laRegione
Nuovo abbonamento
occorrono-leggi-e-sanzioni-adeguate-anche-per-i-signori-della-rete
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
22 ore

Niente post per 24ore basta?

Fra odio e fake news, le star boicottano Instagram e facebook!
Commento
23 ore

Naturalizzazioni a Lugano, l’ambiguità della legge

Affidare compiti amministrativi a organi politici genera polemiche e imbarazzo, mentre prosegue lo ‘sciopero’ dei quattro membri leghisti delle Petizioni
Commento
1 gior

Voto ai 16enni: germogli della democrazia!

Si torna a dibattere della possibilità di accordare il diritto di voto ai sedicenni. Idea saggia? O ardita?
Commento
2 gior

Mancherà don Roberto, l’eroe della strada, vicino agli ultimi

Sanno risvegliarci dal torpore dell’impotenza davanti alla miseria altrui. Quando li incontri ti fanno venir voglia di essere una persona migliore
L'analisi
3 gior

Non è un paese per donne

La politica ticinese richiama le immagini di fine Ottocento: solo uomini saldamente al potere
Il ricordo
4 gior

Ciao 'Nene of Daro'

Quella sera ci disse che desiderava dare anche un contributo a chi si stava affacciando alla vita sportiva
Commento
4 gior

Procura, cinque cartellini rossi: genesi da chiarire

Il Gran Consiglio ha stabilito le regole sull'elezione di pp e giudici: vada allora a fondo sulle bocciature pronunciate dal Consiglio della magistratura
Commento
6 gior

Il Lockdown e la sfida climatica

Durante il confinamento la natura si è ripresa i suoi spazi? Non è così semplice. E, spiegano gli esperti, l'impatto sul riscaldamento globale è minimo
Commento
6 gior

Giudici, Merlini e agli altri i pomodorini

Ansia e imbarazzo in casa liberale radicale a Locarno dopo le dimissioni di Salvioni. Oppure era tutto previsto
Commento
29.01.2020 - 10:430

Occorrono leggi e sanzioni adeguate anche per i signori della rete!

Bene: sul video di Matteo Salvini che citofona ad una famiglia residente a Bologna per chiedere se sono loro gli spacciatori si è finalmente innescato un dibattito anche dal punto di vista giuridico-giudiziario. Dibattito che segue quello più squisitamente politico, passato dalla condanna per quella citofonata (volutamente filmata e mandata online su Facebook), all’analisi dell’effetto-boomerang sul rettilineo finale della campagna elettorale. In proposito pare infatti che alcuni elettori, che avrebbero magari disertato le urne, osservando la deriva salviniana si sarebbero convinti ad andare a votare proprio per la sinistra permettendo al Pd di rafforzarsi in Emilia-Romagna, perché mossi dalla volontà di scongiurare il successo di un leader smaccatamente sovranista/razzista e pericoloso. Passata la piena, quello che ora interessa è però la discussione sui contenuti del filmato da taluni ritenuto un bel/brutto esempio di incitamento all’odio. Di più: quel video rendeva persino riconoscibile (e pure rintracciabile) il minorenne additato dal leader leghista. Inutile dire che, visto l’alto numero di visualizzazioni (pare più di 280mila), anche le manifestazioni di disprezzo e odio hanno tracimato.

Ecco dunque servito un ottimo esempio di come si possano strumentalizzare politicamente situazioni varcando ogni limite etico e probabilmente anche legale, cavalcando spregiudicatamente l’onda lunga e libera dei social network.

Farlo è facile se manca un contrappeso importante, di cui sono invece provvisti i mass media tradizionali e territoriali: nel loro caso infatti, accertata la violazione del diritto, la sanzione può colpire anche l’azienda.

Nel caso specifico, invece, Facebook (grazie alla natura internazionale tipica delle piattaforme) ha analizzato secondo suoi criteri e algoritmi il video, si è presa giorni e giorni, ha lasciato che la campagna elettorale finisse e solo dopo ha rimosso il filmato rimasto per ben sette giorni online. Il social network di mister Zuckerberg si è difeso dalle accuse di aver temporeggiato dicendo che si trattava di decisioni da prendere ‘incredibilmente complesse e sfaccettate’ che ‘richiedono un’attenta considerazione di molteplici fattori’. Sì, possiamo benissimo capire quanto sia difficile prendere decisioni in continuazione, vista l’immensità di contenuti anche problematici postati sulla piattaforma. Ma intanto, lasciando online quel video molto discutibile, Facebook ha generato traffico, ha fatto soldi e ha anche speculato.

Nossignori, così non va, e siccome non è la prima volta che accade, ribadiamo che occorrono sanzioni adeguate anche per i colossi della rete, come succede per tutti i mass media tradizionale che sbagliano. Sanzioni pesanti, che devono obbligare le piattaforme a prestare molta più attenzione e a rimuovere in tempi molto più stretti contenuti offensivi mettendo al bando certi utenti. Basta speculare anche su ambiguità del tipo ‘a differenza dei mass media, noi siamo semplici veicolatori di contenuti altrui’. Abbiamo perso terreno, ma nessuno dice che non lo si possa recuperare mettendo finalmente i giusti puntini sulle ‘i’ dei signori della rete.

© Regiopress, All rights reserved