laRegione
Nuovo abbonamento
la-solitudine-del-numero-uno
Keystone
ULTIME NOTIZIE Opinioni
L'analisi
1 gior

La solidarietà europea non aiuta i migranti

Il Patto presentato da Ursula von del Leyen lascia irrisolti i temi che più dividono e conferma la chiusura delle frontiere
Commento
2 gior

Festival di Locarno, come ruggirà il Pardo senza testa?

Al di là dei motivi che hanno portato all'addio della direttrice artistica Lili Hinstin, bisogna interrogarsi sulle prospettive del festival
Commento
3 gior

'Tocca alle Ffs trovare una soluzione idrica per Coldrerio'

Commento
3 gior

Sorpassi a Bellinzona, sarà una campagna avvelenata!

Insomma qualcuno (chi?) ha fatto e disfatto senza informare chi di dovere. E chi era quel chi?
Commento
3 gior

L’hockey è pronto a ripartire: ‘Godetevi la partita’

La lunga attesa è finita: tra una settimana, tra mille punti interrogativi, torna il campionato svizzero di disco su ghiaccio
Commento
4 gior

La nostra scuola in presenza e presente!

A chi non interessa sapere come se l’è cavata la nostra scuola durante il lockdown?
Commento
4 gior

Premi malattia, una stangata evitabile

I costi l'anno prossimo in Ticino aumenteranno in media dell'2,1%. Quattro volte in più rispetto a quanto avverrà nel resto della Svizzera
Commento
5 gior

Covid e crisi economica, la politica ripensi la propria funzione

Servono saggezza e altruismo per individuare quel paio di priorità su cui siglare un Patto di Paese che faccia uscire dal proprio cortile
Commento
5 gior

Paura batte cultura? Grosso problema!

Visite culturali ai tempi del covid: aumenta la prudenza!
L'analisi
5 gior

In Italia ha vinto il sì. A che cosa?

Vittoria scontata per il taglio dei parlamentari. Destra avanti nelle elezioni regionali
L'analisi
6 gior

Piccoli sovranisti in soccorso dello zar

La repressione in Bielorussia non scalda i cuoi dei nazionalisti europei allineati agli interessi di Putin
Commento
06.02.2020 - 06:000

La solitudine del numero uno

Il campo certifica la grandezza di Novak Djokovic e ne ripaga la caparbietà, ma la sua forza è anche il suo limite. È il più forte ma non il più amato

Numero uno non si nasce, si diventa. La predisposizione a diventarlo non basta. Né basta il talento, benché resti una componente fondamentale per ambire a primeggiare. Lavoro, disciplina e ancora tanto lavoro. Quando poi sei in cima, si fanno i conti con la popolarità. Con il grado di ammirazione suscitato. Con l’affetto della gente. Solitamente esplode, ma non per tutti.

Novak Djokovic è il numero uno al mondo nel tennis, incoronazione meritata. Il campo ne certifica la grandezza di sportivo, ne ripaga la caparbietà, ne esalta l’orgoglio dell’uomo che prima di assurgere a leggenda della racchetta è stato un bambino cresciuto in un paese complicato, in condizioni difficili. In stenti e difficoltà ha forgiato un carattere duro, a tratti spigoloso. Oggi è la sua forza, ma anche il suo limite. È il più forte, ma non il più amato.

La sua natura conquistatrice ne griffa in maniera indelebile il tennis. Forza di volontà e orgoglio ne hanno fatto un numero uno degno, più forte di tutti. Ha raggiunto la vetta del tennis, con pieno diritto. Ha quasi raggiunto Nadal e Federer, in quanto a Slam vinti. Con ogni probabilità sarà lui a detenere a fine carriera il record di titoli. Tuttavia nel cuore della gente non è mai riuscito a fare breccia come i due suoi illustri colleghi.
Eccolo, il limite. L’esasperata caccia ai record, operazione che porta avanti con successo, lo rendono vincitore, e come tale viene celebrato dallo sport. L’affetto della gente, però, non lo si conquista a suon di titoli. È una questione più empirica, quella. Non sono facili da spiegare, certi meccanismi. Di certo c’è che se Kobe Bryant, per sconfinare nel basket, era così amato, non è solo perché ha vinto con i Lakers. Quelli sono numeri, trofei. L’amore non è statistica, prescinde. Le vittorie contano, parliamo pur sempre di numero uno, ma non sono che una parte di un tutto.

Per tornare al tennis, Federer e Nadal, inizialmente inseguiti partendo da lontano, li ha ormai raggiunti. Ma loro sì che sono portati in trionfo, venerati, osannati dal mondo che hanno conquistato. Djokovic no. E rosica. Non accetta questa disparità di trattamento, lui che vince di più, che farà incetta di altri titoli. A parità di statuto, gradirebbe la medesima considerazione. Perché loro sì e io no? La risposta è semplice: Roger e Rafa non se lo sono posto, quell’interrogativo. Hanno fatto breccia nei cuori degli appassionati, divisi più o meno equamente (la proporzione poco importa) tra la classe dell’uno e la forza dell’altro, accomunati però da un’empatia che li avvicina alla gente. Potere dei titoli ma, soprattutto, del modo di ottenerli, di porsi, di essere.

Soffre, Djokovic, ma con quel distacco deve convivere. Non è picchiando il pugno sul petto che le cose possono cambiare. Un titolo in più non sposta di una virgola la questione. Questo però non giustifica l’atteggiamento ostile di cui fu vittima a New York, contro Federer, e parzialmente a Melbourne, contro Thiem. Ingeneroso, nei suoi confronti. Scorretto. Da numero uno degno quale è, che tale privilegio si è conquistato a suon di vittorie e di lavoro, merita maggiore considerazione, siamo d’accordo. Il popolo del tennis può non amarlo alla follia, ma gli deve il rispetto e la riconoscenza che si devono a un atleta che quando busserà alla leggenda della disciplina troverà qualcuno che lo farà entrare, in quanto ospite atteso.

Insomma, Nole può continuare a scalare la montagna dei record. In cima, punterà la sua bandiera e lo sport gli tributerà tutti gli onori che merita. Quanto all’affetto della gente, è ormai tardi. Quella vetta è già occupata.

© Regiopress, All rights reserved