laRegione
Nuovo abbonamento
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
20 ore
È una questione di rispetto ed educazione
In montagna avere attenzione per le misure di protezione contro il coronavirus e per l’ambiente significa avere a cuore il lavoro di tante persone
Commento
20 ore
Signora Magdalena, lo Stato merita rispetto!
La figlia di Christoph Blocher faceva forse meglio a inventarsi qualcosa d'altro da dire improvvisandosi avvocato difensore di suo padre!.
Commento
1 gior
Ricordare Srebrenica
Venticinque anni fa il più grave massacro compiuto in Europa dalla fine della Seconda guerra mondiale
L'analisi
2 gior
Coronavirus, il rischio economico si è attenuato
Le imprese svizzere, stando a Ubs, si attendono un ritorno alla situazione pre-crisi in tempi più rapidi
Commento
2 gior
Contro l'orrore dei padri-padroni, i silenzi e le paure!
Bisogna far sapere alla vittima che, una volta calato il silenzio nell’aula delle Criminali, non sarà lasciata sola dalle autorità!
Commento
3 gior
Covid: c‘è chi fatica e c‘è chi frega!
Il parlamento aumenti le sanzioni per chi tradisce, in un momento così drammatico per tanti, la fiducia riposta dall’ente pubblico nel singolo!
Commento
3 gior
Essere il paese dei filantropi è rischioso
Sì se c'è un uso improprio del dono e se c'è filantropia interessata, politicizzata, fiscalmente liberatoria...
Commento
4 gior
Il virus dei poveracci, un massacro silenzioso
La pandemia e il lusso di avere una corretta informazione, di avere acqua e sapone per lavarsi le mani, mascherine e spazio per stare lontani
Commento
5 gior
Quale dei tre? Quiz estivo... Maudet, Lauber o Blocher
Spiccano un individualismo e una sfacciataggine sfrenati: quello che conta sono loro, convinti di essere sempre e solo nel giusto!
L'analisi
6 gior
Vince Putin, non la Russia
Con la nuova Costituzione lo ‘zar’ potrà governare fino al 2036. Dovrà però fare i conti con diverse fessure sul piano economico e sociale.
Commento
1 sett
La mente e il grilletto: due pensieri su una strage sventata
La strage sventata alla Commercio deve farci riflettere non solo su come sia facile perdere la testa, ma anche su quanto lo sia armarsi fino ai denti
Commento
21.09.2018 - 06:300

Roveredo al bivio al voto

Insperato 'regalo' da errori del passato! E ora imboccare una strada nuova...

Fra le tante votazioni che si terranno il fine settimana – oltre a quella sulla scuola che verrà (verrà?) – ce n’è una particolarmente interessante. Si tratta della decisione su come utilizzare gli spazi (ben 10mila metri quadrati!) lasciati liberi a Roveredo dopo la deviazione dell’autostrada in galleria. Un’autostrada le cui carreggiate per decenni hanno diviso in due e ferito il paese del Grigioni italiano. La votazione coinvolge una comunità relativamente piccola (poco più di 2’500 anime) che una quarantina d’anni fa aveva accettato (consapevolmente quanto, visto il successivo aumento del traffico?) di vedere tagliato in due il proprio territorio. Un po’ com’è successo in Ticino a Bissone. Questo mentre altri Comuni, probabilmente più forti o più fortunati o con politici più accorti, non accettarono simili compromessi. Ricordiamo l’altolà di Faido, che visse un dibattito – oggi diremmo vitale – sul percorso dell’autostrada: dove farla scorrere, nei pressi del paese o a mezza montagna? Puntando sulla montagna e sulla galleria, Faido si salvò dall’invasività dell’infrastruttura. Ma un analogo errore, se non ci fosse stato un provvido referendum, lo si sarebbe ripetuto – ecco un esempio più recente – col progetto di nuova superstrada che avrebbe tagliato a metà il già martoriato Piano di Magadino fra la mega rotonda dell’aeroporto e lo svincolo A2 di Camorino. Progetto che, solo per merito del voto, è stato ora rivisto e ridisegnato in modo da non essere più così invasivo grazie a un tracciato posto parzialmente in galleria nella montagna. Come volevasi dimostrare, a volte il voto può anche bloccare un progetto nato sbagliato, offrire del tempo per correggerlo e constatare che una soluzione migliore (anche se a volte più costosa) è possibile nell’interesse della salvaguardia del verde e dell’ambiente, entrambe risorse sotto pressione.

Quanto al nuovo progetto edificatorio di Roveredo, praticamente ‘chiavi in mano’ e contestato da una parte della popolazione, è più che giusto che grazie agli strumenti della democrazia diretta si sia potuto discutere pubblicamente e ora si giunga al verdetto finale. È importante che gli abitanti abbiano riflettuto su come ridisegnare quegli spazi, dopo che per decenni la comunità è rimasta ostaggio del traffico di transito, dei rumori e dell’inquinamento. È evidente che le migliaia di metri quadrati attirino investitori interessati, a maggior ragione in questi anni di surriscaldamento del mercato immobiliare. Ma davvero c’è così fretta di fare e strafare, se non c’è il necessario consenso da parte di una buona parte della comunità? Se ci sono dubbi? Se ci sono sogni d’altro? E, aggiungiamo, se sotto gli occhi si hanno tante brutture urbane spuntate dalla mattina alla sera?

Dovendo votare su questo o quel progetto mi chiederei – lo ammetto senza aver studiato nei dettagli il dossier – quanto quello proposto sia veramente innovativo rispetto sia a soluzioni classiche ideate dai soliti palazzinari, sia alle odierne esigenze che sono quelle di avere spazi pregiati destinati all’aggregazione delle persone, troppo spesso dimenticati dall’ente pubblico rilasciando sfilze di singole licenze edilizie ai privati. E poi, mi chiederei pure cosa ci sia di particolare nel progetto proposto, pensando anche a una popolazione che ‘volens nolens’ è destinata a invecchiare e a coloro che potrebbero poter scegliere Roveredo per fondare una nuova famiglia. Non da ultimo, cosa potrebbe/dovrebbe fungere da calamita visto che si ridisegna un quartiere ex novo? E infine, non vale forse la pena tenere ferme alcune aree, in vista di future idee/esigenze? Sono un insperato ‘regalo’ da errori del passato. Ora che si è finalmente deviato, meglio continuare su una strada nuova.

© Regiopress, All rights reserved