laRegione
Nuovo abbonamento
una-mobilita-a-rischio-contagio
Di nuovo tutti in colonna? (Archivio Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
12 ore

Treni a lunga percorrenza, una questione di cifre (e di cassa)

Le Ffs chiudono la partita con il Mendrisiotto, che non si arrende. Mentre Tilo e InterCity finiscono per entrare in concorrenza
Commento
1 gior

Locarno2020 e il futuro di una certa idea di cinema

Si apre domani un’edizione insolita, di emergenza, del festival del film. Aspettando tempi migliori: per Locarno e per il cinema
Commento
2 gior

Ha vinto lo Young Boys, ma pure il Lugano

I bernesi hanno griffato l'infinita Super League 2019/2020 con il loro terzo titolo filato, ma anche la quinta salvezza consecutiva dei bianconeri non è da sottovalutare
Commento
5 gior

Grazie cara Svizzera gioiellino di convivenza

Solidarietà: ecco la parola che mi viene in mente pensando al Natale della Patria 2020
Commento
6 gior

Tra euforia finanziaria e pessimismo economico

Finanza ed economia reale in questo periodo particolare hanno dinamiche contrapposte con la prima che brinda e la seconda che vede nero
Commento
1 sett

Il diritto del ben mangiare per tutti!

Bisognerebbe rendere obbligatoria l’educazione alimentare. Insegnare cos’è il “vivente”, una radice, un legume, un animale, la storia e provenienza dei prodotti.
Commento
1 sett

La voce da tenore e quella da bischero

Andrea Bocelli 'umiliato e offeso' dal lockdown. Al prossimo concerto, vada a spiegarlo a bresciani e bergamaschi.
Commento
1 sett

Al lupo, al lupo! Stato totalitario?

Per favore, signor deputato, anche se si può legittimamente (e ci mancherebbe!) avere un’idea opposta sull’efficacia della misura, che non si scomodi con tanta facilità lo stato totalitario liberticida.
Commento
1 sett

Un atto d’amore

La sentenza emessa ieri a favore di Mina Welby e Marco Cappato è un fatto nuovo non soltanto per l’assoluzione dei due
Commento
1 sett

La mafia fra bucalettere, bar e terreni…

In Svizzera presenti almeno 20 cellule mafiose attive, cui fanno capo circa 400 persone. Dove? Soprattutto nei cantoni di confine fra cui Ticino!
Commento
06.05.2020 - 08:000

Una mobilità a rischio contagio

Con i legittimi timori del nuovo coronavirus, qualcuno potrebbe essere tentato di abbandonare il trasporto pubblico per tornare alla ‘vecchia’ auto

La paura, si sa, è sempre una cattiva consigliera. La pandemia da Covid-19, però, ci ha segnato a tal punto che sarà difficile scacciare quella vocina insidiosa da sopra la spalla.

L’11 maggio prossimo sarà, quindi, una data fatidica per mettere alla prova la nostra resistenza (diciamolo pure) alla fifa che proviamo. Anche perché, pur riaperti negozi, ristoranti e luoghi della cultura, la quotidianità che ritroveremo là fuori non sarà più la stessa. Nel superare l’uscio di casa saremo un po' come dei bambini ai loro primi passi, incerti. Se, dunque, ci si potrà avvicinare con timidezza al tavolino di un bar, figuriamoci salire su un treno o un autobus. E qui sta il punto.

Quella che per molti – un numero sempre maggiore – era diventata ormai una consuetudine, potrebbe essere fiaccata dai timori che ci lascia in eredità il virus. Così qualcuno potrebbe essere tentato di abbandonare il trasporto pubblico e tornare alla ‘vecchia’ auto. Un ritorno al passato che, soprattutto nel Mendrisiotto, potrebbe costare caro, in particolare alle strade del Distretto. Ora, si dirà, che non tutti sono dei paurosi: vero. Lo sgomento a cui ci ha confrontati questo coronavirus, però, non ha eguali nella storia recente. E questo lo hanno affermato degli esperti. Allora viene da pensare che servirà un sovradosaggio di coraggio (da parte di ciascuno) per superare i nuovi tabù.

Le aziende di trasporto, va riconosciuto, stanno facendo del loro meglio per adeguare i mezzi pubblici alle regole della crisi: le direttive, del resto, arrivano dritte dritte da un gruppo di lavoro federale. È un dato di fatto, d’altro canto, che ci si affida molto al comportamento individuale e al rispetto delle norme di igiene e di distanza sociale dei singoli utenti (che si potranno fare schermo con la mascherina). Una volta di più, dunque, scegliere (per la seconda volta) i trasporti collettivi sarà un atto di responsabilità. Ecco per quale motivo alcuni specialisti del settore hanno pensato bene di sondare gli umori dei cittadini-utenti; proprio per capire quale sarà la mobilità ai tempi del Covid-19. Questa volta bisogna dire che l’iniziativa privata è arrivata a interrogarsi prima delle istituzioni pubbliche.

In realtà, come ci ha lasciato intendere l’esperto di Mobilità e trasporti che abbiamo interpellato, ci si aspettava un segnale da parte delle autorità competenti anche su questo fronte (certo meno prioritario di altri nei giorni dell’emergenza), ma non è arrivato. Eppure in questi ultimi anni se ne sono spesi di sforzi (e di soldi) per promuovere un mutamento significativo nella popolazione. Obiettivo: riuscire a cambiare mentalità e abitudini. Una transizione iniziata, consolidata, ma ancora in atto. Non a caso solo un virus è riuscito ad azzerare (quasi del tutto) il traffico e a far crollare le quotazioni delle sostanze inquinanti nell’aria. Adesso che si riapre alla vita, basterà davvero poco per perdere il terreno guadagnato a favore della mobilità alternativa e riversare colonne di auto sulla rete stradale, già intasata prima del coronavirus.

Insomma, il rischio di essere catapultati indietro nel tempo è concreto. Per scongiurare il pericolo, allora, servono mezzi (finanziari) per dare una mano alle aziende di trasporto e idee per battere strade alternative. Vuoi vedere che la bicicletta ci salverà.

© Regiopress, All rights reserved