laRegione
sempre-calcio-e-ma-senz-anima
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
42 min

Pompe funebri fra lutti, direttive e limiti

Il rischio di una falsa immagine delle aziende dopo le incomprensioni con il medico cantonale sul trattamento delle salme Covid-19
il commento
1 gior

Non idonea è anche la Commissione

Il concorso verrà rifatto. Una scelta opportuna, ma che solleva interrogativi anche sulla Commissione giudiziaria.
Il ricordo
1 gior

Hasta siempre, Diego

Maradona non era (soltanto) un calciatore, il miglior calciatore di tutti i tempi. Maradona è la sintesi di un popolo
Il ricordo
1 gior

Ho visto Maradona, ho visto Maradona

Simbolo di rivalsa sociale, simbolo di Napoli, città alla quale ha voluto bene. Imperfetto, autodistruttivo, a volte patetico. Ma il più grande di sempre.
Commento
1 gior

Se per Ungheria e Polonia Bruxelles ‘è come l’Urss’

Lo scontro sullo Stato di diritto blocca i fondi dell'Unione Europea per il rilancio post-Covid
Commento
2 gior

Accoltellamento alla Manor, il peso del sospetto!

Continuiamo a condurre la vita di prima, amandola e onorandola secondo le nostre regole della civile convivenza e dello stato di diritto
Commento
2 gior

Non siamo oggetti, basta brutalità contro le donne!

La violenza domestica uccide più della strada, una piaga sociale che divora generazioni. Inizia prima dello schiaffo, negando ad esempio la parità salariale
L'analisi
3 gior

Il vaccino russo è quasi pronto, la sua produzione no

Forti dei loro studi sulla Sars, gli scienziati russi sono partiti avvantaggiati sulla ‘concorrenza’. Ma ora mancano le infrastrutture
Commento
3 gior

Caso Chiappini: via Borghetto, quante domande!

Sul chi sapesse cosa si gioca anche la credibilità di altre personalità della diocesi e magari anche della facoltà di teologia
Commento
4 gior

Le sfide di Speziali, nel futuro ma non dimenticando il passato

Il neopresidente del Plr ha una visione per i prossimi anni che sarà di successo solo se sarà all'insegna dell'ascolto e del rispetto per la storia e le sensibilità
Commento
22.05.2020 - 06:000
Aggiornamento : 07:49

Sempre calcio è ma senz’anima

Tra il blocco dell’attività e la ripresa senza pubblico, il calcio se può sceglie di ripartire

Il Lugano ha deciso di anticipare la ripresa degli allenamenti, convinto a farlo (anche) dalla ripartenza della Bundesliga, in fondo a due passi da qui, e dalla prospettiva non più così remota che anche la Super League possa rimettersi in marcia, fatte salve disposizioni contrarie del Consiglio federale e della Lega che si riunirà in assemblea a fine mese.

Altre società, prima di quella bianconera, si sono rimesse al lavoro, proprio per giungere preparate al fischio d’inizio della seconda porzione del campionato più tormentato di sempre. 

L’effetto ‘Bundes’, insomma, si fa sentire. Che Dortmund e Bayern abbiano ricominciato a duellare per la ‘Meisterschale’, insomma, è una bella sferzata di ottimismo che spazza via un po’ dello scetticismo che anima chi vede tutto nero e dà vigore alle tesi di chi propugna un ritorno alla normalità quanto prima, quelli che ‘ormai il peggio è passato’.

Orbene, siamo al massimo a metà strada, tra gli scenari più infausti e quella che continuiamo a definire ‘normalità’, concetto che – comunque vada – andrà ridefinito. E tarato sull’eredità con la quale dovremo convivere, una volta superata la crisi.

Ancora non siamo lì. Tornando alla Bundesliga, basta rivedere qualche immagine delle partite dello scorso weekend per capire quanto ancora sia particolare, la situazione: spalti deserti, voci che si distinguono, abbracci vietati (ma le marcature strette no, ovviamente). È la nuova dimensione, nella quale bisogna per forza calarsi, per gettare le basi della fase che verrà, meno alienante e ricca di vincoli.

La voglia di calcio – ma si può anche estendere la riflessione a tutti gli sport – è tanta. Prova ne siano le cifre da record realizzate dalle emittenti televisive che hanno diffuso le partite: mezzo milione di italiani hanno guardato i sei incontri del sabato. D’accordo, sono orfani della serie A che ancora sta litigando con la politica sui tempi e sui modi, ma è pur sempre una cifra significativa. In Germania gli utenti sono stati sei milioni. Folle? No. Specchio dei tempi e della voglia di riappropriarsi del giocattolino da parte di appassionati costretti a restarsene ai margini. Dai quali tifosi il calcio sa prescindere, almeno per il momento, in quanto non necessari allo svolgimento delle partite e allo sviluppo delle classifiche.

Jürgen Klopp, a proposito della ripresa della Bundesliga e delle porte chiuse che tolgono fascino al pallone, ha osservato come in fondo tutti quelli che amano il calcio hanno cominciato ad appassionarsi per il gioco che rappresenta, per i gol e per gli avversari contro i quali lottare, anche su campetti improbabili, lontani dai riflettori. Il calcio, per il vulcanico tecnico del Liverpool, agli occhi di chi lo vive e lo pratica, resta quindi affascinante a prescindere da quanti spettatori si accomodino sugli spalti. La riflessione, pur valicando i confini della retorica, ha una logica, certo. Tra il blocco dell’attività e la ripresa senza pubblico, il calcio se può sceglie di ripartire. Ma non si dica che per i calciatori, attori in un teatro vuoto, è la stessa cosa. È lavoro, è bene che si riparta, anche in regime di semilibertà. Ma non è la stessa cosa. Togliete ad Anfield le note di ‘You’ll never walk alone’, o il muro giallo a Dortmund. Ne otterrete calcio, certo, ma un calcio senz’anima.

© Regiopress, All rights reserved