere a Wimbledon

La politica ha avuto un ruolo nell’esclusione di tennisti russi e bielorussi, Atp e Wta hanno risposto togliendo i punti e inguaiando molti giocatori
Commento
1 sett

Lite Di Maio-Conte, i grillini si sfarinano

Ormai il Movimento 5 Stelle pare condannato alla scissione e a un destino di battibecchi da partitino minore
DISTRUZIONI PER L'USO
laR
 
25.05.2020 - 06:00
Aggiornamento: 07:19

Come prima, meglio di no (appunti sull'economia ticinese)

Settori nei quali i salari arretrano, dumping, precariato, sottoccupazione, scarsa innovazione. E ora la crisi post-coronavirus. Cercasi "nuovo contratto sociale"

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

«Purtroppo vedo che le stesse ideologie che hanno dominato la politica economica negli ultimi trent’anni stanno serrando di nuovo i loro ranghi». Più chiaro di così non poteva essere Christian Marazzi, uno dei più profondi conoscitori del mercato del lavoro ticinese. Considerazione tra il sapido e l’amaro, arrivata alla fine dell’intervista pubblicata oggi, nella quale Marazzi cerca di spiegare perché il Ticino dovrà affrontare questa nuova crisi con una struttura già fragile. Riassumendo molto rozzamente: settori nei quali i salari arretrano da almeno un decennio, dumping, precariato, sottoccupazione, scarsa innovazione.

Lo so, lo so: a metterla giù così a brutto muso suono come uno di quei tizi strambi coll’eskimo, quelli che davanti alle università italiane cercano sempre di piazzarti ‘Lotta Comunista’ e impanano cotolette gigantesche sulla rivoluzione e il sol dell’avvenire. E poi non voglio certo prendere il povero Marazzi in ostaggio per fargli dire quello che penso io. Ma comunque i problemi son lì da vedere, anche se la versione governativa è quella del “tessuto economico molto variegato”, dell’economia “flessibile e capace di adattarsi agli eventi esterni”.

Sforzo di ottimismo: speriamo che la versione ‘vie en rose’ dell’economia ticinese sia solo un escamotage pubblicitario; che invece i problemi, quelli veri, siano ben noti a chi deve decidere. Allora potrebbe ancora trovare spazio quello che Marazzi chiama «nuovo contratto sociale»: nuove soluzioni per lenire la fragilità del lavoro e investire su un’«economia antropogenetica», nella quale «l’uomo lavora per l’uomo»: sanità, socialità, ricerca, istruzione. Un cambio di direzione per il quale – mi permetto di aggiungere – servono anche ingenti investimenti. E quindi un inevitabile indebitamento pubblico, almeno temporaneo, da combinare con quello che servirà per sostenere direttamente i consumi e il potere d’acquisto delle famiglie.

Per arrivare fin lì, l’importante è non cedere alla tentazione di tornare a fare come prima, rimettendo per l’ennesima volta il dito sul fornello, senza ricordarsi che scotta. Tantopiù che il ‘come prima’ non funzionava neanche prima, a dirla tutta: una crescita economica che dipende da settori poveri di tecnologia e dal lavoro sottopagato, concorrenza fiscale che va a morire come un gatto malato in capannoni vuoti, tagli alla spesa pubblica che hanno impoverito il fantomatico ‘ticinese medio’ – e il suo impagabile tessuto comunitario – al punto da spingerlo tra le zampe del populismo più belluino. È un modello morto, almeno da quando i capitali esteri hanno smesso di spuntare miracolosamente dai nostri caveau.

Nel frattempo l’economia dell’austerity ci ha consegnato bilanci pubblici in ordine, impomatati come ragionieri al primo colloquio di lavoro, ma anche un surplus globale di risparmi. Con un risultato paradossale, almeno in apparenza: un’economia piena di soldi, ma così fragile da dover essere tenuta in vita con tassi d’interesse negativi. D’altronde, tagliando la spesa, quella stessa economia si restringe e quasi in nessun caso la fiducia degli investitori privati ne controbilancia la contrazione; per questo Paul Krugman sfotte gli austeristi dicendo che credono nella “fatina della fiducia”. La faccio breve: non c’è momento migliore per un solido investimento pubblico su svariati fronti, dall’economia verde alle infrastrutture.

Purtoppo l’emergenza fornisce argomenti – discutibili, ma seducenti – anche a chi dice che adesso a maggior ragione bisogna aumentare la flessibilità, limare certi diritti acquisiti e spendere sì qualcosina, ma poi tornare subito al rigore fiscale. Il presidente degli imprenditori svizzeri, per dirne uno, giura che il Parlamento non deve “aprire ulteriormente le casse federali”, che “sarebbe controproducente rafforzare la protezione contro i licenziamenti” e che “un programma congiunturale dello Stato agisce sempre in ritardo e nel posto sbagliato”. Altri paventano la nascita di uno stato-Moloch che divorerà la libera impresa, e impugnano le limitazioni di libertà dovute alla crisi sanitaria come brutto segno d’uno stalinismo strisciante (citofonare von Hayek, ore pasti). Altri ancora parlano del virus ‘livella’, che non fa distinzione tra ricchi e poveri e quindi siamo tutti sulla stessa barca – spiegatelo ai commessi del supermercato –, e insomma non è mica il momento per far polemica con chi è al timone dell’economia: niente idealismo accademico, ragazzino, scansati e lasciaci lavorare. Il ‘come prima’, appunto.

Leggi anche:

Salari in calo, Marazzi: 'Serve un nuovo contratto sociale'

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved