laRegione
Nuovo abbonamento
dovere-di-informare-avvocati-e-mon-repos-permettendo
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
22 ore

Vitta, il ‘cigno nero’ e una certa idea di rilancio

In questa fase post-pandemica indebitarsi per sostenere la ripresa economica sarebbe il miglior investimento che il cantone possa fare
Commento
1 gior

La libera circolazione e i ‘rivoluzionari’ dell’Udc

Il partito, tradizionalmente ostile alle misure d’accompagnamento, ora si erge a paladino dei diritti dei lavoratori. Con una credibilità a pari a zero.
Commento
2 gior

Niente post per 24ore basta?

Fra odio e fake news, le star boicottano Instagram e facebook!
Commento
2 gior

Naturalizzazioni a Lugano, l’ambiguità della legge

Affidare compiti amministrativi a organi politici genera polemiche e imbarazzo, mentre prosegue lo ‘sciopero’ dei quattro membri leghisti delle Petizioni
Commento
3 gior

Voto ai 16enni: germogli della democrazia!

Si torna a dibattere della possibilità di accordare il diritto di voto ai sedicenni. Idea saggia? O ardita?
Commento
4 gior

Mancherà don Roberto, l’eroe della strada, vicino agli ultimi

Sanno risvegliarci dal torpore dell’impotenza davanti alla miseria altrui. Quando li incontri ti fanno venir voglia di essere una persona migliore
L'analisi
5 gior

Non è un paese per donne

La politica ticinese richiama le immagini di fine Ottocento: solo uomini saldamente al potere
Il ricordo
5 gior

Ciao 'Nene of Daro'

Quella sera ci disse che desiderava dare anche un contributo a chi si stava affacciando alla vita sportiva
Commento
6 gior

Procura, cinque cartellini rossi: genesi da chiarire

Il Gran Consiglio ha stabilito le regole sull'elezione di pp e giudici: vada allora a fondo sulle bocciature pronunciate dal Consiglio della magistratura
Commento
04.11.2019 - 07:000

Dovere di informare, avvocati e Mon Repos permettendo

Losanna sospende la pubblicazione del verdetto del Tpf sull'Imam di Lugano. Un media italiano lo divulga comunque. La cronaca giudiziaria? Da noi è sempre più difficile

La Costituzione federale all’articolo 16 (primo capoverso) afferma che “La libertà d’opinione e d’informazione è garantita”. E all’articolo 30, in tema di procedura giudiziaria, stabilisce (terzo capoverso) che “L’udienza e la pronuncia della sentenza sono pubbliche. La legge può prevedere eccezioni”. Bene. Il problema è che non di rado i principi costituzionali rimangono tali, stentano cioè a essere applicati. Non entriamo nel merito della domanda di naturalizzazione dell’Imam di Lugano e dunque della vertenza che lo oppone alla Segreteria di Stato della migrazione. Ci preme invece evidenziare – criticandola – la sua ostinazione nell’impedire di fatto la divulgazione della sentenza, motivata, con cui il Tpf, il Tribunale penale federale, gli ha respinto un reclamo. Tramite il proprio legale, si è rivolto al Tribunale federale di Losanna per sollecitare, formalmente, “un’anonimizzazione accresciuta” di quell’importante decisione. Stupisce che il legale dell’Imam, l’avvocato Paolo Bernasconi, solitamente, e giustamente, attento ai diritti e alle libertà fondamentali, abbia dimenticato, così sembra in questo caso, che tra le seconde c’è la libertà di stampa. E stupisce che il Tf, il Tribunale federale, abbia decretato la sospensione della pubblicazione di quella sentenza – con tanto di comminatoria dell’articolo 292 del Codice penale, l’articolo che sanziona chi non rispetta un ordine dell’autorità, per i giornalisti accreditati al Tpf – e ciò in attesa di deliberare sulla richiesta dell’Imam di una “maggiore anonimizzazione”. È peraltro lecito domandarsi se un Imam non sia un personaggio pubblico: se tale, non si giustificherebbero le tutele previste dalla legge per chi personaggio pubblico non è. Sia come sia, la sentenza del Tribunale penale federale è stata divulgata comunque: non da media svizzeri, bensì da ‘Libero’, quotidiano con sede in Italia, per il quale la comminatoria del 292 è quindi perfettamente inutile.

Tutto questo è l’ulteriore conferma di quanto sia difficile in Svizzera fare il giornalista soprattutto di giudiziaria, fra il garantismo esasperato della nostra procedura penale e la non rara mancata attuazione dei principi costituzionali citati all’inizio. Succede allora che i media ticinesi, e di riflesso l’opinione pubblica, ancora ignorino – non avendo avuto finora accesso alla sentenza di primo grado, neppure alla sua versione anonimizzata – le considerazioni del giudice che ha condannato per coazione sessuale un noto ex funzionario del Dipartimento sanità e socialità su eventuali responsabilità in seno al Dss all’epoca dei fatti. Succede allora che di episodi di nera accaduti in Ticino si conoscano protagonisti, significativi dettagli e sviluppi investigativi grazie alle rivelazioni di media/siti stranieri. Poi c’è il variegato mondo dei social, dove la comunicazione è però fuori da ogni controllo. A spese della veridicità.

© Regiopress, All rights reserved