laRegione
Nuovo abbonamento
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
6 ore
Contro l'orrore dei padri-padroni, i silenzi e le paure!
Bisogna far sapere alla vittima che, una volta calato il silenzio nell’aula delle Criminali, non sarà lasciata sola dalle autorità!
Commento
21 ore
Covid: c‘è chi fatica e c‘è chi frega!
Il parlamento aumenti le sanzioni per chi tradisce, in un momento così drammatico per tanti, la fiducia riposta dall’ente pubblico nel singolo!
Commento
21 ore
Essere il paese dei filantropi è rischioso
Sì se c'è un uso improprio del dono e se c'è filantropia interessata, politicizzata, fiscalmente liberatoria...
Commento
1 gior
Il virus dei poveracci, un massacro silenzioso
La pandemia e il lusso di avere una corretta informazione, di avere acqua e sapone per lavarsi le mani, mascherine e spazio per stare lontani
Commento
3 gior
Quale dei tre? Quiz estivo... Maudet, Lauber o Blocher
Spiccano un individualismo e una sfacciataggine sfrenati: quello che conta sono loro, convinti di essere sempre e solo nel giusto!
L'analisi
3 gior
Vince Putin, non la Russia
Con la nuova Costituzione lo ‘zar’ potrà governare fino al 2036. Dovrà però fare i conti con diverse fessure sul piano economico e sociale.
Commento
5 gior
La mente e il grilletto: due pensieri su una strage sventata
La strage sventata alla Commercio deve farci riflettere non solo su come sia facile perdere la testa, ma anche su quanto lo sia armarsi fino ai denti
Commento
6 gior
Covid: movida e vacanze, rialzare la guardia, prego!
Mascherine da estendere anche a negozi e luoghi affollati! E poi, perché tirarsi addosso un lavoro immane per mettere in quarantena centinaia di persone?
Commento
26.03.2019 - 23:130

Una finta guerra che qualcuno vinse

Si rassegnino Cesare Battisti e i molti che lo elevarono al rango di perseguitato politico, dipingendo l’Italia come una dittatura sudamericana

Non era una guerra. Si rassegnino Cesare Battisti e i molti – in Italia e altrove – che lo elevarono al rango di perseguitato politico, dipingendo l’Italia come una dittatura sudamericana: quello dei cosiddetti “anni di piombo” fu un passaggio tragico e criminale, ma non una guerra.

Ma nella valanga di improperi che ha investito Battisti per aver detto di avere ritenuto “allora” di “essere in guerra” è facile riconoscere un fondo di ambiguità, ignoranza storica e malafede. A definire in termini bellici un conflitto sociale che prese anche una forma violenta grave ed estesa fu infatti anche una classe politica interessata soprattutto a delegittimare un fermento che ne minava l’intoccabilità. E qui non sono tanto in discussione le controverse “leggi speciali”; misure, per vituperate che siano, a cui tutti gli stati ricorrono nelle fasi di stress acuto come quegli anni. Piuttosto, va ricordato che la deformazione culturale e politica fu quella dell’arroccamento di un sistema politico, che della “guerra al terrorismo” fece una foglia di fico per coprire le proprie vergogne. Con il concorso sciagurato del “partito armato”, d’accordo.

E non solo di questo si tratta. Se proprio si vuole parlare di guerra, pur in un’accezione molto estesa, allora va detto che primi a teorizzare e praticare una “guerra non ortodossa” – per imporre in Italia uno stato autoritario, cementarne la fedeltà atlantica e sventare l’avvento delle sinistre al potere (una tipica paranoia anticomunista) – furono semmai gli ambienti del fascismo residuale associati ad apparati dello stato, che a lungo godettero di protezione e in qualche misura anche di incoraggiamento dalle più alte cariche istituzionali. Si ripercorrano la genesi e la storia giudiziaria della strage di Piazza Fontana (12 dicembre 1969) collocandole nelle drammatiche vicende dei tre decenni successivi per averne conferma: il lungo lavoro di occultamento delle responsabilità dirette e indirette procedette – punteggiato di altri massacri – parallelamente alla parabola ascendente e poi alla disfatta del terrorismo “rosso”. Quest’ultimo sconfitto (o forse “estinto”) militarmente, in sede giudiziaria, e marchiato d’infamia; i colpevoli riconosciuti di Piazza Fontana mandati assolti e non più processabili, come ammise sconsolato il giudice Guido Salvini.

Questo non giustifica niente e nessuno. Del resto, le avanguardie del “partito armato” non necessitavano di argomenti, bastando loro uno sventurato accecamento ideologico. È solo che se davvero si vuole parlare di guerra è bene guardare da che parte arrivano i colpi. Quasi mai il solo colpevole è l’ultimo a venire preso.

© Regiopress, All rights reserved