luigi-pedrazzini-e-le-sfide-della-ssr
ULTIME NOTIZIE Opinioni
L'analisi
19 ore

Usa e Russia, una guerra molto fredda

Lo spostamento di bombardieri B52 in Norvegia può provocare un'escalation nell'Artico, nuovo campo di battaglia per le superpotenze mondiali
LA formica rossa
1 gior

I soldi comprano le parole e anche i diritti

Subordinare la naturalizzazione al fatto di non aver chiesto aiuto all'assistenza per 10 anni è l'ennesimo esempio della stessa mistificazione politica
Commento
1 gior

Bifolco e farabutto lo diciamo troppo poco

Le parole e l'uso (morigerato) che ne facciamo. Abbiamo perso di vista gli aggettivi, tesori inestimabili che ci intimidiscono
Commento
1 gior

Iniziativa ‘anti-burqa’, c’è del buono nel pot-pourri

Il Comitato di Egerkingen vuole fermare 'l’islamizzazione della Svizzera' vietando il velo integrale. Ma esistono già gli strumenti per far fronte a derive
Commento
2 gior

Le emozioni dello sport vanno condivise

Gioia e orgoglio per una medaglia o una vittoria vanno liberate e date in pasto alla gente, parte integrante dello strano mondo denominato sport
Commento
3 gior

I soldi, lo sballo, il gioco dello stupro tra Pornhub e Genovese

Di prima mattina, al semaforo, sull’utilitaria davanti a me mi colpiscono i colori squillanti di un adesivo a tutto lunotto: “Pornhub”
Commento
3 gior

Tony Judt, OpenLux e la cassaforte delle ingiustizie

Un’inchiesta giornalistica racconta di come il Lussemburgo sia la capitale dell’elusione fiscale: una scappatoia che mette a rischio lo stato sociale di intere nazioni
Commento
5 gior

Per i grandi progetti, più potere al popolo

Invece di lamentarsi se si ricorre al referendum, le nostre Città potrebbero introdurre votazioni obbligatorie per i piani regolatori e per le spese importanti
Sguardo a nord
5 gior

La meglio gioventù e l’epidemia silenziosa

Le nuove generazioni sanno adattarsi, ma non bisogna sopravvalutarle né dimenticare che la Svizzera presenta uno dei tassi di suicidio più alti al mondo
Commento
18.12.2019 - 06:300

Luigi Pedrazzini e le sfide della Ssr

Il compito richiede più persone di bilancia che di spada. La nomina di Pedrazzini suona rassicurante.

La Radiotelevisione svizzera è un po’ più di lingua italiana, con la nomina di Luigi Pedrazzini a vicepresidente del Consiglio d’amministrazione della Ssr?

In parte certamente sì: per quanto legata alle dimissioni dell’attuale vicepresidente, il romando Jean-François Roth, questa nomina è indubbiamente un segnale importante per la minoranza italofona. Se in altri settori quella solidarietà su cui si basa il federalismo elvetico viene sempre più spesso messa in discussione, rimane centrale alla Ssr, e questa è certamente una buona notizia. Pensando alla chiave di riparto – quella che, in poche parole, ci permette di dare il 4 per cento dei proventi del canone e ricevere oltre il 20 per cento delle risorse, con tutte le conseguenze occupazionali del caso –, al sostegno diretto e indiretto che arriva a molte realtà culturali della Svizzera italiana, al futuro digitale di Rsi La2, è una rassicurazione sapere che la voce di Luigi Pedrazzini è apprezzata e stimata tanto da meritarsi la vicepresidenza. A Berna: in Ticino, come sappiamo, la rappresentatività della Corsi, la Società cooperativa per la Rsi, è almeno a livello politico messa in discussione, ma questo è un altro discorso.

Se Pedrazzini siede nel Consiglio di amministrazione della Ssr in qualità di presidente della Corsi, non va dimenticato che su quella poltrona è chiamato a ragionare, e a prendere decisioni, in ottica nazionale e non regionale, come lo stesso Pedrazzini ha tenuto a precisare nell’intervista al nostro giornale. Insomma ci si può aspettare un occhio attento alla realtà della Svizzera italiana, non un occhio di riguardo e certamente anche per Comano arriveranno scelte sofferte e impopolari, come del resto sono già arrivate in passato.

Perché, e scusate se ribadiamo l’ovvio, l’attuale sfida per la Ssr non è tanto la costruzione di un consenso condiviso sul servizio pubblico finanziato dal canone, quanto la rivoluzione digitale, con i nuovi media che non solo portano il pubblico altrove, ma soprattutto portano altrove la pubblicità (che, a livello nazionale, costituisce una parte importante delle entrare della Ssr). In parole povere: tutti noi, giovani e meno giovani, stiamo sempre meno davanti alla tv e sempre più con lo smartphone in mano, profilati da colossi come Google e Facebook che grazie ai nostri dati fagocitano il mercato pubblicitario. Per la Radiotelevisione svizzera – ma in generale per tutti gli operatori, giornali compresi – questo significa trovare un modo per essere presenti nei nuovi media evitando di regalare introiti pubblicitari alle multinazionali del digitale. E a questo compito già arduo, si unisce la necessità di non trascurare l’ancora importante pubblico “tradizionale” (e abbiamo visto le reazioni se, in un momento come il ballottaggio per gli Stati, viene meno la diretta televisiva) e di venire incontro alle richieste della politica. Il compito, come si vede, richiede più persone di bilancia che di spada: anche per questo la nomina di Luigi Pedrazzini a vicepresidente del Cda della Ssr suona rassicurante.

© Regiopress, All rights reserved