laRegione
Nuovo abbonamento
la-banana-di-maurizio-cattelan-e-se-a-mangiarla-foste-voi
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
5 ore

Ghiaccio bollente e tanti punti interrogativi

Mentre Ambrì e Lugano tornano a pattinare, il Losanna rinvia l'appuntamento col ghiaccio in attesa di novità
Commento
1 gior

L'uso della mascherina tra libertà e responsabilità individuale

La decisione di ieri del Consiglio di Stato è un atto di fiducia nei nostri confronti. A noi, adesso, mostrare coscienza e fare della nostra libertà l'uso migliore
L'analisi
2 gior

Il Libano era in ginocchio, ora è steso

La devastante esplosione di Beirut colpisce un paese prossimo al fallimento
Commento
3 gior

Treni a lunga percorrenza, una questione di cifre (e di cassa)

Le Ffs chiudono la partita con il Mendrisiotto, che non si arrende. Mentre Tilo e InterCity finiscono per entrare in concorrenza
Commento
4 gior

Locarno2020 e il futuro di una certa idea di cinema

Si apre domani un’edizione insolita, di emergenza, del festival del film. Aspettando tempi migliori: per Locarno e per il cinema
Commento
5 gior

Ha vinto lo Young Boys, ma pure il Lugano

I bernesi hanno griffato l'infinita Super League 2019/2020 con il loro terzo titolo filato, ma anche la quinta salvezza consecutiva dei bianconeri non è da sottovalutare
Commento
1 sett

Grazie cara Svizzera gioiellino di convivenza

Solidarietà: ecco la parola che mi viene in mente pensando al Natale della Patria 2020
Commento
1 sett

Tra euforia finanziaria e pessimismo economico

Finanza ed economia reale in questo periodo particolare hanno dinamiche contrapposte con la prima che brinda e la seconda che vede nero
Commento
1 sett

Il diritto del ben mangiare per tutti!

Bisognerebbe rendere obbligatoria l’educazione alimentare. Insegnare cos’è il “vivente”, una radice, un legume, un animale, la storia e provenienza dei prodotti.
Commento
10.12.2019 - 06:300
Aggiornamento : 12:32

La banana di Maurizio Cattelan: e se a mangiarla foste voi?

In tal caso assicuratevi – scusate il bisticcio – di essere ben assicurati!

Di arte e banane. Come in talune trasmissioni che mostrano il fachiro mentre ingoia frammenti di vetro di bottiglia o chiodi, è forse meglio avvertire il pubblico (e il lettore): ‘Se lui lo fa, voi non imitatelo: potrebbe costarvi caro!’.

La banana da 120mila dollari

Di cosa parliamo? Della performance di due artisti alla fiera d’arte contemporanea Art Basel in quel di Miami che ha fatto il giro del villaggio globale.
Sotto le luci della ribalta è finita prima l’opera ‘Comedian’ di Maurizio Cattelan con una banana (autentica e persino un po’ matura, acquistata per pochi centesimi al mercato) semplicemente appesa al muro con del nastro adesivo. Un’opera acquistata da un collezionista per la ‘modesta’ somma di 120mila dollari e ormai mondialmente conosciuta per la sua parziale distruzione in diretta avvenuta proprio in Florida. Già, perché sul più bello l’artistico frutto è stato improvvisamente staccato da un altro artista, David Datuna, che lo ha sbucciato e platealmente mangiato sotto l’occhio (ma guarda un po’) di telefonini e telecamere. Il goloso artista ha affermato che il suo gesto era pure una performance, intitolata ‘Hungry Artist’ (per l’appunto artista affamato). Che avesse forse saltato il pranzo? Sta di fatto che, dopo aver detto ‘amo Cattelan e adoro letteralmente questa installazione, è deliziosa’, la sua performance è stata postata sui social. E vai col giro di giostra mondiale!

Perché?

Indovinata mossa pubblicitaria? Desiderio di denunciare la fame nell’essere artisti? Voglia – spiegazione per ora maggiormente accreditata – di far riflettere sul valore dato dalle persone agli oggetti? Da 30 centesimi per noi (il costo di una banana) a 120mila dollari (il prezzo dell’opera per un danaroso cliente)? O solo semplice voglia di provocare?

Per la cronaca la banana è già stata rimpiazzata. La creazione è stata pensata come rinnovabile e sostituibile. ‘Il suo valore risiede nell’idea’, ha spiegato Lucien Terras, direttore di una delle gallerie d’arte. E dunque Datuna, il ‘mangiatore’ non verrà denunciato.

Un dubbio rimane...

Già, intanto però un dubbio rimane: e se a mangiarla fosse stato un semplice visitatore?

In assenza di una controprova, a voi un consiglio: se per caso sentiste un languorino girovagando per qualche museo, assicuratevi – scusate il bisticcio – di essere ben assicurati. Perché ben difficilmente il vostro morso verrebbe considerato una performance! Mentre la denuncia sarebbe cosa molto probabile! 

 

 

 

 

© Regiopress, All rights reserved