laRegione
Nuovo abbonamento
la-helpline-e-la-voglia-oscura
(Foto Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
20 ore

Niente post per 24ore basta?

Fra odio e fake news, le star boicottano Instagram e facebook!
Commento
20 ore

Naturalizzazioni a Lugano, l’ambiguità della legge

Affidare compiti amministrativi a organi politici genera polemiche e imbarazzo, mentre prosegue lo ‘sciopero’ dei quattro membri leghisti delle Petizioni
Commento
1 gior

Voto ai 16enni: germogli della democrazia!

Si torna a dibattere della possibilità di accordare il diritto di voto ai sedicenni. Idea saggia? O ardita?
Commento
2 gior

Mancherà don Roberto, l’eroe della strada, vicino agli ultimi

Sanno risvegliarci dal torpore dell’impotenza davanti alla miseria altrui. Quando li incontri ti fanno venir voglia di essere una persona migliore
L'analisi
3 gior

Non è un paese per donne

La politica ticinese richiama le immagini di fine Ottocento: solo uomini saldamente al potere
Il ricordo
4 gior

Ciao 'Nene of Daro'

Quella sera ci disse che desiderava dare anche un contributo a chi si stava affacciando alla vita sportiva
Commento
4 gior

Procura, cinque cartellini rossi: genesi da chiarire

Il Gran Consiglio ha stabilito le regole sull'elezione di pp e giudici: vada allora a fondo sulle bocciature pronunciate dal Consiglio della magistratura
Commento
6 gior

Il Lockdown e la sfida climatica

Durante il confinamento la natura si è ripresa i suoi spazi? Non è così semplice. E, spiegano gli esperti, l'impatto sul riscaldamento globale è minimo
Commento
6 gior

Giudici, Merlini e agli altri i pomodorini

Ansia e imbarazzo in casa liberale radicale a Locarno dopo le dimissioni di Salvioni. Oppure era tutto previsto
Commento
06.04.2019 - 09:500

La helpline e la voglia oscura

Si stanno moltiplicando le piattaforme di ascolto per pedofili e ‘maltrattatori’ di anziani. C’è però il dubbio che questi sforzi siano vani

Arriverà ‘Io-No’, uno sportello psicologico che aiuta chi ha pulsioni pedofile a non trasformarle in realtà criminale, il suo scopo è ascoltarli e invitarli a farsi aiutare prima che facciano male a un bambino.

Proprio in questi giorni è stata lanciata anche la ‘helpline’ per prevenire la violenza nei confronti degli anziani, che di frequente avviene tra le mura domestiche per un sovraffaticamento di chi assiste un familiare malato. Chi vive questi drammi spesso si sente un mostro. Non sa che cosa fare, con chi parlarne, si sente isolato, spaventato. Temi tabù, avvolti da vergogna e paura di essere giudicati.

Benvengano dunque nuove piattaforme di ascolto specializzato. Un primo passo per trovare delle soluzioni a vantaggio della società intera, garantendo anonimato e discrezione a chi si fa avanti. Ma occorre garantire anche terapie adeguate. E qui abbiamo qualche dubbio.

Se per il maltrattamento degli anziani c’è una rete da attivare per sgravare chi per troppa stanchezza rischia di alzare la voce o le mani su un parente malato e indifeso, ci chiediamo quanto invece siano preparati i professionisti ad aiutare chi autodenuncia le proprie pulsioni sessuali verso un fanciullo. 

Lo diciamo dopo aver visto come lavora l’istituto forense Forio di Frauenfeld, l’unica struttura in Svizzera che si occupa di giovani condannati per reati sessuali, ma dal 2006 aiuta anche chi ha tendenze pedofile: oltre cento uomini (dai 18 ai 68 anni) si sono autosegnalati.

Come ci ha spiegato in un recente approfondimento Meinrad Rutschmann, viceresponsabile della struttura, tra i pedofili c’è chi si limita a desiderare, c’è chi fatica a controllare gli impulsi, c’è chi ce la fa a tratti ma teme di perdere il controllo.
Nel suo team ci sono venti terapeuti (psichiatri, psicologi, pedagogisti, mediatori, esperti in terapie per criminali violenti) che insegnano a chi ha tendenze pedofile ad autoresponsabilizzarsi, a tenere sotto controllo le pulsioni lavorando anche sui comportamenti, usando varie tecniche, come evitare situazioni di pericolo, così da non passare dalle fantasie all’atto. Ad esempio non andare in piscina quando ci vanno le scuole e vi sono bimbi a nuotare. Oppure allontanarsi se un bimbo si avvicina. O stare lontano dagli spogliatoi se ci sono minori. La terapia può durare anche anni e c’è il supporto di una struttura professionale.
Purtroppo la pedofilia, per molti aspetti, rimane ancora un mistero. Non si conoscono le cause. Non si guarisce, ma si impara a gestire questa ossessione sessuale per i bambini. E non ci sono certezze granitiche sul successo delle terapie messe in campo. Così ci spiegavano gli esperti del Forio, che lavorano in rete con il progetto tedesco ‘Kein Täter werden’ dell’istituto di medicina sessuale dell’ospedale universitario Charité di Berlino. Se gli esperti del settore con una lunga esperienza alle spalle sono così drammaticamente umili nell’esporre tutti i loro limiti, ci chiediamo quanto possa realmente fare un normale terapeuta, seppur bravo, motivato e illuminato, alle prese con una persona con tendenze pedo­file.

Il lavoro non manca di certo: le statistiche parlano di un caso su 100 uomini, ossia 20mila potenziali pedofili in Svizzera (fonte kein-täter-werden.de). Una tale diffusione imporrebbe più centri specializzati. Un pedofilo assistito può significare numerosi bimbi salvati.

© Regiopress, All rights reserved