Galles
0
Svizzera
0
1. tempo
(0-0)
v-n-di-noss-il-bilancio-poco-lusinghiero-di-cassis-a-berna
(Keystone)
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
10 ore

Non schwa tutto bene

Il tentativo di rendere più inclusivo il linguaggio usando nuovi segni grafici rischia di provocare l'effetto contrario, aumentando le divisioni
Commento
10 ore

Ex Macello di Lugano, a terra la fiducia nelle istituzioni

Silenzi, comunicazioni del Municipio e amianto nelle macerie dell'edificio abbattuto, alimentano forti dubbi sugli organi dello Stato
Commento
1 gior

Emozioni, ‘normali’ emozioni

Si apre stasera a Roma con Italia-Turchia un Europeo che per quanto ancora condizionato dalla pandemia, rappresenta un importante passo verso la normalità
La formica rossa
1 gior

È tutto colpa di quello sbadato pacherista

A questo punto qualche municipale fresca di nomina potrà ben dirgli che è anche responsabilità sua se poi si è ritrovato a respirare aria inquinata d’amianto
Commento
2 gior

Avs 21, quando l’esperienza non insegna

Il Parlamento aumenta a 65 anni l’età di pensionamento delle donne. Ma le compensazioni sono insufficienti. Una scelta che potrebbe costare cara alle urne
Commento
2 gior

La legge sul terrorismo minaccia un po’ tutti

Quando si sposta dal tribunale alla stazione di polizia la facoltà di decidere chi perseguire, gli abusi sono dietro l’angolo
Commento
3 gior

La ‘confessione’ di Roman e il ritorno dei processi farsa

Pestato dalla dittatura bielorussa, Roman Protasevich ’ammette’ i suoi crimini in un siparietto tv che ci riporta ai tempi cupi del comunismo sovietico
La formica rossa
3 gior

Di demolizioni, silenzi stampa e risposte che tardano

Dopo la distruzione all’ex Macello le autorità sono reticenti. Silenzio non solo sull’autogestione, ma soprattutto sul modo in cui si usa il potere
Commento
4 gior

Concorrenza fiscale, il G7 ha detto stop

Il percorso per rendere il principio realtà sarà ancora lungo, ma la via è tracciata. Gli effetti ci saranno anche in Svizzera
Commento
5 gior

Una ‘normale’ legge sul CO2, imperfetta ma necessaria

La Svizzera subisce in pieno le conseguenze del cambiamento climatico. Un ‘no’ il 13 giugno farebbe perdere tempo prezioso, e i rischi aumenterebbero...
DISTRUZIONI PER L’USO
1 sett

Il Molino, le ruspe, la cancel culture a rovescio

Fino a ieri i tromboni nostrani lamentavano le demolizioni fasulle attribuite al ‘politically correct’. Come cambia in fretta il mondo, signora mia
Commento
1 sett

Il catastrofismo sul futuro dell’Avs è fuori luogo

Avs 21 propone cerotti. I cerotti non sono riforme. I soldi invece ci sono: alla Banca nazionale o adottando la micro imposta sui pagamenti digitali
Commento
1 sett

Le ruspe non hanno demolito soltanto l’ex Macello

L'intervento di sabato scorso – avallato dal Municipio e coordinato dalla polizia cantonale – mette in discussione lo Stato diritto e il 'contratto sociale'
L'analisi
1 sett

Bennett dopo Netanyahu, in Israele niente da festeggiare

Ormai da settimane il mantra salvifico degli oppositori campava sul cosiddetto 'TTB': tutto tranne Bibi. Ma c'è poco da crederci
Commento
1 sett

Il gpc nel parlamento delle meraviglie

In un momento in cui si dibatte di legalità la decisione del Gran Consiglio di reintrodurre il quarto giudice di garanzia è un'ottima notizia
Commento
1 sett

Un’incauta uscita dall’aula, la Lega che attacca sappia incassare

Quanto successo ieri in Gran Consiglio non va giustificato con il refrain dei leghisti diversi dagli altri partiti. Soprattutto dopo certi 'trattamenti domenicali'
La formica rossa
1 sett

Colpisci e terrorizza, in versione luganese

Un gesto bolsonarista degno di una qualsiasi favela di Rio. Ma pretendere uno spazio di autodeterminazione senza passare dal dialogo resta una chimera
Commento
1 sett

Il cieco, il sordo, il deserto della ragione

Demolizione del Molino: sul terreno resta un’idea di cultura, poco importa se sacrificata agli interessi di parte, al cinismo o al più miserabile egocentrismo
DISTRUZIONI PER L'USO
07.12.2019 - 06:000
Aggiornamento : 11.12.2019 - 14:36

Vün di nòss: il bilancio poco lusinghiero di Cassis a Berna

Glencore, Philip Morris, Unrwa, reset: parole chiave d’una politica estera svizzera che sta perdendo la consueta prudenza

Fino a un paio d’anni fa, la politica estera svizzera era una cosa silenziosa: il laconico Didier Burkhalter seguiva l’esempio dei suoi diplomatici, restando il più possibile lontano dai battibecchi della politica interna. Un ‘uomo delle istituzioni’, si sarebbe detto una volta. Poi è arrivato Ignazio Cassis: ciarliero, piacione, sempre lì a fare dichiarazioni alla stampa. A noi giornalisti va benone, ché altrimenti non sapremmo mai cosa scrivere. Anche come mossa di marketing, funziona: crea l’impressione di una diplomazia vicina al popolo, invece che trincerata dietro ai mogani di qualche lontana ambasciata. Resta da capire se tutto questo rumore significhi anche buona politica.

Reset

Quando è arrivato in dipartimento due anni fa, una delle prime promesse di Cassis è stata il “reset” nei negoziati con l’Europa. In verità il dialogo si è semplicemente arenato: nonostante gli sforzi di ottimi negoziatori, l’“apprendista” è riuscito a scontentare tutti, dai nazionalisti ai sindacati. L’ostruzionismo di destra e sinistra non è neanche colpa sua – il tema è controverso e ciascuno cerca di sfruttarlo a modo suo, invece di dialogare –, ma forse sarebbe stato più prudente non gonfiare le aspettative: evidentemente il reboante slogan ‘reset’ (1) ha rivelato in fretta tutta la sua vacuità, se non a Berna, almeno a Bruxelles. Il tango delle relazioni bilaterali si balla in due, ma a condurre la danza è sempre il tizio più grosso.

Musi lunghi

Nel frattempo, i diplomatici svizzeri si sono trovati attaccati ed esautorati dal loro stesso direttore. È successo ad esempio quando è saltata la firma del patto Onu sulle migrazioni, e Cassis sulla ‘Weltwoche’ si è scagliato contro il “comportamento di branco” del Dfae: “Il patto è un bell’esempio di come la politica estera abbia perso il legame con quella interna”, ha detto. Che in parte può anche essere vero, dato che i diplomatici svizzeri passano molto più tempo in missione nel mondo rispetto ai loro omologhi di altri paesi. Ma una certa divergenza della politica estera dalle dinamiche domestiche è inevitabile, te lo insegnano già alla prima lezione di Storia della diplomazia: ci si muove in una terra di mezzo, una dimensione per sua natura esterna alle singole realtà nazionali, dove l’autorità dei paesi che si confrontano sfuma sul bagnasciuga della Realpolitik. Dichiarare che “la politica estera è politica interna” significa solo incasinare i piani. Se poi questo essere ‘der Undiplomat’ servirà a Cassis per riformare il presunto mandarinato del suo dipartimento, resta da vedere. Per ora si vedono solo musi lunghi.

Diritti umani

Sempre nella logica della politica a bocca aperta rientrano le affermazioni sconcertanti sull’Unrwa, l’agenzia Onu che si occupa fra le altre cose dei profughi palestinesi. Suggerire che è inutile tenerne aperti i campi, illudendo i palestinesi circa un futuro rientro a casa loro, significa perdere la neutralità su uno dei più incancreniti conflitti mediorientali (ed entrare a piedi pari su organizzazioni che hanno in Svizzera un loro baricentro). Se questo è l’andazzo, è legittimo temere che i diritti umani stiano passando in secondo piano rispetto alle priorità economiche; d’altronde si può sospettare qualcosa di simile anche vedendo la nuova strategia di aiuto allo sviluppo, sempre più ristretta geograficamente.

Business is business

Poi non voglio far la pia verginella, non penso che la politica estera si possa fare senza agevolare i propri interessi di mercato, anzi: una delle principali leve diplomatiche svizzere è proprio quella economica. Ma da questo a elogiare spudoratamente un colosso minerario come Glencore – proprio mentre si stava discutendo l’iniziativa sulle multinazionali responsabili, guarda un po’ – ce ne passa. Ché poi si fanno anche delle gran figuracce: non fai in tempo a pubblicare il tuo tweet, e già i media ti ricordano i casi di avvelenamento in Zambia. Non è neanche l’unico scivolone: c’è stata la storia dell’iscrizione alla lobby delle armi, quella della Philip Morris che avrebbe dovuto sponsorizzarci all’Expo 2020, il tentativo di allentare le regole per vendere armi ai paesi in guerra civile.

Prudenza

Per ora, insomma, non è stato un gran bello spettacolo. Io poi non so se un seggio del Plr al Consiglio federale vada riassegnato o meno ai Verdi: la politica svizzera ha i tempi del ghiacciaio, non del torrente, e comunque mi pare un’ipotesi sempre più lontana (non lo dico per cerchiobottismo, giurin giurello). Inoltre un rappresentante ticinese, in un’ottica di governo federalista, potrebbe magari aiutare la minoranza italofona a farsi sentire dove più conta. Però il ritorno a una politica estera più prudente ed equilibrata, quantomeno nella forma, sta diventando urgente. A prescindere da chi occuperà la poltrona, e con buona pace dei corifei nostrani che si aggrappano al solito argomento da strapaese: “L’è vün di nòss”.

 

(1) Una precedente versione del pezzo indicava per errore lo slogan "Switzerland first" invece di quello "reset". Mi scuso per la svista. A onore di Cassis, va ricordato che il direttore del Dipartimento federale degli Affari esteri ha invece dichiarato "Da me non sentirete mai dire Switzerland First", esponendosi peraltro agli attacchi dei nazionalisti, nonostante dichiarazioni più ambigue sul tema rilasciate al Tages-Anzeiger 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved