laRegione
Nuovo abbonamento
il-capitalismo-sta-bene-chissa-il-mondo
Sistemi a confronto (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
15 ore

La nostra scuola in presenza e presente!

A chi non interessa sapere come se l’è cavata la nostra scuola durante il lockdown?
Commento
15 ore

Premi malattia, una stangata evitabile

I costi l'anno prossimo in Ticino aumenteranno in media dell'2,1%. Quattro volte in più rispetto a quanto avverrà nel resto della Svizzera
Commento
1 gior

Covid e crisi economica, la politica ripensi la propria funzione

Servono saggezza e altruismo per individuare quel paio di priorità su cui siglare un Patto di Paese che faccia uscire dal proprio cortile
Commento
1 gior

Paura batte cultura? Grosso problema!

Visite culturali ai tempi del covid: aumenta la prudenza!
L'analisi
1 gior

In Italia ha vinto il sì. A che cosa?

Vittoria scontata per il taglio dei parlamentari. Destra avanti nelle elezioni regionali
L'analisi
2 gior

Piccoli sovranisti in soccorso dello zar

La repressione in Bielorussia non scalda i cuoi dei nazionalisti europei allineati agli interessi di Putin
Commento
4 gior

Vitta, il ‘cigno nero’ e una certa idea di rilancio

In questa fase post-pandemica indebitarsi per sostenere la ripresa economica sarebbe il miglior investimento che il cantone possa fare
Commento
4 gior

La libera circolazione e i ‘rivoluzionari’ dell’Udc

Il partito, tradizionalmente ostile alle misure d’accompagnamento, ora si erge a paladino dei diritti dei lavoratori. Con una credibilità a pari a zero.
Commento
5 gior

Niente post per 24ore basta?

Fra odio e fake news, le star boicottano Instagram e facebook!
Commento
5 gior

Naturalizzazioni a Lugano, l’ambiguità della legge

Affidare compiti amministrativi a organi politici genera polemiche e imbarazzo, mentre prosegue lo ‘sciopero’ dei quattro membri leghisti delle Petizioni
Commento
16.11.2019 - 06:300

Il capitalismo sta bene. Chissà il mondo

Ci sono più cinesi che americani tra il 10% delle persone più ricche del pianeta. L'accumulazione ormai è un obbligo anche in un Paese formalmente comunista

Tra il dieci per cento delle persone più ricche del pianeta si trovano più cinesi che americani. Ce lo dice uno studio del Credito Svizzero.

Nella Repubblica popolare, guidata dal partito unico comunista da settant’anni, nonostante la strabiliante crescita, l’ineguaglianza regna sempre sovrana: l’uno per cento degli abitanti possiede il trenta per cento della ricchezza del Paese. L’80 per cento del valore aggiunto viene dal settore privato, strutturato in maniera capitalista.

Vien voglia di trarre subito qualche conclusione spiccia: tutto il mondo è paese, basta fare soldi; l’accumulazione del capitale è il motore e quindi anche i cinesi han preso il marxismo al rovescio; il capitalismo è in piena salute anche là dove non dovrebbe essere; aveva ragione tale donna di ferro che sentenziava “there is no alternative”, non c’è alternativa.

È vero, un buon sillogismo non vuole le conclusioni più grandi delle premesse. Aggiungiamo allora che negli ultimi anni siamo stati seppelliti da libri, articoli, sentenze di movimenti e partiti sulla scomparsa o il superamento del capitalismo.

Ancora lo scorso mese di settembre uno dei fari del capitalismo, il “Financial Times”, su un’intera pagina titolava: “Capitalism, Time for a Reset” (e tutti capiamo che significa). È rimasto nella memoria un forte e caustico articolo di un’altra bibbia del capitalismo, “The economist”, in cui si invitava a una trasformazione del liberalismo (ritenuto culla del capitalismo), sostenendo una necessaria ridistribuzione della fiscalità dal capitale verso il lavoro, dai pensionati che hanno accumulato grossi patrimoni verso le nuove generazioni, dall’assistenzialismo verso una più mirata azione nei confronti di chi non guadagna abbastanza.

Il liberalismo, insomma, doveva finalmente recitare un “mea culpa” perché, favorendo troppo i redditi da capitale e gli azionisti a detrimento dei salariati, ignorando o arrivando tardi e imbarazzato sui problemi ambientali, ha dato vita al revisionismo antiliberale radicatosi nei populismi o altri movimenti o partiti.

Lascia esterrefatti, e forse non solo gli attenti e non organici studiosi di economia, incappare in un qualificato economista americano, Branko Milanovic, conosciuto per le sue analisi fortemente critiche (v. in italiano i suoi straordinari “Ingiustizia Globale” o “America 2030”), che in una recente pubblicazione (“Capitalism, Alone”, Harvard U.P.) sembra dirci, quasi rassegnato, che il mondo ormai è quello che è. Il capitalismo ha raggiunto una potenza sinora mai raggiunta, sia per ampiezza geografica, divenendo il modo di produzione dominante, anche in Cina, sia per espansione in settori e modi dove ha creato mercati totalmente nuovi (tempo libero, media sociali, dati personali, affitto invece della proprietà), sia perché è riuscito a mercificare cose mai state oggetto di commercio (cure alle persone anziane, ai bambini, agli animali domestici, piatti cucinati serviti a casa, consegne a domicilio ecc.), trasformando semplici beni (valore d’uso) in merci (valore di scambio).

Rimangono due interrogativi inesplorati e più importanti: il capitalismo non è in crisi, ma si può dire che il mondo non è in crisi? C’è o non c’è un rapporto tra le conseguenze dell’uno (ineguaglianze, sfruttamento risorse umane e ambientali) e le realtà dell’altro?

© Regiopress, All rights reserved