Commento
19.01.2018 - 06:300

Perché tagliarci la lingua?

La forza della voce. E della parola. Che è poi il nostro essere umani.

La forza della voce. E della parola. Che è poi il nostro essere umani. La forza della lingua che ci fa sentire comunità e ci dona appartenenza. Scriveva Tzvetan Todorov: “La lingua non è uno strumento neutrale, è impregnata di pensieri, azioni, giudizi trasmessi dal passato; essa delinea la realtà in una maniera particolare e infonde in noi una specifica visione del mondo”. Pensiamoci un attimo. La lingua ci racconta la realtà in un certo modo e non in un altro e dunque ci permette di distinguere cosa ci è davvero utile e cosa meno. E questa comprensione, ci dice il filosofo francese d’origine bulgara scomparso all’inizio del 2017, ci aiuta (o ci orienta) nel giudizio sulle cose del mondo. Quando impariamo a parlare, leggere e scrivere la nostra lingua, diventiamo di fatto membri della comunità di appartenenza. Ecco perché conoscere la propria lingua significa conoscere la propria storia e immaginare il futuro.

Chi può fornirci gli strumenti per arrivare a tanto? L’educazione scolastica, beninteso, ma anche tutto ciò che è “servizio pubblico”, ovvero una prestazione pagata da tutti per essere a disposizione di tutti, in ugual misura e portata. Che certo non impedisce ad altri, operatori privati, di fare altrettanto; di partecipare alla crescita della conoscenza individuale e collettiva, ma senza obbligo di sorta. Il servizio pubblico, al contrario, riceve un mandato – affidato dagli eletti democraticamente – che deve rispettare. Vincolante. Se quanto sin qui detto è vero, lo è ancor di più in una realtà confederale qual è quella svizzera. Lo è per le minoranze, bisognose di una voce forte e autorevole per essere ascoltata là dove le maggioranze decidono.

Questo e non altro è stata ed è oggi la Radiotelevisione svizzera di lingua italiana. Di lingua, appunto, che vuol dire molto, tanto di più di quanto riusciamo ad ascoltare e vedere ogni giorno alla radio o alla televisione. È identità, è appartenenza, è “pensieri, azioni, giudizi trasmessi dal passato” appunto. Detta altrimenti, senza una voce importante e pubblica non vi è più garanzia di autonomia, di progetto, di riconoscimento. Di più. Se perdiamo la voce che ci rappresenta (perché questo e non altro è la Rsi), che ci racconta, restiamo anche senza la possibilità di criticare e giudicare la rappresentanza e il racconto. Quanti di noi hanno piacere di criticare la Rsi e sono al contempo consapevoli che lo possono fare per il solo fatto che questa esiste? E ha un prezzo. Perché essere parte, membri di una comunità, senza pagare pegno è certo ambizione ingenua. Si paga in altro modo e oltretutto senza consapevolezza.

Dunque difendere il servizio pubblico radiotelevisivo significa, a ben vedere, lottare per difendere la nostra stessa identità. Meglio, il nostro processo identitario che si plasma quotidianamente. Se spegniamo quella voce – perché se passa l’iniziativa ‘No Billag’ di questo si tratta e non di altro – ridimensioniamo il ruolo della nostra lingua e dunque di noi stessi. D’accordo, magari va rimodulata, accordata ai tempi e alle nuove esigenze tecnologiche. Forse è una voce un po’ afona, ma da qui al silenzio…

Potrebbe interessarti anche
Tags
voce
lingua
essere
appartenenza
comunità
servizio pubblico
servizio
forza
© Regiopress, All rights reserved