laRegione
Nuovo abbonamento
oggetti-smarriti-due-righe-sul-dilemma-radicale
(Wikipedia)
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
15 ore

Niente post per 24ore basta?

Fra odio e fake news, le star boicottano Instagram e facebook!
Commento
15 ore

Naturalizzazioni a Lugano, l’ambiguità della legge

Affidare compiti amministrativi a organi politici genera polemiche e imbarazzo, mentre prosegue lo ‘sciopero’ dei quattro membri leghisti delle Petizioni
Commento
1 gior

Voto ai 16enni: germogli della democrazia!

Si torna a dibattere della possibilità di accordare il diritto di voto ai sedicenni. Idea saggia? O ardita?
Commento
2 gior

Mancherà don Roberto, l’eroe della strada, vicino agli ultimi

Sanno risvegliarci dal torpore dell’impotenza davanti alla miseria altrui. Quando li incontri ti fanno venir voglia di essere una persona migliore
L'analisi
3 gior

Non è un paese per donne

La politica ticinese richiama le immagini di fine Ottocento: solo uomini saldamente al potere
Il ricordo
4 gior

Ciao 'Nene of Daro'

Quella sera ci disse che desiderava dare anche un contributo a chi si stava affacciando alla vita sportiva
Commento
4 gior

Procura, cinque cartellini rossi: genesi da chiarire

Il Gran Consiglio ha stabilito le regole sull'elezione di pp e giudici: vada allora a fondo sulle bocciature pronunciate dal Consiglio della magistratura
Commento
6 gior

Il Lockdown e la sfida climatica

Durante il confinamento la natura si è ripresa i suoi spazi? Non è così semplice. E, spiegano gli esperti, l'impatto sul riscaldamento globale è minimo
Commento
6 gior

Giudici, Merlini e agli altri i pomodorini

Ansia e imbarazzo in casa liberale radicale a Locarno dopo le dimissioni di Salvioni. Oppure era tutto previsto
DISTRUZIONI PER L'USO
6 gior

Quello dei permessi non è un problema solo per gli stranieri

L'idea che una "chiara scelta politica" generi frizioni col diritto dovrebbe preoccupare tutti. Come pure certi controlli vessatori
Il dibattito
22.03.2019 - 16:140

Oggetti smarriti (due righe sul dilemma radicale)

Che spazio resta alla sinistra nel Plr di oggi? Spoiler: mica tanto

Aiutare il Plr a raddoppiare, oppure il Ps a restare in governo? Il dilemma non riguarda solo i radicali ‘tesserati’, ma chiunque si riconosca in un’idea di progressismo liberale, per quanto mutevole ed eterogenea. Elettori che si sentono sempre più oggetti smarriti, o meglio abbandonati dai rappresentanti politici del partitone; e con poche probabilità che vadano a riprenderseli, dato che il vento tira in tutt’altra direzione.

È lì da vedere: di ‘radicale’, nel Plr, non resta quasi più nulla (il fatto che nel partito la discussione sul tema sia svolta dalla vecchia guardia, come quando a scuola non riesci a ragionare con gli allievi e ti tocca convocare i genitori, la dice già lunga). Che si guardi ai generali o alla fanteria, il piano d’attacco del partito resta quello del liberismo più caricaturale. Resta escluso chi guarda sì con diffidenza al dirigismo e alle ideologie ipernormative, ma crede pure che il laissez-faire non basti per un benessere sostenibile e diffuso.

Ché poi nel Plr, a essere sinceri, c’è anche da capire quanto resti di liberale. A volte, sotto certi striscioni, più che l’economia di mercato si indovina quella di bottega. Non è certo un successo del libero mercato la fashion valley nostrana, che alle mire degli ‘ottimizzatori’ fiscali ha offerto “capannoni inaccessibili, simili a moderni penitenziari”, per dirla con le parole di Orazio Martinetti su ‘Azione’. Né lo è il minestrone della riforma fiscale-sociale, i cui sgravi incoraggiano più le speculazioni finanziarie degli investimenti sul territorio.

D’altra parte non è radicale – e forse neppure liberale – allentare la difesa del mercato comune a due passi dalle elezioni, e giocare costantemente in difesa di fronte alla narrazione primanostrista. “Dove passano le merci, non passano gli eserciti”, insegnava Frédéric Bastiat; vale anche per le persone, purché si giochi secondo regole forti e condivise. Non si può invocare la società aperta solo quando fa comodo.

Saranno poi pochi e invecchiati, i radicali e i loro simili. Ma è difficile che quei pochi rientrino ancora in questo ‘pi-pseudoelle-meno-erre’. Per quel che vale potrebbero provare a fare il test ‘smartvote’, per capire come si posizionano rispetto alle idee e ai programmi degli attuali candidati. Quando ci ho provato, mi sono stupito parecchio: praticamente risulto a due passi dal marxismo-leninismo, pur tenendo ‘La ricchezza delle nazioni’ sul comodino e ‘L’oppio degli intellettuali’ sul tavolino del salotto (radical-chic, suppongo). Segno di come l’asse della politica ticinese si sia spostata drasticamente – e spesso acriticamente ­– verso destra.

Poi non è detto che i radicali possano trovare nel Ps una nuova ‘casa’. Spesso anemici e divisi nel proporre una visione di sviluppo alternativa – lo si è visto proprio con la riforma fiscale-sociale –, i socialisti mostrano pure residui statalisti e toni moraleggianti che al libertario fanno venire l’orticaria: era uno dei limiti della ‘Scuola che verrà’, fra l’altro.

L’argomento migliore per la difesa del seggio Ps rimane però lo scenario alternativo: due leghisti e due (pseudo)liberisti al governo, insieme a un Ppd divenuto, sotto Dadò, leghismo con la medaglietta della prima Comunione al collo (e infatti anche lì lo scontento, nella vecchia guardia di ispirazione cristiano-sociale, è palpabile). Più a destra di così, c’è solo Attila.

© Regiopress, All rights reserved