laRegione
Nuovo abbonamento
simulazione-di-democrazia-rousseau-e-il-governo-giallorosso
(Keystone)
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
10 ore

Il festival che non c’è, dalla Piazza alle mascherine

Inevitabile, in questo strano 2020 pandemico, pensare a quello che è stato il Festival di Locarno, a quella condivisione che non c'è più. E che speriamo ritorni
Commento
1 gior

Ho visto un re (che scappava)

La parabola di Juan Carlos e la fine delle monarchie
L'analisi
2 gior

Lukashenko pronto a tutto per sopravvivere

Il presidente bielorusso 'ruba' le elezioni e sfida anche la Russia
Commento
3 gior

Bentornata, scuola: quanto ci sei mancata

La scuola è prima di tutto un punto di riferimento nella vita dei giovani: una funzione primaria che purtroppo è venuta meno per diversi mesi
Commento
4 gior

Mpc e Tpf, tornino protagonisti inchieste e processi

Dalla magistratura penale federale i cittadini si aspettano risultati investigativi e sentenze, soprattutto sui dossier importanti. Non (presunti) casi di mobbing interni
L'analisi
4 gior

Il giorno della rabbia nella tragedia libanese

Molti slogan ‘laici’ nelle proteste di sabato. Ma un Libano unito dalla e nella laicità sembra ancora un sogno irrealizzabile
Commento
6 gior

Ghiaccio bollente e tanti punti interrogativi

Mentre Ambrì e Lugano tornano a pattinare, il Losanna rinvia l'appuntamento col ghiaccio in attesa di novità
Commento
1 sett

L'uso della mascherina tra libertà e responsabilità individuale

La decisione di ieri del Consiglio di Stato è un atto di fiducia nei nostri confronti. A noi, adesso, mostrare coscienza e fare della nostra libertà l'uso migliore
Commento
03.09.2019 - 20:120
Aggiornamento : 21:58

Simulazione di democrazia: Rousseau e il governo giallorosso

Il 'sì' quasi bulgaro dei militanti Cinquestelle salva l'Italia da conseguenze grottesche. Ma conferma la concezione scellerata di democrazia del Movimento

Alla fine i militanti del Movimento 5 stelle hanno deciso di benedire con maggioranza quasi bulgara la nascita di un nuovo governo col Partito democratico. Si possono nutrire tutti i dubbi del caso sulla trasparenza del voto e sull’attendibilità del risultato: la vittoria del ‘sì’ è comunque un bene. Non tanto per il futuro del governo e dell’Italia, che resta nebuloso, ma perché almeno non abbiamo dovuto assistere alle conseguenze grottesche di una bocciatura: i rappresentanti degli elettori – 11 milioni solo quelli che hanno votato Cinquestelle – sconfessati con un clic da 80mila militanti; la Costituzione subordinata a Rousseau, un ‘sistema operativo’ che il Garante per la privacy ha già sanzionato perché opaco e manipolabile, controllato direttamente dai padri-padroni Grillo & Casaleggio; la democrazia sostituita dalla sua simulazione.

Rimane il fatto che il rischio c’è stato, e che episodi del genere devono preoccupare chi intende governare con il Movimento. Vuoi per ricatto politico, vuoi per cecità ideologica, a ogni screzio i grillini potranno ancora impugnare la fantomatica ‘base’ per forzare a loro piacimento il meccanismo istituzionale. D’altronde è da un pezzo che Beppe Grillo lo promette: “Apriremo il Parlamento come una scatoletta di tonno”. Leggi: subordineremo la repubblica al nostro movimento, con la scusa della democrazia diretta. Il costituzionalista Sabino Cassese nota il paradosso: così i paladini de ‘laggente’ “rinverdiscono i fasti della partitocrazia”. E se Leonardo Sciascia fu forse ingrato col filosofo della ‘volontà generale’, le sue parole spiegano bene le tattiche del portalino che ne ruba il nome, e soprattutto la scellerata concezione politica che le sdogana: “Proclamando che la parte può sostituire il tutto, Rousseau è all’origine dei principali mali del nostro secolo”.

Nell’attesa della lista dei ministri – si attende quantomeno la normalizzazione del ministero dell’Interno preso in ostaggio dalla propaganda di Salvini –, s’inizia anche a discutere di programma. Per ora, come al solito, si promette di tutto: più spesa pubblica e meno tasse, “rimuovere le diseguaglianze”, Green New Deal, taglio dei parlamentari, aiuti al Sud, digitalizzazione, lotta alle mafie, rilancio di Roma. Sembra la letterina a Babbo Natale (“posso avere anche un pony?”). Intanto Luigi Di Maio ha subito fatto sapere che la priorità è il taglio delle ‘poltrone’: perché se hai un computer, che te ne fai d’un Parlamento?

 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved