laRegione
Nuovo abbonamento
(Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Opinioni
L'analisi
2 ore
Vince Putin, non la Russia
Con la nuova Costituzione lo ‘zar’ potrà governare fino al 2036. Dovrà però fare i conti con diverse fessure sul piano economico e sociale.
Commento
2 gior
La mente e il grilletto: due pensieri su una strage sventata
La strage sventata alla Commercio deve farci riflettere non solo su come sia facile perdere la testa, ma anche su quanto lo sia armarsi fino ai denti
Commento
3 gior
Covid: movida e vacanze, rialzare la guardia, prego!
Mascherine da estendere anche a negozi e luoghi affollati! E poi, perché tirarsi addosso un lavoro immane per mettere in quarantena centinaia di persone?
Commento
4 gior
Plr e Ppd su cosa devono puntare?
Non c'è dubbio: il tema del lavoro deve essere al centro delle loro riflessioni
Commento
4 gior
Prudenza col Covid: difficile spiegarlo (anche) alla nonna!
Giusto godersi il momento, tornare ad una certa normalità, ma mantenendo ben bene i piedi per terra!
Commento
5 gior
Aeroporto di Lugano e piano sociale, è ‘scaricabarile’
Fino a qualche mese fa, (quasi) tutti a difesa del personale senza lavoro, ora altro rinvio fra ‘rimpalli’ di responsabilità e il Cantone che nicchia
Commento
5 gior
Violenza domestica. E vai con le assunzioni...
Il Dss preannuncia un concorso per reclutare 'una figura per il coordinamento operativo a sostegno delle vittime'. Ma oggi non ci sono profili nell'Amministrazione?
L'analisi
6 gior
Il funerale dell’etica ebraica
Cosa significa ‘popolo eletto’? Contrariamente alla vulgata dagli echi antisemiti, l’elezione non connota un senso di superiorità.
L'analisi
1 sett
Palestinesi stranieri in casa propria
Il primo luglio Israele potrebbe dare corso all’annessione del 30% della West Bank
Commento
1 sett
'Bravate' e disattenzioni mortali in stazione
Quei destini che si incrociano sulle rotaie portando sofferenza in tante famiglie.
Commento
15.05.2020 - 06:000

Il deficit nei conti è il minore dei problemi

Si prospetta un disavanzo di quasi 400 milioni di franchi nelle finanze cantonali. L'attenuazione della crisi economica post Covid-19 dovrebbe essere la priorità

La tegola del Covid-19 ha colpito in modo improvviso le economie di mezzo mondo costringendo anche i più ostinati e oltranzisti liberisti ad ammettere a denti stretti che sì, l’intervento pubblico in questo momento storico è necessario. Sostenere la domanda e quindi i redditi dei cittadini con importanti iniezioni di fondi statali è l’unica strada percorribile per fare in modo che passata la buriana anche l’offerta, ovvero il sistema produttivo di beni e servizi, abbia ancora un futuro. Insomma, i due lati del mercato in cui gli economisti dividono accademicamente lavoro e capitale si reggono a vicenda. Svizzera e Ticino non sfuggono a questa evidenza. La conseguenza immediata di queste politiche espansive è naturalmente l’aumento repentino dello stock di debito, sia esso pubblico o privato. La Svizzera nel suo insieme è uno dei paesi con il più basso livello di debito pubblico (circa il 30% del Pil) e proprio questa sua caratteristica, unita a un certo pragmatismo politico, ha permesso di mettere in piedi rapidamente un programma multimiliardario (tra prestiti garantiti e aiuti diretti) per mitigare nel breve periodo gli effetti economici negativi dell’epidemia di coronavirus. Non tutti sono soddisfatti delle misure della Confederazione. Lo strumento dei crediti agevolati e garantiti a favore delle Pmi fa storcere il naso a molti che avrebbero voluto capitali a fondo perso. Commercianti e lavoratori autonomi si attendevano, per esempio, un aiuto per far fronte ai costi fissi rappresentati in primis dagli affitti. Con il fatturato praticamente azzerato durante la serrata, vedersi alleggerito o no l’onere locativo diventa una questione di sopravvivenza per molte piccole aziende: il bilancio dei danni lo si vedrà in autunno, ma centinaia di posti di lavoro sono a rischio.

In questo preciso ambito e interpretando fino in fondo il principio di sussidiarietà del federalismo elvetico, ci sarebbe ampio spazio di intervento per i Cantoni e i Comuni. Alcuni (Ginevra, Vaud e Basilea) lo hanno già fatto mettendo in campo un meccanismo di partecipazione alle spese per gli affitti commerciali a patto che anche gli inquilini e i proprietari facciano la loro parte. Il Consiglio di Stato ticinese, pur sollecitato dalle parti in causa, su questo tema è timido se non silente. Si attende una soluzione nazionale, la giustificazione.

Il discorso politico cantonale, dopo l’emozione per la crisi sanitaria che in Ticino ha colpito tante famiglie, è ora rivolto ai conti pubblici. Il calo del gettito fiscale e l’aumento dei costi generati dalla situazione epidemica verosimilmente causerà un deficit di bilancio di 3-400 milioni di franchi. Una cifra importante e che preoccupa soprattutto i partiti che hanno fatto del risanamento finanziario l’unico obiettivo della scorsa legislatura. Non sappiamo quanto durerà la grave recessione che è all’orizzonte e il cui recupero non dipenderà – purtroppo – solo dalle scelte di politica economica della Confederazione o del Ticino visto che buona parte del Pil è generata all’estero (turismo e industria su tutti). Incaponirsi già da ora a immaginare piani di risparmio e di riduzione del debito pubblico cantonale (che è meno di 2 miliardi, circa l’8% del Pil e causa costi sostenibilissimi) è controproducente dal punto di vista economico e miope da quello politico.

© Regiopress, All rights reserved