laRegione
Nuovo abbonamento
luigi-pedrazzini-e-le-sfide-della-ssr
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
19 ore

Covid e crisi economica, la politica ripensi la propria funzione

Servono saggezza e altruismo per individuare quel paio di priorità su cui siglare un Patto di Paese che faccia uscire dal proprio cortile
Commento
19 ore

Paura batte cultura? Grosso problema!

Visite culturali ai tempi del covid: aumenta la prudenza!
L'analisi
1 gior

In Italia ha vinto il sì. A che cosa?

Vittoria scontata per il taglio dei parlamentari. Destra avanti nelle elezioni regionali
L'analisi
1 gior

Piccoli sovranisti in soccorso dello zar

La repressione in Bielorussia non scalda i cuoi dei nazionalisti europei allineati agli interessi di Putin
Commento
3 gior

Vitta, il ‘cigno nero’ e una certa idea di rilancio

In questa fase post-pandemica indebitarsi per sostenere la ripresa economica sarebbe il miglior investimento che il cantone possa fare
Commento
3 gior

La libera circolazione e i ‘rivoluzionari’ dell’Udc

Il partito, tradizionalmente ostile alle misure d’accompagnamento, ora si erge a paladino dei diritti dei lavoratori. Con una credibilità a pari a zero.
Commento
4 gior

Niente post per 24ore basta?

Fra odio e fake news, le star boicottano Instagram e facebook!
Commento
4 gior

Naturalizzazioni a Lugano, l’ambiguità della legge

Affidare compiti amministrativi a organi politici genera polemiche e imbarazzo, mentre prosegue lo ‘sciopero’ dei quattro membri leghisti delle Petizioni
Commento
5 gior

Voto ai 16enni: germogli della democrazia!

Si torna a dibattere della possibilità di accordare il diritto di voto ai sedicenni. Idea saggia? O ardita?
Commento
18.12.2019 - 06:300

Luigi Pedrazzini e le sfide della Ssr

Il compito richiede più persone di bilancia che di spada. La nomina di Pedrazzini suona rassicurante.

La Radiotelevisione svizzera è un po’ più di lingua italiana, con la nomina di Luigi Pedrazzini a vicepresidente del Consiglio d’amministrazione della Ssr?

In parte certamente sì: per quanto legata alle dimissioni dell’attuale vicepresidente, il romando Jean-François Roth, questa nomina è indubbiamente un segnale importante per la minoranza italofona. Se in altri settori quella solidarietà su cui si basa il federalismo elvetico viene sempre più spesso messa in discussione, rimane centrale alla Ssr, e questa è certamente una buona notizia. Pensando alla chiave di riparto – quella che, in poche parole, ci permette di dare il 4 per cento dei proventi del canone e ricevere oltre il 20 per cento delle risorse, con tutte le conseguenze occupazionali del caso –, al sostegno diretto e indiretto che arriva a molte realtà culturali della Svizzera italiana, al futuro digitale di Rsi La2, è una rassicurazione sapere che la voce di Luigi Pedrazzini è apprezzata e stimata tanto da meritarsi la vicepresidenza. A Berna: in Ticino, come sappiamo, la rappresentatività della Corsi, la Società cooperativa per la Rsi, è almeno a livello politico messa in discussione, ma questo è un altro discorso.

Se Pedrazzini siede nel Consiglio di amministrazione della Ssr in qualità di presidente della Corsi, non va dimenticato che su quella poltrona è chiamato a ragionare, e a prendere decisioni, in ottica nazionale e non regionale, come lo stesso Pedrazzini ha tenuto a precisare nell’intervista al nostro giornale. Insomma ci si può aspettare un occhio attento alla realtà della Svizzera italiana, non un occhio di riguardo e certamente anche per Comano arriveranno scelte sofferte e impopolari, come del resto sono già arrivate in passato.

Perché, e scusate se ribadiamo l’ovvio, l’attuale sfida per la Ssr non è tanto la costruzione di un consenso condiviso sul servizio pubblico finanziato dal canone, quanto la rivoluzione digitale, con i nuovi media che non solo portano il pubblico altrove, ma soprattutto portano altrove la pubblicità (che, a livello nazionale, costituisce una parte importante delle entrare della Ssr). In parole povere: tutti noi, giovani e meno giovani, stiamo sempre meno davanti alla tv e sempre più con lo smartphone in mano, profilati da colossi come Google e Facebook che grazie ai nostri dati fagocitano il mercato pubblicitario. Per la Radiotelevisione svizzera – ma in generale per tutti gli operatori, giornali compresi – questo significa trovare un modo per essere presenti nei nuovi media evitando di regalare introiti pubblicitari alle multinazionali del digitale. E a questo compito già arduo, si unisce la necessità di non trascurare l’ancora importante pubblico “tradizionale” (e abbiamo visto le reazioni se, in un momento come il ballottaggio per gli Stati, viene meno la diretta televisiva) e di venire incontro alle richieste della politica. Il compito, come si vede, richiede più persone di bilancia che di spada: anche per questo la nomina di Luigi Pedrazzini a vicepresidente del Cda della Ssr suona rassicurante.

© Regiopress, All rights reserved